Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Illusione...
EMOZIONI...
Canal Grande...
LO STUPIDO...
L'ORA DELL'AMORE...
FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
Architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
CENERENTOLA LA NOTTE...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...
Me so montato 'a tes...
L'impalpabile...
Attimo d'amore...
L'albero della vita...
Il Milite ignoto...
PRANZO INDIMENTI...
Amore silenzioso...
Haiku...
Chiedendo alla notte...
Incontrare te, è sta...
La bellezza delle do...
Cara mamma...
L'ETERNA LOTTA DELL'...
CARPE DIEM...
Nel Sole Ho Camminat...
25 miglia nautiche...
se chiudo gli occhi...
Tamara...
L’ESTASI E IL RIFIUT...
LA MIA MENTE NEI RIC...
Per Satana (con disp...
L'intento...
UNA BELLEZZA MATURAT...
Che i ricordi non si...
La ragazza madre...
I sogni non sono mai...
Un sogno vero...
All'amore per la pot...
Taglio e ricucio...
Fuori stagione...
-Haiku- è andata via...
Poi arrivi tu...
Gocce di vita...
Armiamoci ed entriam...
Senza passato...
L’Artista...
FUORI CATALOGO...
Ottobre...
E io sorrido...
Il sogno...
L'uomo è come la lun...
tu...
Davanti a un dilemma...
La cena delle beffe...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



IL LUNGO VIAGGIO

Guardo l’ora. Sono le sette e mezza, è tempo di alzarsi.


Non sono coperto, nonostante la temperatura autunnale. Evidentemente ho dormito sopra il copriletto che non mi sembra nemmeno sgualcito. Non ho nemmeno il pigiama addosso. Indosso il gessato grigio, quello preferito. Penso che tutto ciò sia strano e cerco di ricordare cosa sia avvenuto la sera del giorno prima ma non rammento niente. Mi avvicino alla finestra che lascia filtrare le prime luci del giorno.


Sollevo le tapparelle ma non troppo, quasi per il timore che la luce possa infastidirmi. C’è una leggera nebbia che si sta sollevando lasciando intravedere il prato cosparso dalle foglie rosse e giallastre degli alberi ormai quasi spogli. Decido di scendere in cucina per far colazione. Il profumo di caffè mi arriva, delizioso, su per le scale.


Mia moglie Simona è già lì ed ha apparecchiato la tavola, come al solito.
Anche lei indossa il suo più bel vestito, quello della festa.
Vorrei chiederle il motivo, sapere se dobbiamo andare da qualche parte, così vestiti di primo mattino, ma non oso farlo per timore di confessarle che non ricordo niente.


Mi accosto a lei e le sfioro la guancia con un bacio, come faccio da anni.
Ci sediamo entrambi. Sul tavolo c’è lo yogurt, la marmellata, le brioche calde, il burro, e due tazze già colme del cappuccino decaffeinato ancora fumante.


Mangiamo con soddisfazione, senza parlarci. Appena finito l’aiuto a sparecchiare ma lei mi fa cenno di lasciar stare. Vuole farlo lei. Ha sempre voluto farlo lei, da tanti anni.


Acconsento tacitamente, con un semplice gesto della mano e vado in salotto.
L’ambiente è già illuminato dalla luce naturale del giorno che entra dall’ampia vetrata che dà sul giardino.


Suona il telefono e mi accingo a rispondere ma Simona, che nel frattempo è venuta anche lei in salotto, mi dice di lasciar perdere.
Dopo alcuni squilli scatta la segreteria telefonica.
E’ mia figlia Deborah e lascia un messaggio che non è diretto a noi, a quanto pare.
Dice che farà un po’ tardi all’incontro fissato per le nove ma di non iniziare senza di lei.
Tutto ciò mi appare strano ma non chiedo. Prendo una rivista e la scorro mentre Simona pulisce la polvere che sull’arredamento in stile antico si nota subito.


“Come stai, oggi? le chiedo, quasi distrattamente. “Meglio, oggi, non sento più alcun dolore” mi risponde.
Passa il tempo così, io leggo e lei procede con i suoi lavori di casa.


Sono quasi le nove e sento la porta d’ingresso che si apre.
Dev’essere mio figlio Denis, il più piccolo, perché è l’unico ad avere le chiavi di casa. E’ piccolo, poi, per modo di dire perché è alto quasi un metro e novanta. E’ comunque il più giovane dei tre miei figli.


Sento che si dirige verso il mio studio anziché passare a salutarci. Penso che la cosa sia strana ma il fatto non mi preoccupa. E’ fatto così.
Salgo in bagno, al primo piano e trovo Simona che si sta pettinando.
Il suo volto è pallido. Non l’avevo ben osservata, in cucina, mente stavamo facendo colazione.


E’ chiaro che non sta bene ma non voglio chiederglielo. So che sarebbe inutile. Immagino che direbbe “sto bene, grazie”. E’ la sua abitudine.
Sento suonare il campanello ed odo delle voci. Scendo a vedere e, dalla porta socchiusa, intravedo i miei tre figli seduti attorno ad un tavolo, in salotto. Nessuno si è accorto di me perché mi sono fermato fuori, ad osservarli.


Mi sento prendere la mano. E’ Simona, scesa anche lei.
Faccio per parlare ma lei mi zittisce, con garbo.
Deborah ha preparato del caffè e lo sta servendo ai fratelli.
Mi sembrano affranti e questa riunione, in casa mia, mi appare un po’ strana, ma decido di non intervenire e di stare ad ascoltare.


“Così è andata” afferma Giorgio, il più anziano, come se pensasse a voce alta.
“Tu pensi che papà sapesse?” interroga Denis. “Penso proprio di si. E se volete saperlo credo che le cose non siano andate come ha detto la polizia.” “Anch’io sono di questa idea” interviene Deborah. “Per fortuna che hai le chiavi di casa” dice Giorgio rivolto a Denis. “Se tu avessi suonato quasi certamente la casa sarebbe saltata in aria.”


“Certo che se non è stata una disgrazia, la cosa è stata preparata bene” osserva Deborah. E aggiunge: “il caffè sul fuoco. La fiamma del gas spenta dal caffè che è traboccato. Se non fosse stato che il tumore era già in metastasi, avrei pensato alla disgrazia.”


“Papà lo sapeva di certo e non ha mai voluto dircelo” osserva Denis. “Hanno detto che la mamma avrebbe avuto non più di due mesi di vita e che avrebbe sofferto moltissimo.”
“Papà le ha sempre voluto un gran bene ed ha deciso così” dice Giorgio, pensieroso.


Io guardo Simona che mi sorride dolcemente.
Sento che i miei figli discutono ora della casa, che è meglio metterla in vendita.


“Dobbiamo andare” mi sussurra Simona, “ci attende un lungo viaggio”.
Faccio cenno di sì, col capo, perché solo ora ho capito.


Guardo per un’ultima volta i miei figli. Vorrei andare in salotto ed abbracciarli, dire a loro che io e la mamma li amiamo. Vorrei dire loro di non condannarmi per quello che ho fatto e che ora ricordo distintamente. Ma so che è inutile. So che non possono vedermi e nemmeno ascoltarmi. So anche che mi hanno già perdonato questo mio ultimo gesto d’amore per la mamma.
Apro la porta di casa ed usciamo dopo averla chiusa senza far rumore.
Poi ci incamminiamo lungo il viale tenendoci teneramente abbracciati.




Share |


Racconto scritto il 20/09/2018 - 14:24
Da Adriano Martini
Letta n.110 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Racconto molto commovente. Complimenti.

Patrizia Lo Bue 22/09/2018 - 04:38

--------------------------------------

Un racconto scritto con maestria e con un contenuto molto profondo. Bravo Adriano ti leggo sempre molto volentieri.

Antonio Girardi 21/09/2018 - 09:29

--------------------------------------

Commovente, sono senza parole, mi auguro solo che la vita sia un passaggio e che dopo il trapasso ci si possa prendere per mano per andare a vivere in paradiso. Caro Adriano, complimenti.

Paolo Ciraolo 20/09/2018 - 23:56

--------------------------------------

ADRIANO...Questo è il tramonto col suo dolce e inesorabile declino ma pur nella morte profuma di vita.

mirella narducci 20/09/2018 - 22:27

--------------------------------------

Adriano
sono una parola....commossa

laisa azzurra 20/09/2018 - 21:17

--------------------------------------

Un racconto di quelli che piacciono a me, che profumano di vita vera, di persone, di sentimenti, in cui si respirano emozioni, narrate quasi in modo sommesso.
Forse a voler rispettare quella scelta, condivisibile o meno, fatta per amore.
Piaciuto molto lo stile di scrittura...
Ciao Adriano

PAOLA SALZANO 20/09/2018 - 17:20

--------------------------------------

...è delicato, racconta il dolore e quello che, credo, molte coppie in realtà vorrebbero...una fine mano nella mano...

devo dire che questi passaggi del "Capo" sul sito sono belli e piacevoli
Un abbraccio Adriano


Grazia Giuliani 20/09/2018 - 17:18

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?