Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L' ODIO E' UNA LU...
IL TEMPO DELLE CONC...
Stelle si accendono ...
NUTRIMI...
NEL PIÙ ROSEO DEI MO...
Orizzonte...
L’EREDITA’ SPARTITA ...
Tutto era sogno...
L'arte del sorriso...
alzando gli occhi...
Tutto...
Peccato di gola...
La notte...
Viaggio dentro me st...
Tutto scorre......
Io fuggo...
STUPORE...
INGANNEVOLI APPARENZ...
E' estate e sono vec...
Malattia...
Salve, sono Lupo...
Non è da uomini......
Il cielo in una ...
Il nobile Alejandro ...
L'amico del tramonto...
CON TE PER NOI...
QUELLO CHE VORREI DI...
DIARIO DELLA PRI...
Stare tra le tue bra...
ARTE di Enio 2...
Il destino, ordine e...
Di nero vestita...
troppa tecnologia ....
Le foglie smarrite...
Avere in dote un’ind...
Scorie di città....
Listen to you...
Aylan...
Ovunque vi sia un os...
Idolatria d'amore...
LA Piaggia tra le ro...
Sorrisi che illumina...
Non hanno nome i pen...
Il baratro del silen...
Ricomincio da me...
Pensa a me...
Mi manchi tu...
La volpe in vetrina...
Notte di insonnia...
Se hai un pezzettino...
RIVIVERE...
SULLE TRACCE...
ER CANARINO MIO d...
Satira...
Evoluzione...
Senza riposo...
L' attimo...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



la domenica

come un rito propiziatorio
arriva puntuale
nel celere esistere
di un uomo qualunque
...
lui guarda l'orologio
e calcia
quell'ultimo pallone
le ore di libertà
svaniscono nei tratti
di un volto
pallido e smarrito
...
il cancello
vestito
di quelle cento rose gialle
cela al mondo offeso
un universo
privo di stelle
e vola inesorabile
disagio di quel figlio
che non riconosce
più
la propria madre assente
...
lei, minuta e fragile,
come respiro in dolce
affanno,
nella sua vestaglia rosa
confetto
mira un punto oscuro
nell'orizzonte
ormai perduto
per due lire
di nostalgia canaglia
...
il suo sguardo è
lontano
in prati
verdi e sconfinati
dove cieli azzurri
vestono
il dolore
...
la sua maternità
un sbiadito ricordo
di carta velina
seppellito
in un labirinto
di una mente malinconica
caduta
senza colpa
in un sonno eterno
...
lui le prende
la mano tremante
sperando
in un amorevole cenno
di placido consenso
mentre lei
tradita
da quell'oblio
arrossisce
rivivendo
l'estasi
del primo amore
...
un tenero valzer
dal sapore antico
di lacrime innocenti
li accompagna
mesti e vinti
in quella fredda sera
tanto complice quanto assassina
...
e la domenica
la maledetta domenica
si consuma
in una triste melodia
di giocosi ricordi
viziati
da quel profumo
di zenzero e vaniglia!


Share |


Poesia scritta il 12/07/2018 - 02:30
Da jacob von bergstein
Letta n.31 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?