Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

FORUM HAIKU SITO (ve...
SCRIVERE...SCRIVERE....
Canto di libertà...
La calma di un giorn...
l'indagine...
Fragili promesse...
COLOMBIA...
La verità sull'amici...
Ci sono, anche buone...
MI MANCHI...
Il primo amore...
Battito d'ali...
Crediamo che una cos...
Luci e Ombre...
Di quale amore, di q...
Il ponte...
Canterò...
Inettitudine...
È CARNEVALE...
Anche in mezzo alla ...
Launedas...
SFIORO I CAPELLI...
Oltre il fiume...
Umore...
La nebbia e la luce...
Amare...
Nel crogiolo della v...
Buon viaggio fratell...
Tutti in sella !...
Morti inutili....
Il conte e il pappag...
Ci dev'essere vento ...
Peccato originale...
LA MADRE...
Ho visto gli abissi...
f.a.t.a. – il triton...
Neve...
PASSI NELLA NEBBIA...
Fredda e senza lacri...
DARK LADY...
La forza del mio Gig...
Nella boscosa distes...
scegliere l'amore...
AVRO' CURA DI TE...
Sul tuo cuore...
Soldato...
Rose Rosse...
L'oro bianco della v...
Come un angelo......
Amore......
La serenità...
LO SCEGLI TU...
Haiku-mania...
Canzone dei limoni...
Vuoto ricordo...
Morfeo...
IL DUBBIO...
Girandole...
..ti racconto l\'inc...
...in volo...
Rimiro Stelle...
Masai...
Profumo...
Non dormi...
E viene sera...
BUONGIORNO...
PIOVEVA...
Homo sapiens...
f.a.t.a. – materia p...
FREDDO...
TRE HAIKU...
Gli universi entrera...
L' ULTIMA SERA...
E TU PER ME...
Non voltarti...
Serenità...
Come niente...
Fiori di loto...
Padre...
Una barca...
Un Grido......
Il bluff...
Haiku l'amore nel m...
CHE MERAVIGLIA...
memoria del tempo ch...
La rosa del deserto...
Febbraio...
Ombre trasparenti...
ridere di noi...
Vinceremo...
San Valentino come.....
Le strade sono piene...
L'alfabeto marino...
HAIKU IN SARDU...
Riflessioni n. 3...
Il peso di un abbrac...
PERLE...
Quale è il senso del...
f.a.t.a. – respiro c...
I colori dell'acquam...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Sogni e miraggi

Certo che pesa il cammino
quando non ha l’alloro in testa di una fine,
se non fa da scudo la ragione,
e non si tempra il corpo
per le tante impazienti sicure avversità.
Certo che può spaventare
non sentirsi abbagliante punta preziosa
di un progetto che, d’improvviso,
ti vede frammento al pari
d’ogni cosa che ti circonda,
e ti scaraventa in un tutto
che non ti appartiene di diritto,
né necessita di te.
Un tutto che va oltre
la tua stordita visione;
un tutto che ha bisogno,
per esser visto ancora
nella sua forma rassicurante,
di mille alti pulpiti e di lenti
che cullano gesti e aspettative.


Proseguiamo, come treno
che trasporta passeggeri dispersi,
entrando con fermezza nel buio di una galleria,
perché in noi è forte il bisogno di scoprire
dove porta la luce del proprio giorno.


Proseguiamo, come acqua di fiume
che dona rifugio e vita,
scorrendo, fra mille intoppi,
verso un mare mai visto,
ma che è – diamine! –
pur giusto aspettarsi, prima o poi.


Che non si faccia nessun ballo,
che non si stappi nessuna bottiglia d’annata
alla festa dei piedi sospettosi
incollati alla riva del proprio tempo.



Share |


Poesia scritta il 08/02/2019 - 11:08
Da Mario Saccomanno
Letta n.66 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


.... incollati alla riva del proprio tempo!...una bellissima chiusa che afferma tutto il senso e la ragione della nostra vita. Molto bella ...bravo.

santa scardino 09/02/2019 - 15:11

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?