Scrittura Creativa

     
 

La scrittura creativa è una palestra di allenamento per chi ama scrivere e vuole sviluppare il "muscolo" della fantasia.
Per dare uno stimolo abbiamo ideato una simpatica competizione. Mensilmente proporremo un tema diverso fornendo le opportune istruzioni.
Questo mese l''argomento è:

TEMA

Le istruzioni sono:

scrivi un racconto che abbia questo tema e non necessariamente il titolo: "Quella estate meravigliosa"


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Per partecipare basta registrarsi gratuitamente ed accedere alla propria area privata dove si trova la pagina per la pubblicazione della scrittura creativa.
Il miglior racconto sarà premiato con la pubblicazione nella prima pagina del sito per un mese con l'indicazione del vincitore.


 
     



Lista Generale

     
 



La prima estate al mare

La mia più bella estate me l'ha regalata Enrico. Dopo quella ne sono venute altre, tutte belle, ma la prima resterà la regina. Avevo diciannove anni e stavamo insieme nemmeno da un anno, eppure era come se ci fossimo conosciuti da sempre. Lui, col suo carattere estroverso, era riuscito a conquistare la fiducia di mio padre, fiducia che non aveva mai accordato a nessuno dei miei amici, sicché il vecchio genitore approvò la proposta che il mio ragazzo aveva lanciato a me, mio fratello Luigi e la sua fidanzata Serenella, a Bruno e Silvana, amici comuni e inseparabili: due settimane di campeggio libero al Gargano.
Per la verità l'idea del Gargano era venuta a me, anche se non avevo nemmeno idea di come si potesse andarci. A parlarmene era stato il dottor Molteni, il primario del reparto di analisi dell'ospedale dove lavoravo come infermiera. Io non avevo mai visto il mare, ed allora ascoltavo il dottore parlare di quelle acque limpide, delle spiagge di sabbia finissima, e perfino dei bosc... (continua)

Franca M. 18/06/2018 - 19:55
commenti 4 - Numero letture:88

Argomento: TEMA

Voto:
su 3 votanti





Accadde un'estate di sessant'anni fa

Ci sono momenti della vita che restano indelebili nella mente, nel cuore e nell’animo, dai sapori e percezioni; la somma di più stimoli semplici legati in modo sintetico, dei dati sensoriali in forme dotate di ricordo, laggiù, l’elicriso sa di selvatico.
È uno dei tanti ricordi che hanno Alfio e Assunta della Basilicata.
Quella terra incastrata fra la salsedine di due mari.
Fra i calanchi che sembrano disegnati con il gesso.
Quando hanno visitato per la prima volta la regione dove
sono cresciuti i loro genitori, avevano quell’età
in cui ogni luogo somiglia a un altro. E fra i cinque sensi,
l’unico che matura senza invecchiare o progredire è l’olfatto.
Nelle narici è rimasto annidato quel profumo.
Emanava dalla valle umida, dai negozi, dalle case. L’estate è la stagione della libertà, dei sorrisi e del profumo di salsedine. Ma per Assunta e Alfio quest’anno tutto è diverso. Sono costretti a trascorrere due lunghi mesi in Basilicata, la terra d’origine della madre. Una ... (continua)

Savino Spina 12/06/2018 - 03:15
commenti 0 - Numero letture:173

Argomento: TEMA

Voto:
su 0 votanti





IL MARE D' ESTATE

Il mare è il grande protagonista della mia estate meravigliosa. Fin da quando ero bambina mi capitava di rivolgermi al mare per confidargli le mie ansie le mie paure. Depositario inconsapevole le assorbiva e le inabissava nelle sue profondità, lasciandomi i pensieri più belli.Le sue onde misteriose e armoniose con il loro moto incessante ed eterno mi conducevano lontano con la fantasia. Un’ estate scoprii quanto fossi legata al mare, trascorrendo una vacanza, da sola, presi questo periodo come una pausa, un riposo… ne avevo bisogno. Passavo quei giorni sulla riva, dove le onde mai stanche mi lambivano i piedi con carezze consolatrici. Il mare sa ascoltare, in silenzio mi abbracciava e sembrava sussurrarmi che lui mi era vicino e che insieme facevamo parte del creato per adempiere ad un disegno divino. Non ero più sola, la voce del mare a volte dolce a volte tempestosa mi cullava mi rassicurava portava i pensieri laggiù dove l’orizzonte si confonde col cielo. Nello sciabordio si afferra... (continua)

mirella narducci 08/06/2018 - 14:03
commenti 4 - Numero letture:97

Argomento: TEMA

Voto:
su 4 votanti



AMORE CHE EMOZIONE

Questa storia comincia di domenica e non poteva cominciare in un altro giorno.
Credo che i migliori propositi si facciano di domenica.
Credo che le guerre finiscano di domenica.
Credo che Ulisse sia tornato di domenica.
Domenica per me è sempre stata una giornata particolare.
Era da poco passata la mezzanotte e si, mi sentivo stanco, stanco dentro.
Cos' era poi la mia vita senza amore?
Mi mancava questa complicità, quel bacio delicato sulle labbra e quegli occhi che guardavano me e non gli altri.
Cosa avevo poi così di diverso da non poter piacere a una donna?
Forse ero troppo premuroso?
Dovevo essere più menefreghista, assieme ad un bel paio di muscoli?
Si, quelli aiutano, diciamo la verità.
Mi misi in pigiama e fissai il pavimento.
Domani sarà uguale come ogni giorno!
Fu proprio in quel momento, che mi collegai su quella chat che avevo da poco visto come novità.
Decisi di cercare in un raggio di 150km da casa mia, forse avrei avuto più possibilità.
Fu così, forse... (continua)

Mary L 31/05/2018 - 18:08
commenti 3 - Numero letture:122

Argomento: INCIPIT

Voto:
su 3 votanti




[ Pag.1][ Pag.2 ][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39 ][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68 ][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84 ][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106 ][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148 ][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ][ Pag.169 ][ Pag.170 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2018 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -