Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Nei tuoi pensieri...
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Gli abeti nella sera...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...
Sei...
Cum Quibus...
A mie spese...
La Maga nelle spire...
Volatili discriminat...
Peccato...
Apostrofe dell'incom...
Amarti significa......
Hotel Cielo stellato...
PAURA...
PICCOLE COSE...
SCOPRIMI...
Riaffioramenti...
L'anima perduta...
L'uomo l'unico ess...
Goccia dopo goccia...
SUONA CAMPANA...
Non ho...
Fa male...
Un riposo insonne...
L\'amore per la lett...
L'ultima roccia...
Mascolinità...
nella stanza del pad...
Lo Scrittore D'Oro....
Poli difformi...
Immensità...
SAN MARTINO (11 nov....
Ti sarà capitato...
E ANCORA, ANCORA, AN...
AL ROGO...
Come Peter Pan...
The end...
La folle corsa......
Novembre...
COSPIRAZIONE...
PALESTRE di VITA (pr...
L\'attimo...
C'è un cadavere nell...
Gocce...
Come gocciola la neb...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il rifugio

Faresti meglio a correre, a correre e correre.
Faresti meglio a correre verso la città del rifugio.
Faresti meglio a correre, a correre e correre.
Faresti meglio a correre verso la città del rifugio.


Stai al cospetto del tuo creatore,
in uno stato di vergogna,
perché i tuoi vestiti sono coperti di fango,
mentre ti metti in ginocchio ai piedi


di una donna di strada.
Nel canale scorrerà del sangue.
Scorrerà del sangue.
Faresti meglio a correre, a correre.


Faresti meglio a correre verso la città del rifugio.
Nei giorni della pazzia,
sorella mia, fratello mio,
quando vi trascinano a forza verso la bocca dell’inferno,


implorerete la fine.
Ma non sarete esauditi, amici,
perché la tomba vi risputerà fuori,
vi risputerà fuori.


Faresti meglio a correre, a correre.
Faresti meglio a correre verso la città del rifugio.
Lavorerete nelle tenebre,
contro il vostro prossimo,


e scoprirete che dovete farvi sotto.
Così strofinerete e strofinerete,
ma il guaio è, compagno
che il sangue non si lava,


no, non viene via mai.
Faresti meglio a correre, a correre.
Faresti meglio a correre verso la città del rifugio.
Faresti meglio a correre, a correre.



Share |


Poesia scritta il 14/11/2017 - 13:56
Da Giulio Soro
Letta n.101 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Complimenti, davvero bellissima

MARIA ANGELA CAROSIA 17/11/2017 - 23:05

--------------------------------------

Versi che andrebbero musicati.

Ugo Mastrogiovanni 16/11/2017 - 09:26

--------------------------------------

Molto Bella. Fa Riflettere!! Complimenti

Piccolo Fiore 15/11/2017 - 19:03

--------------------------------------

Davvero bella la tua poesia, piena di forza.
Grazie per il commento, ma un errore mi aveva fatto pubblicare solo una parte del mio racconto. Adesso è completo. Ciao.

Teresa Peluso 15/11/2017 - 18:59

--------------------------------------

Bella Poesia con versi tortuosi e molto sentiti, dalla bella armonia poetica. Bravissimo Giulio

Gianny Mirra 15/11/2017 - 18:12

--------------------------------------

Grazie Giulio per il tuo commento.
Questa poesia interessante, un po' dura..

Luca Fiazza 15/11/2017 - 00:22

--------------------------------------

Le tue poesie mi piacciono molto Giulio...e questa ancora di più, interessante la forza intrinseca per un'opera ricca di significato. Complimenti!

margherita pisano 14/11/2017 - 20:21

--------------------------------------

Lodevole poesia, complimenti.

Rossella P 14/11/2017 - 19:05

--------------------------------------

Rasenta l'invettiva questa poe che si rivolge a chi evidentemente si trova in uno "stato di vergogna" tale che verrà sputato fuori persino dalla tomba e quindi dovrà vagabondare in eterno. Resta da scoprire qual'è la città del rifugio......Sempre interessanti i tuoi lavori, ciao

Francesco Scolaro 14/11/2017 - 18:38

--------------------------------------

Davvero bella complimenti

Mary L 14/11/2017 - 18:09

--------------------------------------

Le reiterazioni, in questo caso, non disturbano la lettura, anzi danno forza al testo.
Molto bravo!
Ciao
Aurelio

Aurelio Zucchi 14/11/2017 - 17:49

--------------------------------------

bella molto bella

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 14/11/2017 - 16:42

--------------------------------------

Molto bella!!

Rosi Rosi 14/11/2017 - 15:47

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?