Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il figlio della luna

Mi scindo
per una ellisse intiera
dal mio eremo remoto
per ritrovarmi immerso tra la folla
che nulla importa
se
l’umano è immondo


giacchè
m’accoglie ebete e un pò festante
col piglio
di scrutar l’appartenenza
del rango mio
e la feral pecunia
che pingue il sacco … ma
il cuor dilania.


Bivacco per un lampo
digrigno e vado
in cerca d’una lacrima
nel vago
ma trovo solo sterile riscontro
di editto al vento per sentirsi pago.




Share |


Poesia scritta il 08/04/2017 - 13:28
Da Francesco Scolaro
Letta n.323 volte.
Voto:
su 9 votanti


Commenti


In effetti, l'umano é immondo.
Amara ed intensa. *****+

Ken Hutchinson 09/04/2017 - 14:35

--------------------------------------

Questo mondo non piange, questo mondo non sa cogliere il senso o meglio ne ha altri che poco riguardano il vivere umano....
stupenda opera che stringe il cuore e ti stringe pure la gola togliendoti il respiro .....
grazie per ciò che scrivi
Bellissimo leggerti.
*****
Buona domenica Francesco

Paolo Pedinotti 09/04/2017 - 09:50

--------------------------------------

la sterilità e l'indifferenza
l'apparenza e l'egoismo
una lacrima?
forse dietro congruo compenso....

laisa azzurra 08/04/2017 - 20:06

--------------------------------------

Stupenda la definizione di "feral pecunia" di omerica memoria, da allora il soldo è sempre divenuto più padrone del mondo, nemmeno in grado di comprare una lacrima che forse non c'è più in un mondo sempre più individualista.

ALFONSO BORDONARO 08/04/2017 - 15:49

--------------------------------------

Immagini belle e sfondo significante, complimenti

Brunello Pompeo 08/04/2017 - 15:40

--------------------------------------

A niente valgono i valori, confronto al valore del denaro , che governa il mondo.
Dov'è finita l'umanita, se non trovi neanche una lacrima che incoraggi il buon fare. Le parole volano nel vento, senza apportare alcun miglioramento a questa assurda situazione. La tua è una poesia tutta da interpretare...

Teresa Peluso 08/04/2017 - 15:14

--------------------------------------

Un poetar d'altro tempo che magnifica l'attento lettore.
Lieto meriggio, Francesco.
*****

Rocco Michele LETTINI 08/04/2017 - 14:54

--------------------------------------

mi piace molto ,si legge con un bel ritmo!5*

SILVIA OVIS 08/04/2017 - 14:49

--------------------------------------

Molto bella Francesco,sembra vivere l'epoca dell'impero romano.

Bruno Abbondandolo 08/04/2017 - 13:52

--------------------------------------

poeta d'altri tempi chi può capir tanta bravura espressa in tale scrittura 5*

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 08/04/2017 - 13:42

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?