Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
DAMMI IL TEMPO MADRE...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...
Con Agonistico Furor...
Fragranze...
Le parole che conosc...
BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...
La notte così lunga...
Bellezze nascoste....
Insonnia...
Non c'é sospeso...
IL FREDDO LA LU...
Gli armistizi si del...
la giustizia e' co...
Aetas sine spe...
il momento giusto...
AMORE INTENSO...
Lo sguardo della Ver...
La porta della felic...
Come musica che si p...
MISTERO...
E' PRIMAVERA...
Il bacio che mi lega...
Madre...
Trova il bambino che...
La danza dell'asetti...
Il principe cercava ...
Il canto del sole na...
Je suis le monde...
Un Sogno!...
Sei...
Errabondo vagare...
Quando in tv cantava...
Impulso...
Frasi d'amore al ven...
Abisso...
Mai più male...
Profumo di tiglio...
Chiedimi......
Pallida Luna...
Dopo una delusione, ...
TU IL MIO AMO...
Stelo e corolla...
E penso al mare...
RISPARMIO D'ENERGIA ...
Mia cara pittrice....
Medusa...
SILENZIO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



sulla stessa lettera

Certo, mai più il mio spirito
dai gorghi vorticosi
verrà come ora attratto:
potess'io nei limosi
fondi trovar l'anfratto
che m'estingua nel morbido
suo grembo: manca un raggio
di luce, e geme fisso al tuo miraggio.
Solo un fruscio dell'alito,
sol la voce e, di te,
il sapore ed il canto
e lo sguardo che in me
furon vita ed incanto:
è dunque un sogno? Rendilo
vivo ancora e soave
come quando il dolor m'era men grave.
Pur raccogliendo polvere,
nulla che riarsa arena,
del nostro sventurato
episodio, la pena
negar non puoi, ne'il grato
sentimento che prodiga
il cuore ancor prigione
della spira che assorbe la ragione.
Perché ai raggiri subdoli
di calunnia volgare
il cielo che ci uni'
permise d'invescare
io, tu.. e non puni'
col sale e il fuoco i perfidi?
Si rovino' l'incanto
e l'ombra di te sfuma nel mio pianto.
È siam divisi: estranei!
Grave affanno la mente
afferra, ed il profondo
petto gela stridente
un rancor furibondo:
e qui vi batte e domina,
implacato rodio,
e si rinnega il voto fatto a Dio.
Eppur t'invoco: aiutami!
Questo grido nel nulla
cade, che' sorda sei,
o soave fanciulla
che fosti agli occhi miei
stupenda: solitudine
mi coglie ed amarezza
ed un cieco furor che ti disprezza.


Dave Giacobs 2017



Share |


Poesia scritta il 12/10/2017 - 01:44
Da Dave Giacobs
Letta n.221 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?