Scrittura Creativa

     
 

La scrittura creativa è una palestra di allenamento per chi ama scrivere e vuole sviluppare il "muscolo" della fantasia.
Per dare uno stimolo abbiamo ideato una simpatica competizione. Mensilmente proporremo un tema diverso fornendo le opportune istruzioni.
Questo mese l''argomento è:

INCIPIT E FINE DI UNA LETTERA

Le istruzioni sono:

Incipit e fine di una lettera: scrivi una lettera ad un’amica (in cui racconti la tua vita) che inizi e termini così: (Inizio) Cara Margherita, come stai? Prima di tutto Buon Natale e buon Anno Nuovo. Qualche giorno fa ho parlato con mia madre che mi ha detto che alla fine sei andata all’Università a Bologna. Glielo ha detto tua madre. Hai studiato qualcosa che c’entra con il cinema, vero? Quindi niente più economia e commercio? Hai fatto bene ad insistere in casa. Uno deve fare le cose che vuole. Anch’io ho fatto quello che volevo, ora te lo dico… (Fine) Mia madre mi ha detto anche che sei sempre bellissima ma io lo sapevo. Quando eravamo piccoli ero sicuro che saresti diventata Miss Italia. Ti bacio. Pietro. P. S preparati, perché quando passo da Bologna ti prendo e ti porto via


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Per partecipare basta registrarsi gratuitamente ed accedere alla propria area privata dove si trova la pagina per la pubblicazione della scrittura creativa.
Il miglior racconto sarà premiato con la pubblicazione nella prima pagina del sito per un mese con l'indicazione del vincitore.


 
     



Lista Generale

     
 

Appunti di viaggio

<"Mi vidi riflesso sullo specchio dell'acqua">, finalmente pensai.
Erano anni che combattevo per poter riavere la mia anima, la mia sicurezza ed ancora. Dopo ore perse nel mio cammino compresi quanto fui superficiale , venderla per un pugno di monete . Ho sofferto per non aver avuto la possibilità di amarla, di stringerla e di fondermi con lei come la cera calda di notte ed ora grazie al suo dono , quello della vita, rinasco anche io. Allora presi le mie cose e me ne andai da quel luogo, dove tutto fu magico ed irreale. Solo un amuleto in ricordo , il resto è ancora da scrivere .... (continua)

Cristina Forte 01/09/2015 - 01:30
commenti 2 - Numero letture:301

Argomento: ESERCIZIO DI CONCISIVITA'

Voto:
su 3 votanti



Il mio compleanno

Mi vidi riflessa sullo specchio dell'acqua e per un attimo restai completamente ferma, immobile a dispetto di quel rivolo che scorreva costante. Osservai la mia fronte, quella piccola ruga cui ormai ero rassegnata, guardai la mia bocca, carnosa, rossa, ne studiai i contorni irregolari e poi il piccolo neo al centro della fossetta destra.
Non sono cambiata tanto rispetto a quando era una ragazzina, non nell'aspetto.
Tirai fuori il pezzo di carta che tenevo nella tasca, era solo un foglio ma pesava quasi fosse cemento. Era il momento di leggere quella lettera, lì su quella riva, la sponda della mia infanzia.
" Cara Adele,
quando ero piccola la maestra diceva sempre che è meglio disegnare poche cose ma farle bene, così, visto che a disegnare non sono un granché, cerco di seguire lo stesso il consiglio scrivendoti.
Potrei cogliere l'occasione del tuo compleanno per augurarti molte cose, ma secondo me è sempre e solo una quella più bella e, soprattutto, quella che vorrei per t... (continua)

Co Co 29/08/2015 - 15:16
commenti 3 - Numero letture:425

Argomento: ESERCIZIO DI CONCISIVITA'

Voto:
su 8 votanti



La resa dei conti.

Mi vidi riflesso sullo specchio dell'acqua. Dalla ferita sul collo usciva ancora sangue. Fortunatamente, l’artiglio del drago mi aveva solo sfiorato.
L’avevo ferito, ma qualcosa mi diceva che non se ne era andato. No: quel drago ed io avevamo un conto in sospeso ed era giunto il momento di chiudere il conto.
Due colpi di vento particolari.
No, non era vento: era un battito d’ali.
Alzai lo sguardo. Su nel cielo si ergeva il leggendario drago Krohn.
Ci fissammo con rabbia.
-A noi due…- sussurai a denti stretti. Krohn capì: ruggì fortissimo e sputò fuoco minaccioso.
Lo scontro iniziò.... (continua)

Andrea Motta 27/08/2015 - 23:05
commenti 0 - Numero letture:349

Argomento: ESERCIZIO DI CONCISIVITA'

Voto:
su 14 votanti



La saggezza della spada

Mi vidi riflesso sullo specchio dell’acqua. Era limpida e si muoveva leggermente come le onde dei capelli. Ad un tratto spuntò fuori una spada dall’acqua. Che strana, pensai. L’afferrai e mi trascinò subito giù negli abissi. Era un Marlin. Vidi la stazza del pesce, e pensai ad Hemingway. Volai con lui e mi mostrò le grandezze marine, la vita sotto di noi, e ciò che veramente siamo. Era nobile e parlava molto bene la mia lingua. Mi disse che stavamo sbagliando tutto. Non capivamo più le nostre necessità e li stavamo distruggendo. Vidi le alghe atterrite, e altri pesci che non creavano più dei vortici. Qualcosa mi strinse al collo. Uno squalo. Mi disse che non ero degno. Quel mondo non ci apparteneva. L’immensità non era più nostra. Abbiamo contaminato quella perfezione con le nostre sporcizie. Venni scaraventato fuori. Guardai le stelle e dissi «Restano solo loro… Chissà». Mi svegliai di soprassalto. Incominciai a scrivere.... (continua)

Salvatore Mauro 27/08/2015 - 17:30
commenti 0 - Numero letture:400

Argomento: ESERCIZIO DI CONCISIVITA'

Voto:
su 14 votanti




[ Pag.1 ][ Pag.2 ][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39 ][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68 ][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84 ][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148 ][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ][ Pag.169 ][ Pag.170 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2018 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -