Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Scrivi il romanzo ch...
Regali...
Un punto nel Sole...
C'è ancora tempo...
TI SENTO...
Cadute libere...
Haiku 2...
Romantica...
IL SUONO CHE ASPETTA...
Lo stegosauro...
NEL PROFONDO C' E...
Fiori di campo...
Sorella mia...
I sogni...
CONTRO LE REGOLE- Pr...
M'aggio 'a fa' ricov...
- Haiku - L'arcobale...
E CHE GRANDE SIA...
Una storia di paese...
Ieri ho sognato......
Certo che la sera qu...
visione...
Se tu sei qui...
Anime...
un equivoco?...
Ma...siamo sicuri?...
Chioggia...
FIGLIO...
La panchina dei miei...
Omologazione....
Componiti...
Marco 14:30...
RIFLESSI DI LAGO...
La felicità non può ...
IL PENDOLO...
LA DIGNITÀ SI DISTIN...
Effimera gioia...
Carlo Verdone...
Nessuno mi toglierà ...
E se per un momento ...
Preghiera a Santa Ma...
UNA SERA DI OTTOBRE...
EMOZIONI...
Canal Grande...
LO STUPIDO...
L'ORA DELL'AMORE...
FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
Architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...
Me so montato 'a tes...
L'impalpabile...
Attimo d'amore...
L'albero della vita...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Troppi anni dopo...

Dopo tanti anni ho messo di nuovo le mani su una tastiera; no, non la tastiera del pc – quella purtroppo è pane quotidiano – ma sulla mia Korg, la tastiera, intesa come strumento musicale, compagna di tante serate negli anni giovanili e della prima maturità.


La sensazione è strana, le dita corrono lente, c’è quasi una repulsa a riprendere confidenza con l’ebano e l’avorio dei tasti. Seguo le note della chiave di violino con la mano destra, e quasi subito ritrovo il piacere di portare di nuovo alla luce la linea del canto; più difficile seguire le note in chiave di basso. La mano sinistra è sempre stata meno veloce, e senza allenamento la cosa si nota ancor di più. Provo a ricordare le scale cromatiche, gli accordi armonici… mica facile!


Ma suonare è come andare in bicicletta: una volta imparato mica si scorda più. E con fatica, lentamente, ma con soddisfazione crescente riesco a tirar fuori un’interpretazione passabile di una barcarola di Mendelssohn, di una sonata di Schubert, di un notturo di Chopin, ricordi ancora vivi di quando prendevo le prime lezioni di pianoforte.


Mi cimento poi nei pezzi che facevamo con il complesso… Beatles, Pooh, Queen, Nomadi.... Ovviamente metto nel drive il dischetto con le basi ritmiche (basso e batteria) preparate usando la funzione sequencer della Korg stessa, che, più che tastiera pura e semplice, potremmo definire workstation.


Queste basi furono una necessità quando da complesso di sei elementi rimanemmo in tre (io, Enrico alla chitarra, Antonella come vocalist), e decidemmo di fare una sorta di pianobar.


Ed è stato naturale ripensare all’ultimo spettacolo che mi ha visto protagonista: una festa di carnevale, nel febbraio 1995, in una splendida villa sulle colline lucchesi. Sinceramente non amo il carnevale, e già sapevo che avrei smesso di suonare, vuoi per motivi di lavoro, vuoi per ragioni, diciamo così, affettive.


Ma quella festa ce l’ho ancora negli occhi e nella mente: avevo una splendida giacca verde e un papillon che con questa faceva pendant… la tensione di sempre, di tutte le volte che partivamo per un’avventura… caricare in macchina gli strumenti, arrivare, montare, curare l’impianto voci, l’impianto luci… mica avevamo dei tecnici: facevamo tutto noi!


Ospiti d’onore erano due attori: la splendida Edwige Fenech, donna di una bellezza sconvolgente, e con quella erre francese che, per me, è il massimo dell’erotica seduzione, e un giovane, allora, Lorenzo Flaherty, che evidentemente era stato chiamato per rallegrare le gentili signore presenti, e per il quale nutrii una subitanea antipatia.


Andò tutto benissimo, suonammo alla grande e ci fecero complimenti sperticati: per me fu uno splendido canto del cigno. E per finire, come sempre nei nostri spettacoli, ma ancor di più quella sera, l’ultima di carnevale, eseguimmo un magistrale “Inno del corpo sciolto”, partorito dalla mente del nostro grande corregionale Roberto Benigni.




Share |


Racconto scritto il 14/12/2017 - 10:22
Da andrea guidi
Letta n.197 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?