Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Leggenda...
Dai bambini poveri d...
Primavera...
Haiku (Occhi intenti...
Le 10 regole per ess...
La Cardella...
PICCOLO PROMEMORIA, ...
CUORE APPESO...
NON SIAMO SOLI...
Il rumore...
Caffè amaro...
Travestiti...
Sulle labbra il mio ...
Il mio nome è Altair...
Rosina innamorata...
L'ora blù...
Router 66...
Sorrido alla primave...
Muoio e vivo nello s...
Ballo da sola...
L' alfabeto...
Io e la vita...
Il dolore...
Sera di primavera...
ciclo vitale...
Haiku... caudato...
Non un minuto in più...
Spartimmece \'e suon...
Oltre la vita...
...che non fossero r...
Era una stella...
Da un rifiorire di m...
PRIGIONIERO DELLE MI...
Basket (così è la vi...
Quella primavera...
Ricordi...
Il Carbonaio mio Pad...
Un amore a Venezia...
Un mondo d'amore...
La pace nell'anima...
Ci sono anime talmen...
Fratellanza...
fine...
Argento...
METEO STABILITA' CON...
Il giardino dei rico...
Tutto in una notte...
Piove sole sopra di ...
Tramonto....
Una punta d’inchiost...
Semenza...
Haiku 6...
Cuore...
Come un girasole...
Melodia...
Caffè amaro...
Voicu, il vampiro...
LA PRIMAVERA...
Ad Angela......
Al ristorante.......
Haiku 3...
Libera, vorrei......
Corolle...
Passione...
No english, no party...
Sogno...
TRE CROCI...
Aridi deserti...
Morte...
UN QUADERNO A RIGHE...
Ali di angeli...
il risveglio della c...
PER LUI E LEI TRA FA...
L’orgoglio spesso co...
Racconto in tre righ...
Il mio melo...
NON MI BASTI MAI...
IL DESTINO...
La primavera...
E' difficile unire l...
DialogicaMente...
Haiku nr. 6...
Finiamola di essere ...
NOTTI DI LUNA PIENA...
Quando mi doni le gi...
Avanti...
Respice post te. Hom...
La mano...
DA GRANDE...
Ricordi che tornano...
Mi hai amato...
E' di costoro la col...
Transumanesimo...
RAFFICHE...
Haiku 2...
Lungo la ferrovia...
..io nasco, è primav...
LUNA...
Per non dimenticare...
Santa Rita da Cascia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La lampada d'oro

Ero solo nel deserto
in un caldo camminare
quando vidi sulla sabbia
un gioiello luccicare.


Di materia poco esperto,
m'è sembrato grand'affare.
Provenienza si, era dubbia,
ma mi misi giù a scavare.


Lievitava l'incertezza
mentre oggetto rivelava:
come può il nero al sole
splender come d'oro cava?


Il cervello certo apprezza
storia che la circondava
perché un genio dentro vuole
il mito che m'affascinava.


Cosi, forte strofinio
faticaron le mie mani,
per riempire terra e cielo
di grandiosi tulipani.


Ma dormiva il semidio,
Re tra tutti gli artigiani
e giacendo sotto un telo
riprovai nell'indomani.


Colto ero da tristezza
mentre, giorno dopo giorno,
si disfava la leggenda
che girava ad esso attorno


Fu per mia dissennatezza
che la misi dentro un forno:
"Che il calore ti sorprenda,
che tu esca al mio ritorno".


Ebbi immensa la sorpresa
quando a casa fui tornato:
non vi era nessun genio,
ma un gioiello diamantato.


Una lampada incompresa
che fatica aveva amato,
posta dentro un nero achenio
come d'oro un seme nato.


Era stata la mia fede
che l'aveva trasformata
e mutando il suo valore,
d'ogni prezzo er'esentata.


Ora il bello l'occhio vede
nella lampada dorata
e risveglia il suo calore
la mia vita fortunata.



Share |


Poesia scritta il 15/10/2018 - 15:43
Da Emanuele Cinelli
Letta n.157 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?