Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Leggenda...
Dai bambini poveri d...
Primavera...
Haiku (Occhi intenti...
Le 10 regole per ess...
La Cardella...
PICCOLO PROMEMORIA, ...
CUORE APPESO...
NON SIAMO SOLI...
Il rumore...
Caffè amaro...
Travestiti...
Sulle labbra il mio ...
Il mio nome è Altair...
Rosina innamorata...
L'ora blù...
Router 66...
Sorrido alla primave...
Muoio e vivo nello s...
Ballo da sola...
L' alfabeto...
Io e la vita...
Il dolore...
Sera di primavera...
ciclo vitale...
Haiku... caudato...
Non un minuto in più...
Spartimmece \'e suon...
Oltre la vita...
...che non fossero r...
Era una stella...
Da un rifiorire di m...
PRIGIONIERO DELLE MI...
Basket (così è la vi...
Quella primavera...
Ricordi...
Il Carbonaio mio Pad...
Un amore a Venezia...
Un mondo d'amore...
La pace nell'anima...
Ci sono anime talmen...
Fratellanza...
fine...
Argento...
METEO STABILITA' CON...
Il giardino dei rico...
Tutto in una notte...
Piove sole sopra di ...
Tramonto....
Una punta d’inchiost...
Semenza...
Haiku 6...
Cuore...
Come un girasole...
Melodia...
Caffè amaro...
Voicu, il vampiro...
LA PRIMAVERA...
Ad Angela......
Al ristorante.......
Haiku 3...
Libera, vorrei......
Corolle...
Passione...
No english, no party...
Sogno...
TRE CROCI...
Aridi deserti...
Morte...
UN QUADERNO A RIGHE...
Ali di angeli...
il risveglio della c...
PER LUI E LEI TRA FA...
L’orgoglio spesso co...
Racconto in tre righ...
Il mio melo...
NON MI BASTI MAI...
IL DESTINO...
La primavera...
E' difficile unire l...
DialogicaMente...
Haiku nr. 6...
Finiamola di essere ...
NOTTI DI LUNA PIENA...
Quando mi doni le gi...
Avanti...
Respice post te. Hom...
La mano...
DA GRANDE...
Ricordi che tornano...
Mi hai amato...
E' di costoro la col...
Transumanesimo...
RAFFICHE...
Haiku 2...
Lungo la ferrovia...
..io nasco, è primav...
LUNA...
Per non dimenticare...
Santa Rita da Cascia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

16 Ottobre 1943

Odo ancora quei rumori, quelle voci,
quelle corse disperate per le strade del Ghetto
inseguiti come animali da macello
da belve inferocite con gli occhi
carichi di sangue e odio infinito.
Sento ancora il gelo e l'odore dei carri merci
stracarichi di cuori spaventati
di speranze e dignità calpestate.
Vedo la neve cadere fra le fessure delle assi
di legno fradicio
la neve che ci attende nella nostra discesa verso la follia.
Le luci spietate dei riflettori, l'assalto dei cani in un inferno senza direzione né senso abitato da demoni urlanti.
Il resto è disperazione è fumo è fuoco...è rassegnazione.
Ricordo tutto...perché la mia anima è rimasta qui
insieme a molte altre fra i legni delle baracche, fra le docce traditrici, attaccata alle pareti degli stanzoni come il fumo uscito attraverso disumane bocche di fuoco.
Non dimenticateci....non dimenticate mai
perché come qualcuno ha scritto
"E'successo...e quindi può succedere di nuovo."


Share |


Poesia scritta il 17/10/2018 - 18:48
Da MAURIZIO R. MASSARI
Letta n.164 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Poesia molto bella.

Antonio Girardi 18/10/2018 - 16:33

--------------------------------------

Bellissima
Emozionante, commovente

laisa azzurra 18/10/2018 - 08:29

--------------------------------------

Qualunque commento non sarebbe all'altezza della tragedia inumana che hai vissuto..un forte abbraccio dice più di tante parole.

santa scardino 18/10/2018 - 00:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?