Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SCARNIFICAZIONE...
La bolla di sapone...
Nel mio cuore ci ma...
La speranza di una p...
Pinocchio...
Il fiore del deserto...
Ho bisogno di te...
Margy...
Amicizia...
Risveglio di forme p...
RESPIRO NATURA di En...
Incredulità....
La sposa...
Alla fine di questa ...
Curriculum vitae...
Abbiam perso... il s...
HAIKU NR. 21...
Pedro...
Le Ore...
Sul mare... navigand...
Calce sulle dita...
QUANDO L' AMORE ...
UN’ALTRA CANZONE...
Spillo...
Quando finisce un am...
SEI FUGGITA...
Luce e ombre......
Ode al vino...
Amore limpido....
Forse, sbagliata...
È subito mare...
Lo specchio (2015-20...
C'È SEMPRE IL SOLE...
L'onore...
DOLCE CANTO...
La vita in blu...
Di brama nella notte...
Sono la Primavera...
Valzer delle chimere...
Le ultime scosse...
Nel giorno che piang...
Sulle tue labbra...
La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...
Con Agonistico Furor...
Fragranze...
Le parole che conosc...
BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Campo di giochi

Vago in un circolo vizioso;
mi muovo senza fare un passo.
Provo a svegliarmi da quest'incubo
anche se un incubo non è.
Una lotta eterna tra me,
e l'altro me.
Effervescente è questo corpo che vuole combattere
anche da morto.
Fragile è l'anima,che non può più combattere,
come per chi è condannato al lutto.
Colmo di insicurezze
prive di carezze,
costruisco quest'elmo di carta
senza speranze.
Con stracci bagnati
rubate da ancelle,
costruisco la mia pelle.
Attorno a me la puzza di
cadavere invade il campo,
uomini che hanno eluso la vita,
cosi si fanno chiamare.
Barcollante come un uomo
sommerso con una finta prontezza
apro gli occhi
e ancora una volta mi butto,
rischiando tutto,
in questo campo di giochi.


Share |


Poesia scritta il 09/02/2018 - 17:04
Da Francesco Rossi S.
Letta n.175 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


splendida
...e nn smettere di "buttarti"
costi quel che costi

laisa azzurra 10/02/2018 - 20:29

--------------------------------------

Metafora di vita...così interpretata e apprezzata. buona serata!

Eugenia Toschi 09/02/2018 - 19:04

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?