Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mio......
Se...
LUCE CHE MI TOCCA...
Sera...
A Firenze...
Al pianoforte...
Sbrigati ad amare...
Foglia d'autunno...
PRIMAVERA D'AUTUNNO...
Time out...
CANTO D'AMORE...
Questa fu missione d...
C'era una volta la m...
Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



UN ATTIMO DI VITA

...si chiude il sipario
e resto qui
avvolta dal silenzio
dalle labbra
più nessun suono
Si è spenta la voce
nei meandri di un palcoscenico
gioito e poi amato.
Il buio ha percorso
un tratto indefinibile di tempo
che tempo non era.
Per quel tratto di speranza,
che oscurava la vista
e gli occhi miei nella vita.
Un attimo come un lampo
come un guizzo di fuoco
e la vita ha ripreso il suo corso
nel silenzio di voci,
di palcoscenici
illuminati di poesia
di fiori e d'emozioni
mai finite...
Nei giardini di un cuore
che si coccola al sole
per assaporare e ritornare
ad essere quel tocco magico
che si veste di allegria
di musica e di armonia
e nel fuoco di fiamme guizzanti
ritorna a vivere
ai raggi di un sole
che splende notte e giorno
nel possibile scenario
di un teatro che è la vita!


Share |


Poesia scritta il 17/09/2017 - 19:03
Da margherita pisano
Letta n.243 volte.
Voto:
su 9 votanti


Commenti


Bella poesia. Forse un po' troppo melliflua nel suo incedere. Giulio Soro

Giulio Soro 19/09/2017 - 18:18

--------------------------------------

Si spengono e si riaccendono i riflettori, per recitare una commedia o un dramma sempre diverso.
Ma è lo spirito che guarda che ne comprende la reale dimensione, rapportandola al suo essere cuore, anima e pensiero.
Se lo scenario è sempre lo stesso, l'interpretazione sarà ogni volta diversa.

ALFONSO BORDONARO 19/09/2017 - 15:18

--------------------------------------

Le poesie dedicate alla madre sono sempre speciali e commoventi ma questa tua lo é particolarmente per come proponi i tuoi versi con la delicatezza e amore che ti sono propri.Bellissima e speciale.Ciao Margherita.

antonio girardi 18/09/2017 - 20:20

--------------------------------------

Che bella...non l'avevo vista, ho trovato un commento, il tuo, che parlava di mamma e non ho potuto non leggerla. Molto molto bella...se leggerai la mia a mia madre, morta giovane purtroppo, capirai. ciaociao...bravissima, un cileo colmo di stelle.

Spartaco Messina 18/09/2017 - 13:49

--------------------------------------

Ho letto i vostri commenti e vi ringrazio di cuore...questa poesia rappresenta la gioia di aver di nuovo mia madre con me...perché alcuni giorni fa il suo cuore si è fermato per ben quattro volte e abbiamo temuto il peggio...invece poi si è ripresa e il cuore ha ricominciato a battere ...ecco lo smarrimento iniziale e la gioia finale...almeno finché vivrà! Un abbraccio a tutti

margherita pisano 18/09/2017 - 13:39

--------------------------------------

Beh, devo dire che mi trasmette profonde sensazioni. A volte mi è capitato, alla fine di un bel film, di restare a guardare i titoli di coda.. come se quello fosse il momento più intenso, quasi necessario.. Bellissima poesia

Francesco Gentile 18/09/2017 - 12:57

--------------------------------------

Un attimo di vita ricordando le gioie del passato continuando a sorridere al teatro della vita bellissima

genoveffa frau 18/09/2017 - 12:48

--------------------------------------

Margherita, se il sipario è riferito a quello della vita, io penso che ognuno di noi già al momento del primo vagito assume un unico obiettivo che è quello di giungere alla fine dei propri giorni. Il punto, non è "quando", il punto è "come". La sofferenza, quella della perdita, appartiene a chi rimane e per assurdo, tanto maggiore sarà il dolore di chi rimane, tanto meglio, la vita che giunge al compimento, sarà stata spesa. La sofferenza che esprimi lascia intendere che la vita di cui parli, sia stata spesa egregiamente. *****

Ken Hutchinson 18/09/2017 - 09:50

--------------------------------------

Straordinariamente meravigliosa, tinteggiata con le note della gioia e della voglia di vivere! Stupisci sempre per l'armonia perfetta dei versi e per le rime che sono inno alla vita. Lodi e complimenti infiniti Margherita un abbraccio e felice notte.

Paolo Ciraolo 18/09/2017 - 00:30

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?