Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SonEtti...
Sogno o son desta...
Due tenere folate di...
Diavolo...
Luci al neon...
Mosè e le tavole del...
Mosca 1950...
ANCORA INSIEME...
I binari della mia v...
I ricordi nell’armad...
Placido mare...
TUTTO IN UNA PAGINA...
GIULIA pt.1...
“Oggiscrivo”...
La colazione...
IL SALE DELLE TUE PA...
Non Ti Scordar di Me...
L'ora perduta...
Davanti a me vedo du...
STREET CIRCUS...
Schegge del cuore (T...
Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
Alito di Dio...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
È AUTUNNO...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...
Ama le lacrime quant...
VOLI PINDARICI...
La passeggiata...
notte di settembre...
città...
VENERE SOLITARIA...
Silenzio...
L'uomo e il mare...
Come nelle favole...
Quando scende la ser...
L'amore...
Dall'alfa all'omega,...
LA PERLA NERA...
PECCATI MORTALI...
Da Ibiza...
Sogni rubati...
Che meraviglia!...
La prossima volta...
Vorrei incontrarti...
Forum...
Mi piange il cuore.....
La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

SCAVAI NEL CIELO

Inginocchiato ai sogni da bambino
scavai nel cielo senza darmi tregua,
sicuro prima o dopo di scovare
l’inizio di quel raggio che non vedo.


Mi piacque demolir fosche figure
formate dalle nuvole in cammino,
figure a guisa dei dannati ghigni
che già all'avvio spezzano il sospiro.


Fu poi la volta della pioggia nera,
di quella che di netto disunisce
il vezzo di guardar lassù, in alto,
con la speranza di vedere il sole.


Toccai la ruggine degli uomini
che mai la diluiscono giù in terra
e, al contrario, l’affidano al futuro
per conservarla nell'aria maledetta.


Scavai nel cielo anche da grande,
armato più di quando ero fanciullo,
ma a malavoglia presi buona nota
che nulla nell'aria era cambiato.


Ero mutato io, l’uomo dei sogni,
che del bambino non ho più la stoffa,
pietrificato nella certezza stolta
di alterare il mio assegnato fato.







*
Anno di stesura 2007
Tratta da “Appena finirà di piovere” (Global Press Italia 06/2010) – Prefazione di A.Ambrosoli
Mensile Il Saggio 09/2017 - Premio Alda Merini al XXI Concorso Il Saggio



Share |


Poesia scritta il 14/11/2017 - 14:18
Da Aurelio Zucchi
Letta n.242 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


veramente espressiva, potente bella

enio2 orsuni 15/11/2017 - 11:36

--------------------------------------

Esplorare spazi ed elementi di natura per meglio comprendere se stessi e quanti ci circondano, in un percorso impegnativo che cambia approccio man mano che si acquista maturità e ulteriore consapevolezza.....
Un importante valore riflessivo in questi tuoi versi sempre pieni di personale esperienza...

Alessia Torres 14/11/2017 - 23:27

--------------------------------------

Veramente bella... introspezione e ricerca dell'io profondo, riconoscersi cambiato e non più il bambino che scorge e vuole sapere dei sogni di un raggio di sole! Complimenti!

margherita pisano 14/11/2017 - 21:25

--------------------------------------

Notevole interpretazione, in versi che suscitano molte emozioni. Complimenti per l'opera e buona serata.

Paolo Ciraolo 14/11/2017 - 21:20

--------------------------------------

Poesia molto bella e ricercata. Un viaggio tra le nuvole, la pioggia nera, la ruggine degli uomini. Un uomo che scava nel cielo e si rende conto di essere diventato grande e di non aver strumenti contro il fato a lui destinato. Molto piaciuta. Giulio Soro

Giulio Soro 14/11/2017 - 17:52

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?