Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

AMICI VI APRO IL MIO...
Non ci riesco...
Rinascita...
Passi!...
UNA STORIA PERVERSA...
Una faccia di cera...
L'indefinito...
VORREI SCRIVERE...
Animo inquieto...
Il respiro del cuore...
ORME...
Escherichia coli...
Ciò che vedo...
RICORDI...
Il fare dell'amore...
Tenebre...
Le mie contraddizion...
Rosa tenue...
Essere...
per sempre...
Inganni...
Ti ho amato...
sola...
Sai......
SolLeone...
Nella fioca luce...
Fare il merlo...
ER VERBO (satira)...
L'inquietudine...
SILENZIO...
Sudore...
Solo amore...
Piccole emozioni...
PENSIERI IN VOLO...
Il Tacchino indovino...
Eco infinito...
Nell'attimo del gior...
L'ultimo tram...
Stato...
IO SONO LA BAMBINA D...
Privilegiare il rapp...
L'anima che vola...
Il cucciolo di orso ...
Il gallo e il bue...
Sei tornata sui tuoi...
Terremoto...
La politica...
Una Donna molto brut...
Le parole che (non) ...
Le mani nella terra...
Foglie morte...
BRICIOLE DI LUCE...
La mia piccola casa ...
MUSICA PER L' AN...
Quando!...
Mamma abbracciami...
Il brusio del mare...
OMETTI E VOLPI...
Un suonatore...
Delitto zia Marini...
È il cuore che ti vu...
Vorrei parole...
Ti ritrovo...
Devi essere più fort...
Galoppo...
Flash back...
PASSI...
Non riusciamo a sfr...
A mio figlio...
Acqua di mare...
Speranze a terra...
OMBRE SENZA ETA'...
Il premio per chi s...
Girasole...
Strane forme......
ER RITORNO DE GESU\'...
Il piccolo porto...
Piccole dosi d'amore...
Due parole per Franc...
Non Voglio più amare...
LA SENTENZA DEI GIOR...
SCRIVO PER TE...
Il mare è calmissimo...
Ahmed e Trabelsi...
UNA STUPIDITA'? O UN...
Il richiamo...
La Puzzola eccitata...
Abbandonato dalle ci...
Dritto da te...
Saporiti......
Non spegnere la luce...
Il credo di un poeta...
Nella Vita noi siamo...
LA PERSONA CHE AVREI...
CHE AFA...
SOLSTIZIO D\'ESTATE...
Chissà se verrà......
La vita può regalar...
Manifestazione d\'am...
La mia estate...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

IL PONTE SOLITARIO

Nato da mani d'uomo,
se ne stavi lì
sdraiato in mezzo
al vuoto



Dimora dei monti
non aveva mani,
non aveva occhi,
eppur vedeva mille orizzonti



schiere di abeti
e tessuti di stelle
facevan da guardia
al posto dei beoti



dalla valle un lamento
calpestato dalla testa ai piedi
portava anime e sogni
neanche un ringraziamento



Sospeso fra inferno e paradiso
scrutava pesci argentati,
le lacrime pesanti
solcavano il suo viso


fratello Sole e sorella Luna
abbiatene cura
nella sua piccola radura,
nella sua piccola radura.



Share |


Poesia scritta il 18/06/2017 - 15:00
Da Gabriele Salucci
Letta n.27 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?