Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Una mano che mi rega...
Pioggia...
Riflessi di seduzion...
POESIA...
L\'attimo!...
FEDELE SPECCHIO DEL ...
Poetic forms...
Suadente e nostalgic...
ACCENDI I TUOI SOGNI...
MONOLOGO A ME ...
L'oracolo...
caparbiamente sorda...
Fuggire...
Nell'orto...
Giugno......
Il pianeta dell'Amor...
LEGGENDA PERSONALE...
LI SOGNI di Enio 2...
Muri di vento...
Un folletto bizzarro...
con gli occhi chiusi...
LE ROSE ROSSE SUL SU...
amami...
Dannarsi l’anima cre...
Dolore sulla notte...
Con una stretta di m...
primaverile tempo...
Haiku A casa...
AMARTI...
Non c 'è scappatoia....
Penso al destino...
SCIARADA...
Danza...
Tra le rive delle no...
Un'ambizione che spa...
Tu...
Paradiso in fiamme...
SUPERBIA......
Ciò che distingue l'...
Il Corpo di Psiche...
Perle di Luna...
IL POETA COLTIV...
Dal diario di una pr...
Prendetevi una pausa...
SOLO MARE...
Ho parlato di voi a ...
MALE INTERIORE...
Animundus...
LE BANDIERE...
Cinque minuti di cel...
Io e te per sempre...
LA MORTATELLA DE SO...
Gabbiano...
prima di buttarti vi...
RACCONTO TRA PROSA E...
Vorrei amarti ancora...
Il meglio di me...
Il riflesso...
Pensieri sparsi su G...
mi son concessa di p...
Il primo bacio...
RITORNO...
La notte che Sigfrid...
L\\\'ISOLA...
La rimembranza...
L\\\\\\\'insegnament...
Senza speranza...
Di noi (canzone)...
metronomo...
I tuoi occhi...
cari amici fors...
AMAMI IN SILENZI...
Tenerezza....
Colombe tubano...
AVVENTURA EPICA...
Nuovi fotogrammi...
Concerto...
Alzahimer...
Si tacita...
Felicità...
Come una goccia......
Immagini di ridenti ...
Profumo di Ginestra...
Sul ponte...
AMORE (acrostico)...
SULLA SCALA...
E CORSO ... SIA...
Impressionante!...
CHI SEI......
TI VORREI...
Accadde un'estate di...
Case diroccate nei v...
I MIEI OCCHI...
Dora,vita incolore...
QUARTIERE...
Lo Sguardo...
Le favole in età adu...
Purificazione...
tinge la notte (haik...
Nicola amico mio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

A Marta

Ho trovato l’ Amore in un carillon
abbandonato tra erbe selvatiche.
Da allora
io t'ho attesa come una Penelope scalza
in cima ad un rivolo innevato,
senza il conforto di nessuna tela da filare;
t'ho osservata oscillare a perdita d'occhio
come una lancetta spaurita,
preda di nebulose di mosche
che m' interrogavano con voce roca:
-Abbiamo fame! Abbiamo fame!-
Getterei queste vene
in fiamme d'ossidiana pur
di soddisfarle, ma la mia carne
è sazia e il mio mausoleo infranto.
Ora tacciono persino i giunchi,
solo il rimpianto
di un tenero fanciullo
stropiccia confini di cieli
mai esistiti.


Share |


Poesia scritta il 10/12/2017 - 02:45
Da Anthony Malatesta
Letta n.188 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Mi piace questa poesia, ci sono alcuni versi che mi hanno colpito in modo particolare, originale e intensa con una chiusa straordinaria!

margherita pisano 10/12/2017 - 14:47

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?