Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Poesia delle acque c...
Costruire castelli i...
Poesia: Una sardina...
Incontrarti......
ULTIMO CANTO DEL CIG...
UN CUORE STESO AL SO...
Choc...
Per dirvi grazie...
È difficile...
Se sarai con me...
18 Giugno 1947...
LIBERO ARBITRIO.....
i biondi grappoli...
Pensieri d'autunno...
Giugno....
vernice...
Haiku g...
Primo amore...
IL VIAGGIO...
beatlesmania the wor...
Quando la morte verr...
Il motore del mondo...
POESIA ULTIMA...
Giura...
Cogli...
Ovunque ci sei tu...
Sensazione dell'acqu...
Un grande uomo...
Eterea...
Torpiloquio d'ali bi...
Qualche volta...
e la barca......
VORREI TORNARE IN RI...
MENO MALE...
Solo fino alla pross...
COME UN GIRASOLE...
La donna del dipinto...
Silenzio...
Tessitura...
TRISTI PRESAGI...
Siamo sassi lanciati...
Pietre...
LETTERA APERTA A GR...
Temporale estivo...
Mi vesto di te......
Rame invecchiato...
Al mio mare...
Chi vive nella pace ...
INQUIETUDINE...
Essere superficiali ...
La solidarietà femmi...
Cosa ci rende forti?...
SCRUTATORE...
Ascolta la voce dell...
Il sogno e la voce...
Essere gentili col p...
Rovescio...
Istantanee...
Abbracciami...
ARCHI DI PASQUA DI S...
A mia figlia...
L'apparenza inganna...
Goccia di mare...
Zombie...
Per cercare di capir...
HOMO LUDENS...
Nel DNA della pioggi...
La giostra...
Emozioni...
Le donne non sono ba...
Il dono del tempo....
Ancora tra te e me...
EUROPA...
Buttati......
Che voglia......
COME CI CAMBIA L'ATT...
Per caso, il tuo sor...
MIO CARO AMICO CHECC...
Il tuo veloce volo...
AMORE IMPOSSIBILE...
Sogni di gloria...
Come si cambia...
Follia dantesca...
Scrivo poesie per sa...
Placida...
Girandola d'acqua...
Luci sul mare...
un abbraccio che sa ...
Al Volo.......
Dal mare...
È tutto lì. Con chi...
Parliamo di pace...
Il gelo del verno...
IL PRIMO BAGNO...
Gaia...
Marea...
Io e la luna...
Al Mare...
FUGGIAMO O RESTIAMO?...
Con prudenza...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Quel momento in cui ci siam amati

Strano pensare
a quando eravamo lì a ballare.


Adesso sono qui,
a narrare
di quanto ingenui siam stati
quel momento in cui, per la prima volta,
ci siam amati.


Ricordi i miei occhiali?


Tuttavia non ricordi le mie ali,
quelle che hanno reso te e me reali.


Eravamo a caccia
di qualcosa che potesse abbattere
quella gran roccia
che ci ha uniti e che ora ci scoccia.
Quel macigno che trasforma in pesante
ogni nostro pensiero fluttuante.
Quel male costante
che rende tutto così assordante.


Non mancano mai
tutti questi guai
eppure per un solo attimo
tutto si fermò in un unico battito.


Le nostre spalle entrarono in contatto
come se quel impatto
mi abbia subito assuefatto
e abbia reso
tutto quello che, qualche secondo dopo,
sarebbe diventato il mio principale scopo.


È mentre scrivo
che quegli attimi rivivo,
utili quasi come un antidepressivo.


Non credi che sia l'antidoto giusto
a questo trambusto?


Chiudo gli occhi e ahimè,
immagino di averti ancora lì con me.


Eravamo sincronizzati
o forse ipnotizzati
quando ci siam voltati e osservati.
Sembravamo bendati
e con un piccolo gesto
ci siam condannati
o più semplicemente baciati.
Sebbene fossimo impreparati,
i nostri occhi erano offuscati
da quei baci rubati.
Eravamo così gasati
che non ci saremmo mai dimenticati
di quanto ci fossimo desiderati.


Sappi dolore:
non c'è condanna migliore
del saper attribuire un colore
al proprio grigiore.


Sappia amore:
sei tu il mio chiarore.



Share |


Poesia scritta il 24/09/2018 - 11:27
Da Domenico Urgo
Letta n.215 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Bella e ricercata poesia.

Antonio Girardi 24/09/2018 - 19:06

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?