Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Infinito...
Dirti ciao...
Capitano, dove sei?....
Gioca a scacchi cont...
Luci d'Estate...
..e tirarlo a forza...
L’orticello del conv...
Cicala...
Che roba !...
Poesia è una pagina ...
Eclissi di luna...
Tempesta...
QUANDO ARRIVERÀ IL M...
Eppur m'è caro...
Riflessioni in bilic...
Lidia...
Quiescente......
Per i bambini è faci...
La voce del vento...
PER FAVORE,POETI...
Da questa battima...
Notti d'agosto...
Starseed...
Ormai come ogni nott...
La vecchierella...
Il paese fantasma...
La guerra tra animi...
Soffice balzo...
La mia vita...
Sul tetto del mondo...
La Quercia...
Ti tengo nel cuore...
Non esiste vita che ...
Donna...
L'ultimo esame...
Ti porterò con me...
Ho comprato una lett...
Lira di Dio...
La dama...
Mattino...
Visioni d'Estate 201...
I miei castelli......
mi piace stare qui...
Inadatto...
RICORDI...
Una Corsa Speciale...
Lo scorrere dell\'ac...
Dove sei?...
L'addio...
Chiudi gli occhi, fi...
Haiku Nel cielo...
Una amicizia special...
L ' ultima Thule...
Al rincasar degli sb...
Gli anni vanno via e...
POETARE...
In riva al mare...
NON FRIGNARE PIÙ...
Ho bisogno di te...
IL QUINTO ANNIVERSAR...
Nello spazio senza g...
Io e l’estate....
Giovani...
Come rugiada...
Senso di colpa...
quando il tutto sara...
Tu mi colori la vita...
HO CONOSCIUTO L'AMOR...
L'inverno nel cuore...
L'AMORE...
Sul Meeting di Rimin...
NAVIGO DENTRO UNA ...
A RISCHIO DI COTTURA...
Fiordifragola...
L’Abete...
Uno scorcio di io(C)...
Ho cercato di amarti...
Non andar via...
Le esistenze non son...
L' AMORE SUL WE...
Un ombrellone...
Amore virtuale...
NUMMERI di Enio 2...
Sullo scoglio...
Er chiodo fisso...
Zacchete !...
Vivimi...
UN FIORE NEL CIELO...
AGOSTO...
Il Volo...
Punti di vista...
21 aprile...
I tuoi momenti...
Bugie allo specchio....
I figli piccoli sner...
In un giardino...
Il profumo della pio...
Come un \'albero...
PICCOLO AMORE...
Son fermo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Ri-Sorgere

Ci siamo trovati...
con la schiena aderente alla parete curva, umida non bagnata, per me un abbraccio freddo ma sicuro che impediva di cadere nell'acqua al di sotto delle gambe. Solo il piede sinistro tuffava una briciola di pelle in essa, assaggio dell'assenza di calore immaginando la profondità.
Tu eri abbracciato alla concavità della parete di fronte a me, eri ancora vestito di tutto punto con scarpe di cuoio fiorentino, al polso brillava un orologio. Avevamo solo la mente come appiglio. Hai ragione tu...
sono stata più coraggiosa io a mollare lentamente la presa, ti ho convinto che potevi stare su senza tenerti ai pensieri prodotti dalla sola ragione, abbiamo lasciato che fossero parole, una nuvola di farfalle ci teneva su scollandoci dalle pietre umide, il primo tonfo nell'acqua scura è stato il tuo orologio, ha aperto un varco per il cuoio, per la lana blu tessuta.
Ho ragione io...
sei stato più coraggioso tu, spogliato dalle paure hai sentito di nuovo le tue mani risorse di calore, hai lasciato la parete che ti graffiava senza farti sanguinare, e nel pozzo dolcemente abbiamo iniziato a girare. La gravità discreta ci ha lasciato soli, rendendo leggeri i nostri corpi.
Non serviva più il coraggio sulla giostra che lenta scandiva il suo respiro, un bacio ha aperto le sue ali al di sopra di noi dando nutrimento alla nostra smarrita voglia di amare.
Tu ed io una treccia che si avvolge stringendo gambe, braccia, e bocca sopra bocca perché nessun alito sia disperso...
sotto di noi una luce lunare ci spinge con delicata forza verso la stretta uscita del pozzo.
Lì la luna era caduta lasciando i nostri cieli preda del buio.
Lì ci aspettava per poter di nuovo sorgere con noi.



Share |


Racconto scritto il 09/03/2018 - 22:48
Da Grazia Giuliani
Letta n.231 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Bellissima, bello rinascere. Ciao

giovanni benvenuto vavassori 13/03/2018 - 17:47

--------------------------------------

5*stelline più che meritate!!! Inteso e profondo!!! Brava!!!

Marirosa Tomaselli 10/03/2018 - 13:00

--------------------------------------

Una descrizione quasi surreale, come in un sogno, di un percorso di rinascita non facile, quando occorre lasciarsi dietro pareti a cui ci si aggrappa forse per paura.
Poi un salto verso la luce, non da soli, ed e' rinascita.
All'apparenza ermetico, ma in realta' chiarissimo...
Molto bello Grazia !

PAOLA SALZANO 10/03/2018 - 10:12

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?