Scrittura Creativa

     
 

La scrittura creativa è una palestra di allenamento per chi ama scrivere e vuole sviluppare il "muscolo" della fantasia.
Per dare uno stimolo abbiamo ideato una simpatica competizione. Mensilmente proporremo un tema diverso fornendo le opportune istruzioni.
Questo mese l''argomento è:

INCIPIT E FINE DI UNA LETTERA

Le istruzioni sono:

Incipit e fine di una lettera: scrivi una lettera ad un’amica (in cui racconti la tua vita) che inizi e termini così: (Inizio) Cara Margherita, come stai? Prima di tutto Buon Natale e buon Anno Nuovo. Qualche giorno fa ho parlato con mia madre che mi ha detto che alla fine sei andata all’Università a Bologna. Glielo ha detto tua madre. Hai studiato qualcosa che c’entra con il cinema, vero? Quindi niente più economia e commercio? Hai fatto bene ad insistere in casa. Uno deve fare le cose che vuole. Anch’io ho fatto quello che volevo, ora te lo dico… (Fine) Mia madre mi ha detto anche che sei sempre bellissima ma io lo sapevo. Quando eravamo piccoli ero sicuro che saresti diventata Miss Italia. Ti bacio. Pietro. P. S preparati, perché quando passo da Bologna ti prendo e ti porto via


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Per partecipare basta registrarsi gratuitamente ed accedere alla propria area privata dove si trova la pagina per la pubblicazione della scrittura creativa.
Il miglior racconto sarà premiato con la pubblicazione nella prima pagina del sito per un mese con l'indicazione del vincitore.


 
     



Lista Generale

     
 

Amici di sventura Prima parte

SCENA PRIMA: Pasquale (primo aspirante suicida) un uomo molto garbato e a modo, vestito in maniera elegante, è sulla torretta di guardia del penitenziario intento a buttarsi nel vuoto quando, improvvisamente, ecco accedere l’imprevisto:

PASQUALE: (Mentre si toglie la giacca e si accinge a
buttarsi) Esclama, a voce alta, tra se e se: “No basta adesso la faccio finita!! meglio il dolce ozio dell'oblio che una vita terrena in queste condizioni. Basta voglio farla finita!!”
(ENTRA GIACOMO)
GIACOMO: (Persona scorbutica, arrogante prepotente e
malvestito). (Giungendo di corsa sulla torretta)
E no, e no!!! (esclama vistosamente stizzito) assolutamente no!!; togliti subito da lì! Quel posto è mio, ho visto prima io che non c'era la guardia …guai a chi me lo tocca! Giù…! scendi giù subito da lì chiunque tu sia!!
PASQUALE: Ma… veramente io…
GIACOMO: Veramente un bel niente! Ma come… uno
fa la spia da tanto tempo in attesa che non trovi
nessuno appostato sopra di guardia... (continua)


Luigi Bellotta 10/04/2013 - 12:20
commenti 1 - Numero letture:677

Argomento: VITA INTERIORE DI UN PERSONAGGIO

Voto:
su 1 votanti



Scorre irreversibile

Parcheggio la macchina, scendo di corsa in quel supermercato che proietta una luce rossa troppo forte. Ho una lista con me,non la seguirò, sono troppo felice per ascoltare l’ inchiostro di una penna, dopo anni e anni lei è mia e stasera cena da me. Odio andare nei supermercati, la gente è nervosa, sembra una gara a chi compra più oggetti, rischi di perderti nella cattiveria e nell’avidità delle persone, ma stasera no. In mente ho lei, così anche fare la spesa è qualcosa di fantastico. Penso a cosa le piace di più, non mi accorgo nemmeno di essere circondato da un imprecisato numero di persone. Mi fermo davanti a una bicicletta rossa esposta, è uguale alla sua, e così la mia mente si trova a viaggiare. Ripenso a quel giorno, io e lei insieme, ancora amici, ma già innamorati. Uscimmo da scuola e iniziammo a camminare insieme, lei con la sua bici, io a piedi. Ci ritrovammo sotto un temporale, salisti dietro di me e ancor prima di iniziare a pedalare eravamo già a terra, bagnati, infreddo... (continua)

francesco suppressa 03/04/2013 - 19:30
commenti 0 - Numero letture:668

Argomento: VITA INTERIORE DI UN PERSONAGGIO

Voto:
su 3 votanti



Istanti di felicità

Come ogni sabato mattina, la sua routine è fare la spesa. In particolare era quel sabato. Un giorno d'inverno ma caldo, c'era un sole che accarezzava quel viso. Non era una bellezza da notare, ma si osservava la luce che rifletteva nei suoi occhi. Il suo sorriso silenzioso ma bianco, puro. S’incamminava verso il supermercato con movimenti precisi e leggeri. Si guardava intorno, dall’aria soddisfatta. Tutti la guardavano, perché sorrideva. Non è da tutti i giorni incontrare una persona così allegra. La sua spensieratezza sembrava paradossalmente imbarazzante. Intanto lei pensava: " stasera cosa preparo?" mentre si aggirava tra scatolette e affettati.
Era un giorno particolare, il primo anniversario. Voleva preparare una cena leggera e romantica ma stuzzicante.
Al banco del pesce, attendeva il suo turno e chiedeva: " Vorrei dei gamberetti, delle vongole e due fette di salmone". E’ pesce fresco? Chiedeva. Beh, la risposta era inevitabilmente positiva. Ma quando la f... (continua)

Mariella Volpari 03/04/2013 - 11:35
commenti 3 - Numero letture:849

Argomento: VITA INTERIORE DI UN PERSONAGGIO

Voto:
su 6 votanti



la Bibbia secondo zia Concettina

Tutto cominciò da quel giorno… quando portammo zia Concettina (napoletana “verace”) a Milano dalla sorella Maria (sposata con un milanese) per le feste di Natale… l'anno scorso.
Eravamo arrivati, appena il giorno prima, a casa di zia Maria quando vennero a farle visita, come ogni venerdì, due anziani signori "Testimoni di Geova" per il loro consueto studio biblico.
Dopo il classico thè pomeridiano che era solito offrire zia Maria, uno dei due “Testimoni di Geova” tira fuori la Bibbia dalla borsa per cominciare lo studio.
Avevano appena cominciati a parlare del Signore quando zia Concettina, per far sapere che anche lei era aggiornata sull'argomento fece un intervento a casaccio che del resto non era nemmeno legato al discorso che i due signori avevano iniziato a fare. Da quel momento, come si suol dire: "Apriti cielo!"; Non lasciava più parlare nessuno, cominciando a spiegare la Bibbia, con il suo discreto italiano (spesso però misto al napoletano) e con le sue... (continua)

Luigi Bellotta 02/04/2013 - 09:23
commenti 0 - Numero letture:846

Argomento: VITA INTERIORE DI UN PERSONAGGIO

Voto:
su 1 votanti




[ Pag.1 ][ Pag.2 ][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39 ][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68 ][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84 ][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106 ][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ][ Pag.169 ][ Pag.170 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2018 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -