Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

nonostante noi...
Datemi un\'alba...
Quando il piano alte...
Per caso...
Poesia su Carlo Rubb...
Endorfine...
Immerso in un litro ...
Spazio...
Che cavolo!...
Chiamami Poesia se v...
L'ESTATE CHE ARRIVA...
La mia amica Martina...
IL SOGNO...
SU DI GIRI...
ANNO DOPO ANNO...
Intrecci di sogni!...
Nervature sul viso...
CAFE...
Noi innamorati...
Dentro l'erba alta...
Sara...
E’ un privilegio riu...
Gl'ignoranti...
A MIA MADRE...
La speranza è l'anti...
AD UNA FARFALLA...
Crepuscolo...
a te...
SCARNIFICAZIONE...
La bolla di sapone...
Nel mio cuore ci ma...
La speranza di una p...
Pinocchio...
Il fiore del deserto...
Ho bisogno di te...
Margy...
Amicizia...
Risveglio di forme p...
RESPIRO NATURA di En...
Incredulità....
La sposa...
Alla fine di questa ...
Curriculum vitae...
Abbiam perso... il s...
HAIKU NR. 21...
Pedro...
Le Ore...
Sul mare... navigand...
Calce sulle dita...
QUANDO L' AMORE ...
UN’ALTRA CANZONE...
Spillo...
Quando finisce un am...
SEI FUGGITA...
Luce e ombre......
Ode al vino...
Amore limpido....
Forse, sbagliata...
È subito mare...
Lo specchio (2015-20...
C'È SEMPRE IL SOLE...
L'onore...
DOLCE CANTO...
La vita in blu...
Di brama nella notte...
Sono la Primavera...
Valzer delle chimere...
Le ultime scosse...
Nel giorno che piang...
Sulle tue labbra...
La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Corruzione nel creato.

D'un tratto mi ritrovai
nella natura più rigogliosa
ascoltando suoni
assaporando sapori
in questo magnifico creato.


Fu lì che lo vidi
appoggiato sopra un ramo
un magnifico pettirosso
che si lasciava pettinare dal vento.


M'avvicinai cautamente
gli parlai piano
per non spaventarlo
gli dissi:
oh magnifico pettirosso
canta come un usignolo.


Impossibile, mi disse,
io sono un animale
non sono un essere umano
io non muto la mia natura
voi, invece, nascete uomini
e morite qualcos'altro.


Col capo chino
m'avviai verso casa
una domanda mi martellava:
ma se il buon Dio ci ha fatti così
chi siam noi per mutar
la nostra natura?


Capì allor
d'abitare in un mondo
intriso di menzogna
corruzione e perversione
forse aveva ragione il pettirosso
si nasce uomini
e si muore qualcos'altro.



Share |


Poesia scritta il 21/04/2018 - 14:12
Da Emanuele Cilenti
Letta n.103 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Ha ragione. Anche se non dovremmo usare la nostra natura come scusa per sovvertire la creazione di Dio.

Emanuele Cilenti 21/04/2018 - 17:49

--------------------------------------

EMANUELE...Il pensiero del pettirosso è più profondo...Io vedo in superfice, l'uomo è sempre uomo... diventerà polvere, la morte è quella livella che non fa distinzione e eguaglia ogni uomo alla fine.

mirella narducci 21/04/2018 - 16:46

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?