Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Giù sulla strada

C’è un filo di luce che collega la terra al sole,
lo colgo stando disteso su questo crinale verde.
E’ passata una giornata,
e io sono ancora giù sulla strada.


Sento il frinire degli insetti come una naturale
colonna sonora di questo posto.
Sento le scapole alate sotto il maglione
e il tuo borbottio dimesso, incompiuto.


E’ da tanto che sono fuori di casa.
C’è una siepe che delimita l’orizzonte,
e non mi fa scorgere cosa c’è più in là
Sono giù, giù sulla strada.


Ampi rigagnoli scorrono verso valle.
L’acqua è fresca, sa di montagna.
M’immergo i piedi in questo scrosciare lento
e penso a te che stringi un gatto in grembo.


Ho mangiato poco durante questa mia dipartita,
ma ho pensato molto, in compenso.
E ho capito quanto in fondo ti amo,
ora che vado giù, giù sulla strada.


Accelero il passo per arrivare prima da te
e colmare i tuoi vuoti di un pieno devoto, buono.
Starai ancora lì ad aspettarmi,
ora che sono giù, giù sulla strada?



Share |


Poesia scritta il 17/09/2017 - 13:36
Da Giulio Soro
Letta n.83 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Anch'io mi associo al musicarla

Cesare Caliendo 19/09/2017 - 09:34

--------------------------------------

Si, concordo con la frau, tutta in quartine armoniche, potrebbe essere cantata o musicata, in effetti. Ciaociao.

Spartaco Messina 18/09/2017 - 18:44

--------------------------------------

Molto bella da musicare, complimenti

genoveffa frau 18/09/2017 - 12:55

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?