Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Naufragi...
inverno nel cuore...
Tempesta...
Lucida follia...
POMERIGGIO DI PULIZ...
Ritrovarsi...
COME CURVE DI SERPEN...
Per Leonie...
Impegnarsi ad odiare...
Se un giorno viagger...
Non giudicarmi...
Riceverai mille vite...
AMARE PER POTER...
Il Supercomputer...
sorella lacrima...
A te!...
PREMORTEM di Enio 2...
Chi ti vuol bene no...
La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
La casa del serpente...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...
TEMA DI SCRITTURA CR...
Dal figlio s’impara...
Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...
Sei...
Cum Quibus...
A mie spese...
La Maga nelle spire...
Volatili discriminat...
Peccato...
Apostrofe dell'incom...
Amarti significa......
Hotel Cielo stellato...
PAURA...
PICCOLE COSE...
SCOPRIMI...
Riaffioramenti...
L'anima perduta...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



E\' Tempo

E’ tempo
ricordo l’abbaglio del volto
all’ora di pranzo
e quegli artigli sulla lingua
il ribollire di quel possesso
che negavo e negavo a me stesso.
O forse no.
Era una nebbia che avvolgeva la casa
e le finestre diroccavano di silenzi
e tutta quella saliva ancora da ingoiare
in me colavano nomi e memorie
che d’improvviso mi si aprivano
su quel letto di morte.


E’ tempo
troppo tempo che non riesco a piangere
adesso quelle parole sono arrivate
cotte come l’oro
nei silenzi più atroci
come crampi negli occhi.


E’ tempo
l’abbaglio nel tuo volto
e il mondo se ne va via
senza crampi
senza corde
senza giochi
senza essere più niente.


E’ stata come una corsa di notte
sulla spiaggia
eravamo nello stesso sguardo
nei stessi dintorni
e attraverso le pareti
ma sconosciuti nelle parole.-


@GiuseppeLonatro



Share |


Poesia scritta il 19/10/2017 - 16:07
Da Giuseppe Lonatro
Letta n.64 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Profondamente bella, in una successione di tempo come a scandire quello che resta di un qualcosa che ora finalmente si è sciolto nel pianto... dolore, amore e poesia!

margherita pisano 20/10/2017 - 19:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?