Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



NE UCCIDE PIU LA LINGUA CHE… (proverbi) di Enio2

So’ rientrato a casa ‘na matina
reduce da ‘na gara de fioretto
co’ ‘na gran voja de annammene a letto
ciavevo sete. Ho operto la cucina
che era invasa da li bacarozzi.
Mortacci vostri… mo ve faccio a tozzi…


Tanto che lì er fioretto ho sfoderato
e ho provato a infirzalli tutti quanti.
Più ne infirzavo e più ereno tanti
che schizzaveno fòra da ‘gni lato.
Così che io, pe’ tojeme d’impaccio
dissi drento de me: Lo sai che faccio?


Mo comincio a acciaccalli co’ le sòle
pe’ sorti’ fòra presto da le pene.
E pare me riuscisse proprio bene
perché ho capito che così se pole
cambia’ er proverbio tanto saggio e antico.
State a senti’ quello che mo ve dico


Io so’ sicuro che, comunque vada
-nun se tratta de un verbo o de ‘n avverbio-
perché a ‘sto punto cambierò er proverbio:
“Ne ammazza più la sòla che la spada!”


Mo richiedete ando’ le vado a pia’
dite che questa qua nun è poesia?



Share |


Poesia scritta il 13/10/2017 - 12:18
Da enio2 orsuni
Letta n.110 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


La faccina non c’entra. È comparsa per errore. Ciao Aurelia

Aurelia Strada 15/10/2017 - 23:17

--------------------------------------

Bravissimo Enio, con i tuoi versi ho chiuso in bellezza la giornata. 5* Aurelia

Aurelia Strada 15/10/2017 - 23:16

--------------------------------------

grazie a tutti amici la satira continua...
Mirella, non serve che mi sporco le suole ha già istallato delle bombole al cianuro devo solo schiacciare un bottone

enio2 orsuni 15/10/2017 - 12:45

--------------------------------------

Fantastico Enio!!!!!!!!!!!

Grazia Giuliani 13/10/2017 - 22:34

--------------------------------------

si si
è poesia
ma i bacarozzi Enio, no
sono terrorizzata

laisa azzurra 13/10/2017 - 20:22

--------------------------------------

Non si può fare a meno di leggere una delle tue poesie e farsi una sonora risata. Dissacrante come al solito. Giulio Soro

Giulio Soro 13/10/2017 - 18:13

--------------------------------------

ENIO...lo sai che te dico....che se le sole tue funzionano cosi bene, perche non t'apposti a Montecitorio e appena vedi quei bacarozzi che entrano e che escono Daieeee giù con le sole e ammazzane più che poi!!!!! (nota che ho cercato di scrivere in romanesco, ma non riesco a superare il maestro). Bravo ciao un bacio

mirella narducci 13/10/2017 - 18:00

--------------------------------------

Perché no? Tu sei mitico!!!!!!!!

Teresa Peluso 13/10/2017 - 15:48

--------------------------------------

"..e allora dai de sola a sti baccarozzi
che a furia di botte li ridurrai a pezzi"..ahahahah, sempre esilarante e divertente, ciao

Francesco Scolaro 13/10/2017 - 14:58

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?