Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
AUTUNNO (doppio acro...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...
Selvaggia...
Emozione...
La colazione...
Il respiro dell'autu...
Il Mare Fantasma...
Cosa Eravamo...
ADDIO...
Un ricordo lontano...
Curioso Settembre...
IMMENSE EMOZIONI...
Che bella cosa la sp...
Arguzie...
BELLEZZA...
Nel fluir dei pensie...
IL SENSO DELLE...
Poeta...
Ti ho cercato...
Gelo Maligno...
Troverai un cielo li...
Il ponte...
Sei un mistero...
Iron883...
Il passato...
IL MONDO RACCONTA Un...
Eppure sembra sempli...
Nato in Settembre...
DUE RAGAZZI...
L’imbecille di turno...
Nonna stand by me...
Sarò solo io a scegl...
In alcuni momenti è ...
Ingrata inettitudine...
Quante volte sono st...
Ulisse...
Brezza...
Sensazioni...
Bruma...
Angoscia...
Così è la vita...
Peccatore...
IMMENSITA'...
mattina presto...
Progetti...
splendore...
Settembre...
L' ANIMA OZIOSA...
spicchi...
Margherita...
UN ATTIMO E FU AMORE...
OASI...
E non esiste espansi...
La fune....
Il sole splende, sol...
Teniamoci stretti...
Addio...
Lupo...
A furia di fare i fu...
Febbre...
A TE...
Sasso e prato...
Immenso mare...
Quando guardo l'oriz...
Poesia......
Tre corse in tram...
Un tanto ingenuo e t...
Sul lungomare della ...
Cavaliere della carr...
Se insegni con passi...
L' odore dell'amore...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



solitudine

ti avevo incontrata
in un giorno qualunque
nel deserto
dei miei pensieri
che si consumavano
in una litania
silenziosa
di rumori
assordanti



ero solo
davanti ad uno scrigno
mai aperto per paura
tu mi sfioravi
la mano tremante
addormentando
ogni mia volontà
sussurrandomi
di gettare quella chiave



precipitare insieme
nel vortice
di una fuga improvvisa


stanchi poi
del nostro inutile
pellegrinare
ci sedevamo
l'uno di fronte all'altro
come due teneri amanti
al loro primo appuntamento
...
ci sedevamo al tavolo
della vita
per barattare
dadi alla mano
le nostre verità
le nostre menzogne



ti respiravo rapito
da quel tuo candore
d'avorio
e cedevo scioccamente
alle lusinghe
del tuo canto
da sirena


profumo di pesco
in fiore
i sensi
si atrofizzavano
in una danza
d'inganni



io chinavo
il capo
e mi cospargevo
di fresca cenere
e l'arcano intanto
veniva svelato!



invocavo
il tuo nome
quasi con disprezzo
affinchè
il tuo sguardo
di fata
si sciogliesse
definitivamente
in polvere di ricordi



imploravo
me stesso
di trovare quella chiave
per aprire
quello scrigno
con la consapevolezza
di ritrovare
il senno perduto



ma tu
oh solitudine
mi avevi gettato
nel tranello
di quella buia caverna
che inesorabile
mi conduceva
al nulla


ed io lentamente
svanivo
nel buio
di un tormento
che
piano piano
in un valzer
di attimi proibiti
mi stritolava
in una metamorfosi
senza più possibilità
di alcun ritorno!



Share |


Poesia scritta il 09/04/2018 - 01:20
Da jacob von bergstein
Letta n.145 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Bella Jacob.
5*

Luca Fiazza 15/04/2018 - 00:41

--------------------------------------

JACOB....La solitudine la dea che ci irretisce e affascina allo stesso tempo....bisogna servirsene col contagocce perche in dosi elevate può uccidere.

mirella narducci 09/04/2018 - 09:57

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?