Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sui velieri del sole...
La Luna stasera...
Loro, robot...
L'inizio della fine....
Amore sei...
Acrostico...
Insonnia...
Cattiveria...
Ubriachiamoci, uomin...
Amnèsia...
I sorrisi del cielo...
HAIKU N. 10...
L'equivoco...
Chi è veramente ricc...
Il lato oscuro della...
DEAMICISIANA SECONDA...
Cara estate sognante...
Finche'il mondo esis...
VIVERE...
Isabel...
Parlar d'amore...
QUELLA FACCIA OSCURA...
Forse è solo fortuna...
Un giorno prenderemo...
La casa rosa...
Lontano da questa st...
Maremma...
Notte taciturna...
Che strana la vita: ...
L\'ultima...
Inopportuna...
Con te...
Peso specifico...
ad Anjia P. Ettorova...
Felicità...
...difficile...
Una Guancia...
Haiku...
Io l'anima, io il co...
I migliori possono e...
Crociata culturale (...
Ti ricordi luna?...
Il campanaccio...
Haiku T...
Caterina...
DEAMICISIANA PRIMA :...
I magnifici sette...
Notte bianca a San F...
Fragili...
HAIKU n...
Se il mio vivere......
È necessario riparar...
Inquieto pensiero...
il bisogno di te...
Piombo...
DELIRIO.......
Il Tempo Sottrae...
Vita ordinaria...
MALINCONIA...
Eppure la palla di v...
Una bimba mora deve ...
Da una gentilezza, p...
C'è sempre un vento...
La verità, quando vu...
Episodio...
Alcune volte nella n...
unto di femminicidi...
Il mio senso vive so...
Proposte particolari...
Donna Fugata...
IL GRUPPO BASE...
L'amore per la Natur...
Il sole cieco...
e poi, e poi ancora...
Il pane...
VIVERE NEL VUOTO...
L’aprimitili...
Passione di fuoco....
CONVINZIONI...
La stella cadente...
Dove il tempo...
PELLEGRINAGGIO A MON...
L'astronauta e la Lu...
POTEVO IO ESSERE RE...
IL PRIMO AMORE...
Natura...
Sono vecchio...
mondo pazzoide...
VITA SCAPIGLIATA...
Nel bagliore di una ...
CLANDESTINO...
Un figlio ti cambia ...
Enzo Jannacci...
Un'estate al sud...
Vanno gli innamorati...
Notti di luna...
Parentesi...
Il pensiero...
Gocce in cielo...
Quel sussurro...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



LA TREBBIATURA

Non si indossano che abiti smessi
quando, sospinta, compare la trebbiatrice.
Sferraglia per ore nell’aia tremante
di canti e sorrisi di gaie fanciulle
gagliarde di voce, di seno e d’onore.
Il pallore del volto dipinto da polvere
grigia d’ariste, svanisce d’incanto
al risveglio di schivi richiami d’intesa
per grandi speranze e vaghezza d'amore.
Si conosce da tanto che a sera
nell'aia silente, tace il gufo, il grillo
e la cicala, amici di giovanili sogni
ai piedi dei grandi covoni di grano.
E né le madri sentono, complice Pan,
o vedono, nonostante le lucciole,
le figliole riparate chissà dove
e protette da compiacenti dorati fastelli.
S'ode soltanto, a coprire i sospiri
dei giovani amanti, il dolce suono
e la canzone eterna della zampona.


Share |


Poesia scritta il 05/07/2019 - 17:59
Da Ernesto D'Onise
Letta n.145 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Un condensato di colori, profumi, sensazioni ed emozioni. Complimenti per questo perfetto quadro estivo che mi riporta sospiri e ricordi insieme al frinir delle cicale. Bravissimo!

lidia filippi 09/07/2019 - 14:53

--------------------------------------

...scende a rigagnoli color oro nei sacchi pronti a riceverlo. Avvolti in un polveri o penetrante, uomini e donne, gli occhi abbagliati dal sole e in base ai versi... anche dall'amore. La musica fa da cornice alla poetica, quindi non manca di musicalità, la zampona elargisce romanticismo che richiama non gli amanti ma anche la tradizione.
In conclusione la lirica sottolinea anche un altro aspetto, specie nella chiusa: la terra tende ricompensare chi la lavora con amore.
Spero di aver "colto". I

Giuseppe Scilipoti 09/07/2019 - 12:11

--------------------------------------

Caro Ernesto, dopo aver letto "La trebbiatura" non posso che affermare che di poesia ne "macini", eccome se ne "macini"! Hai saputo catturare l'atmosfera rurale di questa importantissima procedura annuale, di cui come tradizione vuole partecipano col sudore della fronte grandi e piccini. Mi hai dato la possibilità di "VIVERE" i versi, sai perchè?
La poesia trasporta sopra un'aia inondata fra il rombare affannoso della trebbiatrice, da cui il frumento... (continua commento)

Giuseppe Scilipoti 09/07/2019 - 12:07

--------------------------------------

Una pennellata d'autore per rappresentare un'atmosfera più che un momento della vita di campagna. Versi che incantano con il coinvolgimento dei sospiri degli amanti. Complimenti, Ernesto è davvero bella!

santa scardino 06/07/2019 - 13:54

--------------------------------------

Un fissare nel tempo momenti di lavoro
in un sentire antico che ritorna riproposto in versi di mirabile levatura
poetica!

Alpan Alpan 06/07/2019 - 07:14

--------------------------------------

Argomento originale e scritta benissimo. Bravo!!!

Maria Isabel Mendez 06/07/2019 - 00:29

--------------------------------------

La trebbiatura era un vero e proprio evento nella vita contadina, complice l'estate, l'amore era inevitabile

Grazia Giuliani 06/07/2019 - 00:14

--------------------------------------

non conosco la canzone della zampona
ma un grazioso spaccato di un momento importante nella vita di un contadino.
Ernesto, perchè hai pensato (nel mio racconto) ad un amore per forza a distanza?
le due ciliegie a metà sono perfettamente divise....

laisa azzurra 05/07/2019 - 19:32

--------------------------------------

Si andava allora per la "meanda"
Ne ho viste poche ma tante ne ho sentite raccontare.
Una fra tante, il Fattore che autoincensava dicendo:
-Me le son fatte tutte, tranne una!-
Così tutti erano contenti.
Un saluto

Loris Marcato 05/07/2019 - 18:42

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?