Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

f.a.t.a. – il triton...
Neve...
PASSI NELLA NEBBIA...
Fredda e senza lacri...
DARK LADY...
La forza del mio Gig...
Nella boscosa distes...
scegliere l'amore...
AVRO' CURA DI TE...
Sul tuo cuore...
Soldato...
Rose Rosse...
L'oro bianco della v...
Come un angelo......
Amore......
La serenità...
LO SCEGLI TU...
Haiku-mania...
Canzone dei limoni...
Vuoto ricordo...
Morfeo...
IL DUBBIO...
Girandole...
..ti racconto l\'inc...
...in volo...
Rimiro Stelle...
Masai...
Profumo...
Non dormi...
E viene sera...
BUONGIORNO...
PIOVEVA...
Homo sapiens...
f.a.t.a. – materia p...
FREDDO...
TRE HAIKU...
Gli universi entrera...
L' ULTIMA SERA...
E TU PER ME...
Non voltarti...
Serenità...
Come niente...
Fiori di loto...
Padre...
Una barca...
Un Grido......
Il bluff...
Haiku l'amore nel m...
CHE MERAVIGLIA...
memoria del tempo ch...
La rosa del deserto...
Febbraio...
Ombre trasparenti...
ridere di noi...
Vinceremo...
San Valentino come.....
Le strade sono piene...
L'alfabeto marino...
HAIKU IN SARDU...
Riflessioni n. 3...
Il peso di un abbrac...
PERLE...
Quale è il senso del...
f.a.t.a. – respiro c...
I colori dell'acquam...
Altra cosa è la feli...
Tonara...
Ferirti...
UNO DEI SENSI IL...
Il mediatore...
Mi piacerebbe...
Giornate Imperfette...
dove vanno i pensier...
Aiutami a scorgere n...
HAIKU DELLA SERENITÀ...
Il tempo...
L intelligenza è la ...
haiku 37...
#1...
un pensiero ciclico...
L'amore nel ventre d...
Haiku C...
- Petali...
Finché sulla Terra e...
IL GELSO...
Ciò c'ho perduto...
HAIKU N. 1...
Haiku IV...
Ricordi...
Libero di sognare...
Teneramente...
Coprimi tutto di te...
Solo amore...
f.a.t.a. - elemento ...
Cuore offeso...
Ti amo...
Una sera...
haiku storia di un ...
la mela...
Pastore sardo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La mia morte

Ero immerso in un sogno
Che di nero dipingeva
La mia vita corrosiva
D'illusioni assai reali.


Non tangeva il mio bisogno
D'esistenza ch'esigeva
Qualche porta che s'apriva
In destini congeniali.


Fu dal nulla che io vidi
Una sagoma inquietante:
Era lunga, tutta ossuta,
Fredda e certa del suo scopo.


Era il re dei genocidi,
Da me meno era distante.
Nel suo volo dispiaciuta
Splende a guisa di piropo.


D'improvviso io fui pietra:
M'aspirava l'energia
Mentre il dito suo puntava
Fisso in mezzo nel mio petto.


L'atmosfera venne tetra
E il dolor fu un'agonia
Li nel cuore in cui frugava
Come un parassita abietto.


I suoi occhi giallo sole
Mi rubavano i ricordi,
Mentre l'aura nera sua
Disturbava i suoi contorni.


Io so già quello che vuole
E come fanno i finti sordi,
La mia anima perpetua
S'abbandona e perde i giorni.


Ora è fuori dal mio corpo,
Freddo e nero resta immobile,
Mentre fluttuo via nell'aria
Con la mia accompagnatrice.


Ci accingiamo al mio succorpo,
Bello come tomba nobile
E in un urna funeraria
Il riposo mio s'addice.


M'accarezza il volto etereo,
Lei che al viaggio m'ha guidato.
Come madre fa col figlio,
Mi consola fino al sonno.


Il suo volto resta cereo,
D'emozioni inadeguato
E per non portar scompiglio,
Sfuma, senza far ritorno.


Ora vivo con le ombre
In un libero oltremondo,
Senza i traumi della mente,
Del pensiero o d'emozione.


Guardo al mese di Novembre,
Tra le ossa mi confondo,
Distaccato dall'ambiente,
Senza più tribolazione.



Share |


Poesia scritta il 10/10/2018 - 14:23
Da Emanuele Cinelli
Letta n.145 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Bella, anche se il soggetto è un po' tetro.

santa scardino 10/10/2018 - 19:44

--------------------------------------

Di facile lettura bellissima

Francesco Cau 10/10/2018 - 18:27

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?