Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

i biondi grappoli...
Pensieri d'autunno...
Giugno....
vernice...
Haiku g...
Primo amore...
IL VIAGGIO...
beatlesmania the wor...
Quando la morte verr...
Il motore del mondo...
POESIA ULTIMA...
Giura...
Cogli...
Ovunque ci sei tu...
Sensazione dell'acqu...
Un grande uomo...
Eterea...
Torpiloquio d'ali bi...
Qualche volta...
e la barca......
VORREI TORNARE IN RI...
MENO MALE...
Solo fino alla pross...
COME UN GIRASOLE...
La donna del dipinto...
Silenzio...
Tessitura...
TRISTI PRESAGI...
Siamo sassi lanciati...
Pietre...
LETTERA APERTA A GR...
Temporale estivo...
Mi vesto di te......
Rame invecchiato...
Al mio mare...
Chi vive nella pace ...
INQUIETUDINE...
Essere superficiali ...
La solidarietà femmi...
Cosa ci rende forti?...
SCRUTATORE...
Ascolta la voce dell...
Il sogno e la voce...
Essere gentili col p...
Rovescio...
Istantanee...
Abbracciami...
ARCHI DI PASQUA DI S...
A mia figlia...
L'apparenza inganna...
Goccia di mare...
Zombie...
Per cercare di capir...
HOMO LUDENS...
Nel DNA della pioggi...
La giostra...
Emozioni...
Le donne non sono ba...
Il dono del tempo....
Ancora tra te e me...
EUROPA...
Buttati......
Che voglia......
COME CI CAMBIA L'ATT...
Per caso, il tuo sor...
MIO CARO AMICO CHECC...
Il tuo veloce volo...
AMORE IMPOSSIBILE...
Sogni di gloria...
Come si cambia...
Follia dantesca...
Scrivo poesie per sa...
Placida...
Girandola d'acqua...
Luci sul mare...
un abbraccio che sa ...
Al Volo.......
Dal mare...
È tutto lì. Con chi...
Parliamo di pace...
Il gelo del verno...
IL PRIMO BAGNO...
Gaia...
Marea...
Io e la luna...
Al Mare...
FUGGIAMO O RESTIAMO?...
Con prudenza...
La sorpresa...
In via del Sandalo (...
Mia Signora della Te...
Sei solo...
VILLA DORA PAMPHILIJ...
Non ricordare Non di...
COSA SONO PER ...
La farfalla ( Storia...
Come un'onda...
Arsenica (Logica o p...
AMAREZZA...
Rosa di monte...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Madre natura

Madre natura


Sostentami O mia musa
a cantar la lode della madre castissima ,
di madre natura !
Alza le vele del tuo nutrimento
che è si cosa di vasto ingegno.
Madre benigna e dolce,
Che d' ogni creatura hai core ,
fammi udir la tua voce ,
che dia coro alle mie parole .
Infiniti campi di fiori ,
con alberi e frutti ,
che rosseggiano ,
all' aere liberi
all' uccellin suo godimento .
Quei colori del tramonto ,
ove si perde il.mio.pensier ,
tra quelle ombre infuocate
che scandiscono la fine del giorno !
All' alba la dolce sferza del primo vento
dipana la foschia della notte con il primo.
fruscio d' ali di vagabondi passeroti .
e l 'umida ruigida rinfranca la ridesta terra .
tra un 'argenteo e un biancheggiar
che nel petto fa lena.
Guardo il mare il.loro eterno brontolio,
lo schiumar delle onde ,
Il sentor del suo aroma ,
quel frangersi fragoroso tra scoglio
e scoglio mi rammenta che siam meno
della più piccola roccia .
Va il timido naviglio sulla distesa equorea, ogni ora il nauta in se spera di riveder la costa .
Quei fiumi lenti, miti , quasi pigri,s'insinuano tra lingue di terra ,
e in quelle acque che paiono dormienti
s'annega il mio tormento,
allor in esso m'immergo per sfociar nell.'infinito ciclo della vita .
Odo il vento soffiar tra i rami,
le foglie danzar ad ogni folata ,
ma fedeli al ramo che non fiacca .
Come un canto soave si perde
quel fischio tra campagne e colli .
In ciel luna che fai ?dimmi che vedi
Oh pallida luna
Figlia d' una madre maggiore
che a se ti lega
prima d'ogni altra ragione .
Li ,nei tuoi silenzi ,
nelle tue sterili lande
Il secolo insegue il secolo
sin dalla prima creanza .
Nel.buio.,nel freddo
voi stelle belle
della sera al sol calante sussurrate,
fiamme vive eppur lontane ,
v'unite in gruppi ,in scie
di foco ,
per esser men sole .
Vola il pensier mio,
a quelle foreste tra un luccichio
del sol tra fitto rameggio,
ombre senza calore ,
Il rumor serpeggia
In un 'arcano canto.
Deserti senza vita ,senza pace ,
ne la quiete del fresco meriggio .
Una luce abbacinante
che di duna in duna si riparte .
La morte vince e suona
Il.monito che è pur matrigna
la madre buona .
Ci fiacchi d 'ogni male
che la carne rode !
Oh madre santa prometti
quello che alla nascita s'auapica?
V'e 'dunque l' Inganno
che la spe' falla ?
Noi più piccoli figli tuoi
siam conti della tua grazia ?
Eppur magione , natura ,
mia e infinite anime che in te
albergan quanti lingua non può numerare.
Dona quinci il sollievo che non siamo
pagliuzza in una bufera ,
ma abbiano certe radici nella terra .
Pria che sorella morte venga e miete
le sue messi, lascia goder dei tuoi doni ,
non far che il verno ci inaridisca come fil d' esil erba..
Poco io chiedo un clivio ,che sia adorno
di cipressi ove dormire l' eterno sonno
che ciascun attende



https://youtu.be/wy1YgiD9ry8


Video poesia


Corrado cioci




Share |


Racconto scritto il 15/04/2019 - 08:50
Da corrado cioci
Letta n.83 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Però, che canto appassionato alla natura. Bravo!!!

Maria Isabel Mendez 15/04/2019 - 23:02

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?