Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il mio sentire di do...
orizzonti...
IL mio compleanno...
Memorie...
Luci...
NATALE...
urlo muto...
L’ARENA DEL TORERO E...
Verso l'onerosa cata...
Vorrei...
Siamo creature in ca...
Sei acqua...
Un amore speciale...
Femme fatale...
La voce del silenzio...
Da Lui mi aspetto qu...
NELL'EMOZIONE... UN ...
essentia...
Nell'immensità del m...
A mio padre...
BUON NATALE...
volo libero...
Talvolta...
Mezzogiorno d'invern...
Vigilia di Natale...
E' così vicino il ci...
A Babbo Natale...
Serata in auto con u...
FRAGILE Mistero...
La solitudine di una...
Rivivo la notte in s...
Accenti d'inverno...
Il faro....
ARIA CHE MANCA...
Falsi amori...
Mare in tempesta....
pensieri dicembrini...
LUPO SOLITARIO...
nella tela del ragno...
TORNERANNO...
....CRISTIANO sul...
quella sera...
Senza luce...
La terra è pronta...
INCHIOSTRO ROSSO...
Il Santo...
Un giorno speciale...
Cànone inverso...
NATALE S’AVVICINA d...
Il gioco dei dadi...
Insonnia...
Se avessi un francob...
Caspita!...
SOLO L'AMORE E' COMP...
Gerusalemme...
STORIE DEL FIRMA...
Buon NATALE...
Voglio essere fragil...
Raggio di sole...
Il Sonnambulo...
Il mio regalo...
Silenzio...
Spegni la luce...
ACCENDERÒ LA NOTTE...
IL tuo pezzo di mond...
Custodi di sentiment...
Space Invaders...
Natale...
La nostra vita segre...
AMICO CARO...
Grigio ore 12,00...
In quel sogno reale...
Brrrr... che freddo!...
Un presepe speciale...
L'uomo più Felice...
Abissi...
TORNA...
Ci sono ore...
Gesù di quercia...
L\\'ALBA DEL RISVEGL...
Ce ne siamo fregati...
Tra 100 o 1000 anni,...
Buono e Cattivo...
Un piccolo grande ba...
A volte per essere f...
Vera...
- Haiku - Tocco luna...
Immagine Marina...
Per te...
Verrò....
DOLCE TORMENTO...
L’innocenza del carn...
Le burla di Cappucce...
In paradiso...
un guizzo…....
IL CAPRO ESPIATORIO ...
Io e il blu...
Troppi anni dopo......
Nevica...
Le lune di Dalla...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



ASCOLTO, LEGGO, SCRIVO… COM’E’ PICCOLO IL MONDO

Settembre...un viaggio diverso dalle solite vacanze, più un fuggire dallo stress che rischiava di diventare qualcosa di più serio. Una nave era lì ad aspettarmi. Issata l'ancora mi sarei liberata dalle zavorre dei miei pensieri. E' pomeriggio tardi, quando ha inizio la crociera, si lascia il porto e l'immenso abbraccio del mare mi cinge, insieme ai 3000 passeggeri che si affrettavano come tante formiche impazzite al recupero dei bagagli e all'assalto del buffè che appena vuoto si riempiva di nuovo per lo stomaco di gente che non sembrava affatto patire la fame. L'orda selvaggia...è uno spettacolo esilarante, per chi non ha tanta voglia di mangiare!! Questo svuotare la cambusa in modo indisciplinato è motivo di divertimento. L'accaparramento non ha fine, lo trovi nei salotti, a bordo piscina, sui ponti ventosi e negli angoli più impensati della nave. Ho cercato di isolarmi in posti meno frequentati, esempio la saletta di lettura, nella zona fumatori ma le musiche ad alto volume ti raggiungevano ovunque. Decisi che per combattere questa mia tristezza dovevo affrontare il bagno di folla e con coraggio mi unii agli altri, andando in una sala dove c'era musica da ballo. Iniziarono le danze, varie coppie tra cui donne sole cominciarono a sgambettare. Erano tutti sugli anta e anche di più. Io essendo consapevole di avere di più di 28 anni mi godevo quel variopinto e patetico spettacolo. I vestiti più disparati avvolgevano corpi o troppo grassi o troppo magri, mi sembravano esagitate marionette. Affrontavano giravolte azzardate e dai loro volti traspariva una serietà da professionisti della danza, ma questo li rendeva ancora più ridicoli. Tutto questo s'intende dal mio punto di vista. Lo so la mia è una critica feroce, la vita è anche questo disfarsi di complessi e divertirsi in allegria. Si va verso il tramonto e sfrenarsi senza ritegno può essere un modo per raggiungere la felicità. Acquisito da tempo il livello “Diamante” riconoscimento per le numerose crociere non potevo astenermi dal meravigliarmi per l’afflusso di tanti anziani e ancor più sorpresa dalla loro voglia di divertirsi, dimenticando gli acciacchi. Sulla nave aleggiava lo spirito della vita e a lei si consacrava anche l'anima. Tempo fa in tv c'era un programma “Love Boat” dove si raccontavano storie che finivano sempre in dolci eventi come matrimoni, incontri inaspettati, con la felicità che correva sulle onde dell'oceano.Anch'io volevo trovare se non la felicità un po' di serenità. La vacanza era quasi al termine, per soddisfare la curiosità che ho per i libri mi recai in biblioteca, il posto più silenzioso della nave. I pochi libri in italiano non mi dicevano nulla, erano gialli, da iniziare e finire per gustarne il contenuto ma non avevo ne il tempo e ne la voglia. Una voce calda mi destò dal torpore, un signore dall'aspetto piratesco e molto accattivante mi fissava e sempre guardandomi mi disse:- Scusi signora non c'è molta scelta, se posso permettermi le potrei consigliare questo libro, niente d'impegnativo ma semplicemente gradevole per passare il tempo>. Volevo replicare che la mia navigazione stava per finire e che non avrei avuto il tempo di leggerlo ma mi sembrò una scortesia rifiutare e presi il libro “Il papiro insanguinato” ringraziando. Di rimando lui aggiunse - Grazie a lei signora Mirella Narducci, nonché Cignonero. - Rimasi basita, scrivere sul web non ti dà la concretezza di essere seguita, a me non l'ha mai data. Da poco scrivo su un giornale della rete, DAZEBAO NEWS dove c'è anche una mia foto recentissima, credo che mi abbia letto e soprattutto vista in quelle pagine. Sentirmi riconosciuta in mezzo all' oceano con il mio nick mi rese immensamente felice. Ringraziai confusa, stringendo al petto ” Il papiro insanguinato” e quasi volando raggiunsi gli amici. La nave era diventata la mia “Love Boat” avevo ricevuto il mio momento di felicità. Arrivato l'ultimo giorno di crociera, presa dall'euforia mi lanciai in uno sfrenato – Alligalli – Gustando così la follia, di chi ormai libero dai problemi aveva lasciato i pensieri in fondo al mare.



Mirella Narducci



PS Nella foto sono a Lisbona una delle tante tappe della crociera.




Share |


Racconto scritto il 25/09/2017 - 00:08
Da mirella narducci
Letta n.240 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


ENIO...non hai tutti i torti, molti pensionati si trasferiscono all'estero per vivere meglio. Un consiglio, un vero paradiso sono le isole canarie in special modo Gran Canaria ha un clima bellissimo è sempre primavera. Non ci abbandonare noi abbiamo bisogno d'italiani veri, anche se scappano tutti. Questo nostro stivale ha bisogno di riparazioni ormai è un colabrodo. Ciao un bacio

mirella narducci 26/09/2017 - 16:21

--------------------------------------

ottimo racconto Mirella sembra leggendo di vivere l'emozionante viaggio.il Portogallo è stupendo, l'ho visitato quasi tutto e sto pensando di trasferire lì la mia residenza per un conto matematico: in primis la pensione ti arriva intera poiché se risiedi in Portogallo non viene decurtata del 27x100 come in Italia (la mia di 700 diventa di quasi 900 euro) inoltre considerato che la vita costa la metà vivrei come un pensionato italiano con una pensione di 1800 euro. e inoltre una volta residente sei esente da qualsiasi tassa x 10 anni. e ti pare poco? l'italia è piena di negri il Portogallo è pieno di italiani Mirella, ho raccontato qualcosa anch'io e un cielo stellato

enio2 orsuni 26/09/2017 - 11:31

--------------------------------------

Bello, complimenti,la leggerezza arriva sul finire della vacanza, rendendola particolare !

Grazia Giuliani 25/09/2017 - 20:34

--------------------------------------

ROMEO...ti sbagli non dimentico gli amici. Ogni volta che leggo i tuoi commenti rispondo sempre, ora un po meno perche è vietato. Forse sei tu la Primula Rossa. Poi... da quando è una signora a cercare il cavaliere?!...ah ah ah. Tra l'altro so anche ballare......Ciao e grazie

mirella narducci 25/09/2017 - 20:03

--------------------------------------

...Cara Mirella il tempo di andare in crociera lo trovi ma il tempo da dedicare al tuo amico non lo trovi più...che peccato!...comunque devo riconoscere che hai uno stile letterario notevole e ti si legge volentieri...ci vorrebbero delle aggiustatine ma va bene così...mi risulta difficile vederti in quello sfrenato Alligalli ma la scenografia sarà risultata certamente molto interessante...a presto, Mirella e semper ad maiora !!!

romeo cantoni 25/09/2017 - 19:17

--------------------------------------

Il racconto è molto bello, e trovo davvero pregevole l'abilità narrativa che conduce, per mano, a quella splendida sorpresa. La gioia, una soddisfazione tanto più grande... proprio perché inaspettata.

Francesco Gentile 25/09/2017 - 18:30

--------------------------------------

Una vacanza iniziata sotto i peggiori auspici prende una piega inaspettata grazie a un incontro occasionale. E la vita ricomincia. Bel racconto, davvero. Giulio Soro

Giulio Soro 25/09/2017 - 18:26

--------------------------------------

ALFONSO....

mirella narducci 25/09/2017 - 15:28

--------------------------------------

La partenza era carica di energia negativa che hai saputo magistralmente distribuire con ottimi fendenti e colpi di fioretto. Poi lo spirito è cambiato, è tornata la tua natura e l'energia positiva ti ha invaso di nuovo. L'incontro non è stata una coincidenza, ma tutta l'energia che cercavi si è materializzata e ti ha gratificato per quello che sei. Così hai avuto una conferma decisiva !! Essere positiva aiuta sempre e attira verso di te quello che cerchi, soprattutto quando sei convinta di volerlo.

ALFONSO BORDONARO 25/09/2017 - 14:28

--------------------------------------

KEN...Hai ragione, nel mio caso...io sono sempre stata timorosa nell'esibire le mie opere.Gelosa forse della mia privacy o del giudizio di altri. Ho vinto questa paura e sono felice se i miei scritti possono confrontarsi e provocare emozioni a chi mi legge.Non sei andato lontano dalla verità. Grazie

mirella narducci 25/09/2017 - 13:12

--------------------------------------

tempo fá ho scritto che ogni poeta in fondo, ha la necessità di sentirsi riconosciuto, di emergere, è un po' Narciso. Ci specchiamo in noi stessi e quando ci accorgiamo che nello stesso specchio compaiono i visi di altre persone, ce ne beiamo. E non è un male. Il tuo racconto, dimostra che non ero lontano dalla verità. *****

Ken Hutchinson 25/09/2017 - 11:26

--------------------------------------

Una bella sorpresa che ha reso piacevole la fine di una vacanza che sembrava non portare nulla di nuovo.Come sempre scrivi in modo impeccabile. Complimenti scrittrice.

Anna Rossi 25/09/2017 - 08:56

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?