Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Scrivi il romanzo ch...
Regali...
Un punto nel Sole...
C'è ancora tempo...
TI SENTO...
Cadute libere...
Haiku 2...
Romantica...
IL SUONO CHE ASPETTA...
Lo stegosauro...
NEL PROFONDO C' E...
Fiori di campo...
Sorella mia...
I sogni...
CONTRO LE REGOLE- Pr...
M'aggio 'a fa' ricov...
- Haiku - L'arcobale...
E CHE GRANDE SIA...
Una storia di paese...
Ieri ho sognato......
Certo che la sera qu...
visione...
Se tu sei qui...
Anime...
un equivoco?...
Ma...siamo sicuri?...
Chioggia...
FIGLIO...
La panchina dei miei...
Omologazione....
Componiti...
Marco 14:30...
RIFLESSI DI LAGO...
La felicità non può ...
IL PENDOLO...
LA DIGNITÀ SI DISTIN...
Effimera gioia...
Carlo Verdone...
Nessuno mi toglierà ...
E se per un momento ...
Preghiera a Santa Ma...
UNA SERA DI OTTOBRE...
EMOZIONI...
Canal Grande...
LO STUPIDO...
L'ORA DELL'AMORE...
FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
Architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...
Me so montato 'a tes...
L'impalpabile...
Attimo d'amore...
L'albero della vita...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il Santo

Te sto a pregà da sera a la matina
pe quer favore che me preme assai
T’accesi puro na piccola lucina
ma de risposte nun ne ebbi mai.


Vabbè, nun sono proprio religioso
vivo tra gente der malaffare,
ma, a te, de maltrattare mai non oso,
so bene che c’hai troppo morto da fare.


A me serviva, onnipotenza tua,
to dico pe fattelo arricordare,
da diventà na presenza assidua
quanno le banche i sordi vonno conteggiare.


Solo n’occhiata e sai beneficenza !
Li poveri pe solidarietà
si avessi in mano tutta sta creanza
magnerebbero tutti a sazietà.


Come ? Che dichi ? Perché nun m’arrisponni ?
Nun parlo forse de cose umanitarie ?
Si dentro sta statua te nasconni
sei Santo sol pe cose seconnarie.


Caro figliolo, rispose il venerato,
qua m’han rinchiuso per non sentire te
che parli come fossimo al mercato,
questa, di Dio l’abitazione è.


E poi, ascolta bene figlio mio,
te lo dirò in forma molto cruda
hai suscitato un iradiddio
ma il Santo è di marmo e non suda !



Share |


Poesia scritta il 16/12/2017 - 12:06
Da Nino Curatola
Letta n.159 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


e vai Nino, l'idee che ciai pijeno vita scritte da te 5* ma cura deppiù la metrica sennò perde de musicalità

enio2 orsuni 18/12/2017 - 12:26

--------------------------------------

Bellissima

franco Cau 16/12/2017 - 20:37

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?