Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Sandali

Era tardi, era notte… noi
si parlava e veniva mattina
“Vuoi che resti a contarti i capelli?!”
Mi venivi sempre più vicina…
Hanno sorriso anche i miei
sandali, quello era certamente un sì.
Ora diamoci un equilibrio,
scusa se ti parlo così…
così ai tuoi occhi
di luna mezza piena,
così alle tue mani che
mi accarezzano la schiena.
Così ad ogni volta che perdo il
conto del numero dei tuoi capelli,
ti guardo e mi accorgo
che sono davvero belli
i tuoi pensieri più intimi
in cui ti perdi e non lasci traccia.
Ti adoro così piccolina
accovacciata tra le mie braccia.
Ma stava per farsi inverno
anche in periferia
e per chi la vita l’ha parcheggiata,
come ho fatto io con la mia
le ultime foglie gialle
cadute dai rami secchi
sono fotografie, ore ed ore
a fissare quegli occhi.
Scivolo sotto le coperte, come
farai anche tu, lasciandomi una traccia
stanotte sognando nuovamente di te così
unica, raggomitolata nelle mie braccia.


Share |


Poesia scritta il 24/09/2017 - 07:58
Da MastroPoeta 75
Letta n.77 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


dolcissima,
emozionante

laisa azzurra 24/09/2017 - 18:01

--------------------------------------

Molto piaciuta, tienila stretta tra le tue braccia e sentirai il calore di quell'abbraccio. Giulio Soro

Giulio Soro 24/09/2017 - 12:07

--------------------------------------

Bella, c'è molta dolcezza, tenero il gioco dei capelli da contare, forse per non farlo finire mai.

Grazia Giuliani 24/09/2017 - 11:56

--------------------------------------

Molto bella versi che evocano belle immagini.

antonio girardi 24/09/2017 - 10:35

--------------------------------------

Molto, molto bella...c'è dolcezza e tenerezza e un continuare a scorgere nel sogno l'incanto di quei capelli!

margherita pisano 24/09/2017 - 09:36

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?