Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Poesia delle acque c...
Costruire castelli i...
Poesia: Una sardina...
Incontrarti......
ULTIMO CANTO DEL CIG...
UN CUORE STESO AL SO...
Choc...
Per dirvi grazie...
È difficile...
Se sarai con me...
18 Giugno 1947...
LIBERO ARBITRIO.....
i biondi grappoli...
Pensieri d'autunno...
Giugno....
vernice...
Haiku g...
Primo amore...
IL VIAGGIO...
beatlesmania the wor...
Quando la morte verr...
Il motore del mondo...
POESIA ULTIMA...
Giura...
Cogli...
Ovunque ci sei tu...
Sensazione dell'acqu...
Un grande uomo...
Eterea...
Torpiloquio d'ali bi...
Qualche volta...
e la barca......
VORREI TORNARE IN RI...
MENO MALE...
Solo fino alla pross...
COME UN GIRASOLE...
La donna del dipinto...
Silenzio...
Tessitura...
TRISTI PRESAGI...
Siamo sassi lanciati...
Pietre...
LETTERA APERTA A GR...
Temporale estivo...
Mi vesto di te......
Rame invecchiato...
Al mio mare...
Chi vive nella pace ...
INQUIETUDINE...
Essere superficiali ...
La solidarietà femmi...
Cosa ci rende forti?...
SCRUTATORE...
Ascolta la voce dell...
Il sogno e la voce...
Essere gentili col p...
Rovescio...
Istantanee...
Abbracciami...
ARCHI DI PASQUA DI S...
A mia figlia...
L'apparenza inganna...
Goccia di mare...
Zombie...
Per cercare di capir...
HOMO LUDENS...
Nel DNA della pioggi...
La giostra...
Emozioni...
Le donne non sono ba...
Il dono del tempo....
Ancora tra te e me...
EUROPA...
Buttati......
Che voglia......
COME CI CAMBIA L'ATT...
Per caso, il tuo sor...
MIO CARO AMICO CHECC...
Il tuo veloce volo...
AMORE IMPOSSIBILE...
Sogni di gloria...
Come si cambia...
Follia dantesca...
Scrivo poesie per sa...
Placida...
Girandola d'acqua...
Luci sul mare...
un abbraccio che sa ...
Al Volo.......
Dal mare...
È tutto lì. Con chi...
Parliamo di pace...
Il gelo del verno...
IL PRIMO BAGNO...
Gaia...
Marea...
Io e la luna...
Al Mare...
FUGGIAMO O RESTIAMO?...
Con prudenza...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Una donna d'altri tempi

Zia Otimia.


Fin da quando era ancora una bambina, Otimia, mostrava la sua spiccata intelligenza nell'aver capacità nell'economia, nel commercio, nel saper fare bene i conti per realizzare i suoi progetti che, oggi si definiscono imprenditoriali.
Quando si recava in campagna per adempimenti vari, rigogliose le verdure che nel grembiule portava a casa, ma se lungo il percorso qualche signora gliele chiedeva lei prontamente per guadagnare soldini cedeva volentieri all'inaspettata cliente. Sognava già di fare altro acquisto utile per la famiglia con il ricavato e intanto lei aveva la possibilità di raccogliere altra verdura.
Si trova anche ad andare in campagna da altri proprietari terrieri che avevano bisogno di manodopera e, seppur di tenera età non si tirava indietro. Però, come ella raccontava, c'era un datore di lavoro che non si approfittava del fatto che fosse piccola e dare minore remunerazione ma il giusto anzi fece presente, a chi notò questo suo modo di trattare quasi come gli adulti lei ancora piccola, che andava premiata con qualche soldino in più proprio perché piccola non doversi approfittare come invece in molti è abitudine.
Molto dura la sua vita giovanile, rimasta orfana della mamma volata in cielo nel dare alla luce due gemelli in una notte di neve e ghiaccio tanto che il dottore non volle uscire dalla sua casa a soccorrerla per paura che facesse uno scivolone. Quel dolore la segnò per sempre in un silenzioso segreto custodito nel suo animo che rivelò alla figlia quando, con l'andare avanti con l'età, e nel convivere con la malattia dell'Alzheimer, in momenti di lucidità, le aveva confidato con la lacrima agli occhi che, come faceva sempre, diceva che era il raffreddore. Non voleva farsi sorprendere da nessuno negli attimi di pianto che a lei sembrava debolezza.
Quegli occhi verde chiaro rilucevano come smeraldi preziosi.
La sera preferiva raccontare la sua storia di vita come se sapesse che il tempo incalzante non le avrebbe fatto consegnare i segreti che per tanti anni teneva senza alcuna condivisione.
Tantissimi sacrifici affrontati a capo chino e senza alcun clamore.
Rivelò della promessa fatta al padre agonizzante sul letto di morte, di prendersi cura del fratello malato di epilessia. Molto impegnativo assisterlo ma non si tiro' mai indietro e quando ci fu il terremoto in paese tutti uscirono fuori di casa per ripararsi, lei restò per non lasciare solo suo fratello allettato.
Zia Otimia la chiamavano tutti i bambini che si recavano nel suo negozio di alimentari e piccolo bazar per il grande assortimento di articoli tanto che nonne, mamme, giovanette e ragazzi tutti erano certi di trovare lí qualsiasi articolo che altrove non vendevano.
Il negozio era luogo di incontro e ritrovo di amiche che tra un acquisto e l'altro un po' spettegolavano e un po' si scambiavano esperienze e consigli.
Al momento della decisione di chiudere il negozio per lei fu un duro colpo, perdere quell'impegno che aveva assorbito il suo tempo per tanti e tanti anni era come se avesse perso una parte importante di sé.
Ma continuò a custodire come bambini tutti gli oggetti rimasti invenduti e dopo che lei andò lassù i figli hanno diviso in parti uguali per onorare i sacrifici e il volere della mamma che non aveva sciupato quel patrimonio fatto di rinunce e di sofferenza in silenzio.
Resta l'esempio di abnegazione e del dedicare il suo tempo prezioso agli altri, alla famiglia.
Soltanto gli ultimi anni di vita approfittava di ogni occasione o evento per andare in giro o partecipava con gioia alle feste quasi volesse recuperare ciò che aveva sempre respinto per restare nel suo regno casa - negozio d'inverno e d'estate con il suo da fare.
E, quando si era accorta che la vita le stava sfuggendo era già tardi.




Share |


Racconto scritto il 04/10/2018 - 22:41
Da Elisa Mascia
Letta n.210 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?