Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SCARNIFICAZIONE...
La bolla di sapone...
Nel mio cuore ci ma...
La speranza di una p...
Pinocchio...
Il fiore del deserto...
Ho bisogno di te...
Margy...
Amicizia...
Risveglio di forme p...
RESPIRO NATURA di En...
Incredulità....
La sposa...
Alla fine di questa ...
Curriculum vitae...
Abbiam perso... il s...
HAIKU NR. 21...
Pedro...
Le Ore...
Sul mare... navigand...
Calce sulle dita...
QUANDO L' AMORE ...
UN’ALTRA CANZONE...
Spillo...
Quando finisce un am...
SEI FUGGITA...
Luce e ombre......
Ode al vino...
Amore limpido....
Forse, sbagliata...
È subito mare...
Lo specchio (2015-20...
C'È SEMPRE IL SOLE...
L'onore...
DOLCE CANTO...
La vita in blu...
Di brama nella notte...
Sono la Primavera...
Valzer delle chimere...
Le ultime scosse...
Nel giorno che piang...
Sulle tue labbra...
La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...
Con Agonistico Furor...
Fragranze...
Le parole che conosc...
BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Gli idoli

Guardavo “Don Matteo” l’artra sera
prima d’annà a dormì nell’alcova,
quanno che terminò non indugiai
e, a passo stanco, ad essa m’avviai.
Prima de me, mi moje era arivata
e pe la notte s’era sistemata,
e mentre stava a dì le su’ preghiere
sembrava da ‘n bel sogno provenire.
“E mò che vole questa ?” Pensai perplesso !
Nun è er giorno der solito amplesso !
Mejo chiarì senza ipocrisia,
“Nun ce pensà, nun è a serata mia!”
“Hai visto don Matteo quant’è bello ?”
risponne lei con cinguettar d’ucello.
“si, è n’attore davvero eccezionale,
mò spengi a luce… pe nun fatte male.”
“Io so sicura che a lui cederei !
“Vabbè, mò taci , li mortacci sui.”
“E’ bello, buono e prega pure Dio,
io ne farebbe proprio l’omo mio ! ”
“Amò, te spiego subito l’arcano,
c’a nun durmì me pare c’avviamo,
l’idoli ce li creiamo noi,
nun so reali, come tu li voi.
Hanno d’argilla i piedi modellati,
si cascheno so belli che finiti !
Er tempo de pensacce e so’ svaniti,
Quanno avrai smesso er tu’ piagnisteo,
‘n’ce lasserà nemmeno più stupiti
c’hai adorato puro don…Babbeo !


Share |


Poesia scritta il 13/02/2018 - 16:29
Da Nino Curatola
Letta n.120 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


tu non hai serata...e la moglie poi fa i confronti per cui non prendertela con Don Matteo...

Adriano Martini 13/02/2018 - 21:58

--------------------------------------

Sei tremendo non dico altro

Mannaggia a te.


Maria Cimino 13/02/2018 - 21:52

--------------------------------------

stupenda satira più che poesia molto simpatica

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 13/02/2018 - 20:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?