Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

i biondi grappoli...
Pensieri d'autunno...
Giugno....
vernice...
Haiku g...
Primo amore...
IL VIAGGIO...
beatlesmania the wor...
Quando la morte verr...
Il motore del mondo...
POESIA ULTIMA...
Giura...
Cogli...
Ovunque ci sei tu...
Sensazione dell'acqu...
Un grande uomo...
Eterea...
Torpiloquio d'ali bi...
Qualche volta...
e la barca......
VORREI TORNARE IN RI...
MENO MALE...
Solo fino alla pross...
COME UN GIRASOLE...
La donna del dipinto...
Silenzio...
Tessitura...
TRISTI PRESAGI...
Siamo sassi lanciati...
Pietre...
LETTERA APERTA A GR...
Temporale estivo...
Mi vesto di te......
Rame invecchiato...
Al mio mare...
Chi vive nella pace ...
INQUIETUDINE...
Essere superficiali ...
La solidarietà femmi...
Cosa ci rende forti?...
SCRUTATORE...
Ascolta la voce dell...
Il sogno e la voce...
Essere gentili col p...
Rovescio...
Istantanee...
Abbracciami...
ARCHI DI PASQUA DI S...
A mia figlia...
L'apparenza inganna...
Goccia di mare...
Zombie...
Per cercare di capir...
HOMO LUDENS...
Nel DNA della pioggi...
La giostra...
Emozioni...
Le donne non sono ba...
Il dono del tempo....
Ancora tra te e me...
EUROPA...
Buttati......
Che voglia......
COME CI CAMBIA L'ATT...
Per caso, il tuo sor...
MIO CARO AMICO CHECC...
Il tuo veloce volo...
AMORE IMPOSSIBILE...
Sogni di gloria...
Come si cambia...
Follia dantesca...
Scrivo poesie per sa...
Placida...
Girandola d'acqua...
Luci sul mare...
un abbraccio che sa ...
Al Volo.......
Dal mare...
È tutto lì. Con chi...
Parliamo di pace...
Il gelo del verno...
IL PRIMO BAGNO...
Gaia...
Marea...
Io e la luna...
Al Mare...
FUGGIAMO O RESTIAMO?...
Con prudenza...
La sorpresa...
In via del Sandalo (...
Mia Signora della Te...
Sei solo...
VILLA DORA PAMPHILIJ...
Non ricordare Non di...
COSA SONO PER ...
La farfalla ( Storia...
Come un'onda...
Arsenica (Logica o p...
AMAREZZA...
Rosa di monte...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



DENTRO

dentro al paesaggio immaginavi d'essere


dal di dentro di contorni evanescenti


tremante alimento colava dal cuore


incandescente, fortemente tentato.


incalzante e incalzato ti slanciavi


tra giardini estatici reclini


educati a portare pietre pure


pezzi d'oro il tuo scrigno bramava


trattenendo gesti, respiri.


moltiplicavi parole irrefrenate


cose indorate si sdoravano


accennando al rosso odorò la rosa


al vago influsso di remote stelle.


dalla vetta dell'ultima parola


il mondo fu sospeso dai riflessi;


irruppe questa scena per quel varco


quando amore ci colse


per l'incompreso, per l'incomprensibile.



Share |


Poesia scritta il 10/01/2019 - 19:17
Da GiuliaRebecca Parma
Letta n.173 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


difficile di primo acchitto comprenderne il senso.sei ammirevole per l'uso sapiente delle parole, creano frasi che rimangono impresse. bravissima, come al solito.

Paolo Sermonti 10/01/2019 - 23:30

--------------------------------------

Poesia da leggere e rileggere per entrare dentro a queste soavi parole e provare ogni volta sensazioni nuove che inducono a riflessioni per capire la comprensibilità ed al contempo incomprensibilità dell'animo umano destreggiarsi nei meandri dell'oggettività dove questo genere di poesie s'imbattono.Stupenda Rebecca come tutte le tue.

Antonio Girardi 10/01/2019 - 22:57

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?