Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
DAMMI IL TEMPO MADRE...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...
Con Agonistico Furor...
Fragranze...
Le parole che conosc...
BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...
La notte così lunga...
Bellezze nascoste....
Insonnia...
Non c'é sospeso...
IL FREDDO LA LU...
Gli armistizi si del...
la giustizia e' co...
Aetas sine spe...
il momento giusto...
AMORE INTENSO...
Lo sguardo della Ver...
La porta della felic...
Come musica che si p...
MISTERO...
E' PRIMAVERA...
Il bacio che mi lega...
Madre...
Trova il bambino che...
La danza dell'asetti...
Il principe cercava ...
Il canto del sole na...
Je suis le monde...
Un Sogno!...
Sei...
Errabondo vagare...
Quando in tv cantava...
Impulso...
Frasi d'amore al ven...
Abisso...
Mai più male...
Profumo di tiglio...
Chiedimi......
Pallida Luna...
Dopo una delusione, ...
TU IL MIO AMO...
Stelo e corolla...
E penso al mare...
RISPARMIO D'ENERGIA ...
Mia cara pittrice....
Medusa...
SILENZIO...
I TUOI PENSIERI...
Insensato sogno...
Once more...
IL NOTTURNO...
PARLAMI OH LUNA...
L'anguilla...
Rosso di sera...
L'amore...
Tu aquila dell’unive...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Galleria di Montebello.

Giammai avrei pensato allora


di rivederti un giorno 


così malconcia


e strazio mi procura ammetterlo,


ora che l'intonaco ti crolla di 


dosso


le crepe e la muffa estese


là sulle pareti.



Benché tu sia come d'una tetra


caverna


dimora, io sento che sei viva.


Respiri!


e nel mio cuor appurarlo mi 


rattrista.



Della città, porti il peso degli


anni


ma non le rendi giustizia, no!


tanto, Lei è graziosa e bella! e 


tu un antro nero.



Se filtra acqua dal fioco soffitto


illuminato,


par che tu pianga. Ti riparano,


poverina!


e mai nessuno che ascolti 


veramente


i tuoi lamenti.



di Francesco Currò


Diritti di copyright tutelati


*La foto è presa dal web*



Share |


Poesia scritta il 03/12/2017 - 22:07
Da Francesco Curro
Letta n.259 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Un edificio pericolante che deve essere stato fastoso e importante in un passato neanche tanto remoto: una chiesa, un palazzo importante, un forte. Giulio Soro

Giulio Soro 04/12/2017 - 18:31

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?