Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Accomiato...
Il suo sorriso era c...
BELLEZZA PROVOCANTE...
E' la sera dei mirac...
PROFONDE FOLLIE...
Andiamo là...
Velate nubi...
Adieu...
L’ultima Volta...
Firmamento...
Tutto si trasforma, ...
La clessidra...
Respiro di vita...
Casuali parabole...
IL SUBACQUEO SPORTIV...
E\' stato splendido...
SonEtti...
Sogno o son desta...
Due tenere folate di...
Diavolo...
Mosè e le tavole del...
Mosca 1950...
ANCORA INSIEME...
I binari della mia v...
I ricordi nell’armad...
Placido mare...
TUTTO IN UNA PAGINA...
GIULIA pt.1...
“Oggiscrivo”...
La colazione...
IL SALE DELLE TUE PA...
Non Ti Scordar di Me...
L'ora perduta...
Davanti a me vedo du...
STREET CIRCUS...
Schegge del cuore (T...
Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...
Ama le lacrime quant...
VOLI PINDARICI...
La passeggiata...
notte di settembre...
città...
VENERE SOLITARIA...
Silenzio...
L'uomo e il mare...
Come nelle favole...
Quando scende la ser...
L'amore...
Dall'alfa all'omega,...
LA PERLA NERA...
PECCATI MORTALI...
Da Ibiza...
Sogni rubati...
Che meraviglia!...
La prossima volta...
Vorrei incontrarti...
Forum...
Mi piange il cuore.....
La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Le pentole quando bollono si devono scoperchiare

Brano ironico in italiano e in dialetto siciliano


C’era una volta un tizio,
diciamo… un tipo assai normale,
che poteva assomigliare a me, a te,
proprio… tale e quale!


Mise a bollire una pentola ad un certo momento,
sopra la cucina a gas, a fuoco lento lento…


La volle coprire per tutta sicurezza,
poi s’allontanò pensando di fare una sua solita prodezza.


Uscì fuori casa sua e si mise a sproloquiare,
e tutti quelli che vedeva, comincia a criticare.


Non solo espletava questo mestiere
per suo conto, incessantemente,
ma calpestava altrui i sentimenti
senza badare che lo faceva apertamente.


Quei poveri maltrattati che lo conoscevano abbastanza,
sopportavano, facevano sempre e solo tanta pazienza


Per l’amore della pace della tranquillità,
tolleravano quell’essere infido a sazietà


Eppure quello continuava imperterrito e più non so!
Non pensando che la prudenza
prima o poi si ferma dove può


E come quella pentola che continuava
su quel fuoco a sbollentare,
ad un certo punto si sentì un botto,
e scominciò a scoppiettare


Solo i questo modo, questo individuo imprudente
capì che al mondo non bisogna essere incosciente.


Da quel giorno, cominciò a rispettare tutti per evitare guai
e ad avere un poco di prudenza,
che a mondo davvero, non gusta mai.


I Pignati, quannu vuddunu, s’hana a scupirchiari
Brano in dialetto siciliano
C’era na vota un tiziu.
Un tipu assai normali,
ca putissi assumiugghiari a mia, a tia
… tali e quali.


Misi a vuddiri na pignata ad un certu mumentu,
supra a cucina a gas a focu lentu.


A vosi cummigghiari pi tutta sicurezza.
Poi s’alluntano’ pi fari na so bedda spirtizza.


Nisciu fora da casa so’ e si misi a sparrittiari.
e tutti chiddi ca vidiva, cuninciava a criticari.


Nun solu facivi chisti cosi a cuntu so, continuamenti!
Ma calpestava dill’autri, i sentimenti
senza badari minimamenti.


Chiddi poviri cristiani,
ca u canuscevanu abbastanza,
facivanu sempre e sulu pazienza.


Pi l’amuri di lu cori
suppurtavanu stu tintu malaffari.


Eppuri, iddu, continuava, imperterritu, a farisi i fatti so’,
Nun sapennu ca a prudenza,
prima o poi, si ferma unni po’!


E comu dda pignata ca continuava supra o focu a traballari,
a un certu puntu si sintiu nu bottu
e cumincio’ a scoppiettari.


Sulu ni stu modu, stu cristianu imprudenti
capi’ ca nun bisogna fari sempri l’incoscienti.


Comincio a rispettari tutti, pi evitari seri guai,
e ad aviri un pocu di prudenza
ca di certu, nun guasta mai!



(Brano tratto dal libro dello stesso autore: “Disegni d’autore e poi… Serenate, Canzoni, Cantilene, lamenti, e litigi d’amore” Ediz. Youcanprint self publishing. Settembre 2015.
L’immagine ad acquerello allegata, così pure le altre che accompagnano i precedenti brani, sono dipinti dello stesso autore, creati per




Share |


Racconto scritto il 14/11/2017 - 22:02
Da Vincenzo Scuderi
Letta n.219 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?