Scrittura Creativa

     
 

La scrittura creativa è una palestra di allenamento per chi ama scrivere e vuole sviluppare il "muscolo" della fantasia.
Per dare uno stimolo abbiamo ideato una simpatica competizione. Mensilmente proporremo un tema diverso fornendo le opportune istruzioni.
Questo mese l''argomento è:

TEMA

Le istruzioni sono:

scrivi un racconto che abbia questo tema e non necessariamente il titolo: "Quella estate meravigliosa"


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Per partecipare basta registrarsi gratuitamente ed accedere alla propria area privata dove si trova la pagina per la pubblicazione della scrittura creativa.
Il miglior racconto sarà premiato con la pubblicazione nella prima pagina del sito per un mese con l'indicazione del vincitore.


 
     



Lista Generale

     
 

SETTE PECCATI

SETTE PECCATI
Il pettirosso è la passione di Cristo
La capinera è la Madonna in lutto
Il merlo è andato solo al suo trasporto
Il tordo non c’era o non se n’è accorto
Il falco ha avvisato ogni distratto
L’aquila dall’alto sorveglia il tragitto
Il fringuello ed il cardellino hai cantato
Nel blu dipinto di blu, all’infinito
Il picchio sul tronco la storia ha scritto
Il passero aveva la nidiata, non è andato
La rondine con un garrito l’ha salutato
La gallina nel pollaio piangeva a dirotto
Il gallo su un albero gridava, cristo è morto
Il cuculo e la civetta, vegliavano il feretro
La volpe alla lepre, ha raccontato il fatto
Il cavallo pezzato alla tomba Maria portò
La colomba, sette rose a Maria ha donato
Il vento si alzò improvviso, urlò addolorato
Un lampo attraversò il cielo impazzito
Il tuono ancor più forte rombò disperato
Il sole coprì la sua emozione nel cielo velato
Dal cielo piovve sangue, tutto aveva ammantato
Quel sangue rigenerò ... (continua)

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 27/08/2016 - 12:13
commenti 3 - Numero letture:295

Argomento: UN SEGRETO

Voto:
su 2 votanti



LA SCELTA

Era una notte di tempesta, senza luna. Lo studio era rischiarato appena dalle candele. Alla fioca luce dei lumi, il volto del medico appariva ancora più grigio e tetro.
«Mi duole informarvi, che una delle bambine non ce la farà.» Gli disse. Un sospiro di sconforto gli sfuggì dalle labbra, sua moglie aveva appena partorito.
«Ne siete sicuro?»
«Non arriverà all'alba.»
«Mia moglie lo sa?» Il medico scosse la testa, mesto.
«È molto debole. A malapena è consapevole di aver dato alla luce una bambina.»
«Capisco.»
Congedò velocemente il medico. Ordinò la carrozza. Non ebbe un attimo d'esitazione, ed uscì nella notte.

Si svegliò di soprassalto, la fronte imperlata di sudore. Erano 37 anni, che quell'incubo lo tormentava. Suonò per chiamare il suo cameriere personale. Tanto valeva prepararsi ed affrontare la giornata, sin da subito. Era vecchio e stanco, e come se non bastasse, suo genero gli aveva affidato la nipote, per la stagione. Serrò i pugni per la rabbia.

Era nel suo studi... (continua)


Marirosa Tomaselli 26/08/2016 - 19:09
commenti 5 - Numero letture:358

Argomento: UN SEGRETO

Voto:
su 2 votanti





UNA STORIA UN SEGRETO e molto altro....

Marisa una giovane mamma, con occhi dolcissimi accarezzava un velo da sposa lillà... aveva scelto quel colore perche vedova ormai da dieci anni, da quando una sera tornando a casa in macchina ci fu un incidente in cui perse il marito e il figlioletto di cinque anni. Lei andò subito in coma profondo, quando riaprì gli occhi potè solo portare dei fiori agli amori della sua vita. Col tempo rimosse l'accaduto, le avevano raccontato come era stata la dinamica della disgrazia, che marito e figlio erano stati subito soccorsi ma per il piccolo non c'era stata la possibilità di salvarlo anche se il cuoricino batteva ancora. In questi anni Marisa non si era ripresa, pensava che la vita doveva finire, ma pur troppo la vita continua e devi essere forte. Nel suo cammino incontrò Salvatore un uomo paziente, buono e con lui cercava di ritrovare un po' di pace. Tutti le consigliavano di accettare l'aiuto, in fondo era ancora giovane, sicuramente i suoi due angeli avrebbero voluto la sua felicità...... (continua)

mirella narducci 23/08/2016 - 01:31
commenti 6 - Numero letture:417

Argomento: UN SEGRETO

Voto:
su 4 votanti



Un gesto damore

Un sorriso che esprime la gioia della vita, questo era il saluto di Viraj, un ragazzino che si faceva voler benne da tutti. Si, per le persone del villaggio Viraj era: il raggio di sole in una giornata grigia, la sua generosità nel aiutare le persone anziane lo rendeva felice.
La giornata di Viraj iniziava a l'alba, insieme al padre, lo aiutava nella pesca, ma: stranamente una mattina il padre rimane a letto, Viraj guarda dalla finestra il sole che prende sempre più forma...chiede alla mamma: “come mai papà e ancora a letto”? La mamma cerca di tranquillizzarlo dicendo: “papà non sta bene, vedrai che tra un po si alza”.
Ma i giorni, i mesi passano... e il padre sta sempre più male, la loro condizione economica e disperata, non possono più comprare i medicinali, tanto meno una visita medica.

Preso dalla voglia di aiutare il padre a tutti i costi! Viraj va dal farmacista pur sapendo che non avrebbe avuto i medicinali senza i soldi... infatti il farmacista lo manda via,... (continua)


donato mineccia 22/08/2016 - 20:02
commenti 10 - Numero letture:576

Argomento: UN SEGRETO

Voto:
su 4 votanti




[ Pag.1 ][ Pag.2 ][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39 ][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84 ][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106 ][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148 ][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ][ Pag.169 ][ Pag.170 ][ Pag.171 ][ Pag.172 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2018 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -