Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Naufragi...
inverno nel cuore...
Tempesta...
Lucida follia...
POMERIGGIO DI PULIZ...
Ritrovarsi...
COME CURVE DI SERPEN...
Per Leonie...
Impegnarsi ad odiare...
Se un giorno viagger...
Non giudicarmi...
Riceverai mille vite...
AMARE PER POTER...
Il Supercomputer...
sorella lacrima...
A te!...
PREMORTEM di Enio 2...
Chi ti vuol bene no...
La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
La casa del serpente...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...
TEMA DI SCRITTURA CR...
Dal figlio s’impara...
Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...
Sei...
Cum Quibus...
A mie spese...
La Maga nelle spire...
Volatili discriminat...
Peccato...
Apostrofe dell'incom...
Amarti significa......
Hotel Cielo stellato...
PAURA...
PICCOLE COSE...
SCOPRIMI...
Riaffioramenti...
L'anima perduta...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



OSSERVARE ANCORA

Sguardo fisso, sempre in quel punto
ad osservare una terra arida,
ritardo di una civiltà sconfitta,
un treno a vapore, che sbuffa
e innalza nel cielo rantoli scuri.
Brevi singhiozzi, ad invocar qualcosa,
mentre tutto sembra essere dimenticato.
Volti uguali, pallidi, senza presente,
senza redenzione, non chiesta,
non necessaria, forse.
Ricerca affannosa
di esser solo terra nella terra.
L’ansia di un respiro,
di qualcosa di non umano,
non si rammenta più.
Così il senso della vita
diventa sempre più vuoto,
quasi a sfidare ogni giorno il nulla.
Non c’è più dramma,
anche la morte è abitudine,
la vita lo è già ormai da tempo.


Share |


Poesia scritta il 16/10/2017 - 19:55
Da ALFONSO BORDONARO
Letta n.131 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Poesia elevata, profonda e significativa.. molto apprezzata

Francesco Gentile 02/11/2017 - 08:40

--------------------------------------

Complimenti per il significato e lo stile. Troppo bravo. Grazie ancora

MARIA ANGELA CAROSIA 01/11/2017 - 20:41

--------------------------------------

Guardare e trovare il vuoto,
ovunque.
Da leggere. Un saluto...


Grazia Giuliani 17/10/2017 - 19:42

--------------------------------------

La delusione e la consapevolezza di vivere in un mondo senza valori, dove la vita é vista alla stessa stregua della morte...
Ma siamo noi che dobbiamo girare pagina,siamo noi che non dobbiamo far morire la speranza...Ognuno deve ricercare il bello, il giusto...e avoltenon sono poi tanto lontani da noi...

Teresa Peluso 17/10/2017 - 19:36

--------------------------------------

Una visione sconsolata della vita in questa tua opera, dove tutto procede solo per inerzia e senza nessuna spinta interiore.... Effettivamente in determinati casi la vita può dare luogo a simili sensazioni desolazione ma la vita sa anche regalare , dietro quell'angolo, spettacoli inusitati e che possono far volare il cuore....
Un quadro di efficace impatto visivo e meeditativo...

Alessia Torres 17/10/2017 - 15:57

--------------------------------------

Molto profonda Alfonso, 5*

Paolo Perrone 17/10/2017 - 12:39

--------------------------------------

Si avverte per intiero lo sconcerto che l'Autore prova nell'osservare questo paesaggio sconsolato ove la civiltà non ha attecchito le sue radici e la storia ha scritto una pagina triste in cui anche la vita così come la morte perdono il loro significato e vengono declassati a pura e semplice "abitudine". Una riflessione di alto spessore.

Francesco Scolaro 17/10/2017 - 10:12

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?