Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
La casa del serpente...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...
TEMA DI SCRITTURA CR...
Dal figlio s’impara...
Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Nei tuoi pensieri...
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...
Sei...
Cum Quibus...
A mie spese...
La Maga nelle spire...
Volatili discriminat...
Peccato...
Apostrofe dell'incom...
Amarti significa......
Hotel Cielo stellato...
PAURA...
PICCOLE COSE...
SCOPRIMI...
Riaffioramenti...
L'anima perduta...
L'uomo l'unico ess...
Goccia dopo goccia...
SUONA CAMPANA...
Non ho...
Fa male...
Un riposo insonne...
L\'amore per la lett...
L'ultima roccia...
Mascolinità...
nella stanza del pad...
Lo Scrittore D'Oro....
Poli difformi...
Immensità...
SAN MARTINO (11 nov....
Ti sarà capitato...
E ANCORA, ANCORA, AN...
AL ROGO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Bang… Bang… Bang…

(Dello stesso autore. Tratto dal libro “Filastrocche magiche e disincantate con dipinti e personaggi d’autore”. Ediz. Youcanprint self publishing. Settembre 2015)


C’era una volta un bimbo strano
che giocava pur senza un giocattolo, senza una pistola
e nemmeno un vero fucile
ma faceva davvero tanto chiasso in quel cortile.


La fucilata la urlava con la bocca.
Sparava in ogni dove, in aria, pure lassù dove non si tocca.


Gettava via, gridava la sua rabbia e il suo furore.
Uccideva, a modo suo, i nemici…
quelli che avevano ferito il suo piccolo, invisibile cuore.


Bang … Bang … Bang, erano i rumori degli spari,
come fossero tutti quelli i suoi rivali
quei cattivi pirati che provenivano dai lontani sette mari.


Uno a destra poi a sinistra.
Mitragliava tutti nascondendosi dietro una piccola finestra.


Un altro colpo in alto e dopo in basso…
Urlava sino alle viscere la sua rabbia a più non posso!


Inseguiva i nemici con i cavalli su una giostra inventata quella mattina.
Rincorreva i suoi fantasmi nascosti dietro un semplice foglio di carta velina.


Uccideva tutti quelli che gli davano la notte quel terrore,
e poi sfinito, si gettava per terra come fosse un ferito conquistatore.


Era tranquillo dopo, per aver sconfitto tutti, pur con un po’ di sgomento.
Così si sentiva sicuro che era andato via il suo tormento.


Un bambino dai capelli gialli e col volto della luna,
insegue ancora i suoi nemici sui mari, nelle valli e nella laguna.


Ne ha uccisi cento,
mille a ancora mille e per un attimo nessun rumore sente.
Ma altri nemici ancora spuntano all’angolo della sua piccola angosciosa mente.


Sono sempre quei fantasmi terrificanti che lo tormentano senza pietà.
Tornano puntualmente a ottenebrare la sua fantastica realtà.


Ma lui non si scoraggia, riprende la pistola e il fucile e si mette pronto per lo sparo.
Li uccide sempre tutti con un forte bang… bang… bang dal sapore tutto amaro!


Manda via quella finta orribile realtà.
Chi gliel’ha propinata? Nessuno davvero ancora lo sa!


Quel bimbo conserva nella sua tasca ancora la sua pistola di cartone.
Attende i suoi nemici mettendosi pronto a combatterli davanti il suo portone.


Ora appare più tranquillo ed ha deposto solo per un attimo pure il suo fucile logorato.
È perché non vuole, non riesce più a lasciare, quel regno suo inventato.


Li vede passare, qualche volta, davanti a se quei nemici oscuri che lui credeva potenti
e obbrobriosi da morire.
Scappano loro, perché sanno che non è più lui il bimbetto da impaurire.


Non meritano neanche la minima considerazione.
Eppure loro sempre tentano, in ogni momento, di togliere quella sua innocente ragione.


Basta un suo severo monito, uno sguardo per cacciarli.
A modo suo tenta così di ammonirli.


Ed anche se ritornano sempre puntualmente
basta il suo semplice bang bang
fatto con la bocca per poterli, per un attimo, annientare.


Che importa se ricompaiono sempre, assieme alle angosce,
quei terribili fantasmi a tormentarlo!
Con la sua logora pistola di cartone, sa come combatterli e sbaragliarli.


Grida sempre bang bang con tutta la forza del suo corpo oggi…
E lo fa continuamente.
Non si arrende mai di rigettare nel fuoco i fantasmi della sua mente.




Share |


Racconto scritto il 14/08/2017 - 08:29
Da Vincenzo Scuderi
Letta n.112 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Un cuore puro non buttera' mai quella pistola di cartone....Si accontentera' di vibrarla nell'aria puntandola verso tutti e nessuno...e non colpira' mai, tranne se stesso al quale resteranno dentro i suoi magoni...
Molto bella e originale. Complimenti..
5*

Annamaria Palermo 14/08/2017 - 16:52

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?