Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ora che il buio avan...
Una telefonata...
Un gioco esplicativo...
Romantica...
Arrive(rà)derci Pens...
Il sorriso...
Sei sicuro di avere ...
SIAMO I POETI...
Il matto...
Come alberi in autun...
Sospeso...
Primo amore...
Irene...
Parigi, Febbraio 194...
Passegiando la matti...
Rapporti Umani...
CUORE DI PIETR...
Non trovo....
Il cucciolo...
Promessa....
SIMILI...
FRUSCIO DI FOGLIE...
Il sonetto dell'autu...
Quel momento in cui ...
Accomiato...
Il suo sorriso era c...
BELLEZZA PROVOCANTE...
E' la sera dei mirac...
PROFONDE FOLLIE...
Andiamo là...
Velate nubi...
Adieu...
L’ultima Volta...
Firmamento...
Tutto si trasforma, ...
La clessidra...
Respiro di vita...
Casuali parabole...
IL SUBACQUEO SPORTIV...
E\' stato splendido...
SonEtti...
Sogno o son desta...
Due tenere folate di...
Diavolo...
Mosè e le tavole del...
Mosca 1950...
ANCORA INSIEME...
I binari della mia v...
I ricordi nell’armad...
Placido mare...
TUTTO IN UNA PAGINA...
GIULIA pt.1...
“Oggiscrivo”...
La colazione...
IL SALE DELLE TUE PA...
Non Ti Scordar di Me...
L'ora perduta...
Davanti a me vedo du...
STREET CIRCUS...
Schegge del cuore (T...
Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
Alito di Dio...
Me ne voglio ì lunta...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...
Ama le lacrime quant...
VOLI PINDARICI...
La passeggiata...
notte di settembre...
città...
VENERE SOLITARIA...
Silenzio...
L'uomo e il mare...
Come nelle favole...
Quando scende la ser...
L'amore...
Dall'alfa all'omega,...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il treno

Un sole di sale


e canne chinate al tramonto


lo stridio del ferro,


un ruggito di latta


sulla linea tenue che taglia


la terra


e la separa dal cielo,


guardo il riflesso


sul vetro,


mi conduce al vivo dei miei occhi


so di riconoscermi tale


solo se per caso mi ritrovo


a scrutarmi dentro,


come se a stento sapessi distinguermi


dalle figure che mi siedono accanto.


Riconosco te in un bagliore:


lo scintillio che mi balena


nel nero fino in fondo


se con la coda dell'occhio


mi metto a rincorrere


quel lapillo di sole


che fugge sul pendio.


Mi vivi dentro


Mi vivi ovunque


e se non dovessi più trovarti,


se mi mancassero i mezzi per cercarti


ti cercherei in me.



Le nubi sono bucce d'arancia


e in fondo in fondo la calura


s'appresta a salire,


la scia lontana del mare


si fa scura


come a preannunciare la notte,


il rame teso sulle curve


del cielo


accoglie l'arrivo del treno,


il mio riflesso si assottiglia


si fonde con la banchina


con il metallo che rallenta,


poi non c'è più,


e tu, vagabondo,


cerchi affitto in un altro


dei miei tanti spazi,


se non nell'occhio


o nella lingua,


allora ti fai voce,


ti fai pensiero ,


ti fai mio.



Share |


Poesia scritta il 19/06/2018 - 23:20
Da Matih Bobek
Letta n.81 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?