Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'inizio della fine....
Amore sei...
Acrostico...
Insonnia...
Cattiveria...
Ubriachiamoci, uomin...
Amnèsia...
I sorrisi del cielo...
HAIKU N. 10...
L'equivoco...
Chi è veramente ricc...
Il lato oscuro della...
DEAMICISIANA SECONDA...
Cara estate sognante...
Finche'il mondo esis...
VIVERE...
Isabel...
Parlar d'amore...
QUELLA FACCIA OSCURA...
Forse è solo fortuna...
Un giorno prenderemo...
La casa rosa...
Lontano da questa st...
Maremma...
Notte taciturna...
Che strana la vita: ...
L\'ultima...
Inopportuna...
Con te...
Peso specifico...
ad Anjia P. Ettorova...
Felicità...
...difficile...
Una Guancia...
Haiku...
Io l'anima, io il co...
I migliori possono e...
Crociata culturale (...
Ti ricordi luna?...
Il campanaccio...
Haiku T...
Caterina...
DEAMICISIANA PRIMA :...
I magnifici sette...
Notte bianca a San F...
Fragili...
HAIKU n...
Se il mio vivere......
È necessario riparar...
Inquieto pensiero...
il bisogno di te...
Piombo...
DELIRIO.......
Il Tempo Sottrae...
Vita ordinaria...
MALINCONIA...
Eppure la palla di v...
Una bimba mora deve ...
Da una gentilezza, p...
C'è sempre un vento...
La verità, quando vu...
Episodio...
Alcune volte nella n...
unto di femminicidi...
Il mio senso vive so...
Proposte particolari...
Donna Fugata...
IL GRUPPO BASE...
L'amore per la Natur...
Il sole cieco...
e poi, e poi ancora...
Il pane...
VIVERE NEL VUOTO...
Passione di fuoco....
CONVINZIONI...
La stella cadente...
Dove il tempo...
PELLEGRINAGGIO A MON...
L'astronauta e la Lu...
POTEVO IO ESSERE RE...
IL PRIMO AMORE...
Natura...
Sono vecchio...
mondo pazzoide...
VITA SCAPIGLIATA...
Nel bagliore di una ...
CLANDESTINO...
Un figlio ti cambia ...
Enzo Jannacci...
Un'estate al sud...
Vanno gli innamorati...
Notti di luna...
Parentesi...
Il pensiero...
Gocce in cielo...
Quel sussurro...
ATTIMI MINUSCOLI UNI...
Casa rude...
Simulacro ingannator...
IL SOGNO DI GREAT SW...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Zombie

Ormai l'umanità è spacciata. L'esercito e i civili via via si "uniscono" alla loro parte, migliaia e migliaia di orde di famelici zombie appaiono inarrestabili, le armi e le trappole riescono a malapena a contenerli. Stranamente risultano veloci e per di più imprevedibili.
«Morto un morto se ne fa un altro!» diceva sempre Enric, il mio migliore amico, prima di morire o comunque prima di diventare un non morto morto. Perdeva pezzi e ciò che è rimasto di lui è unicamente poltiglia. La granata è stata necessaria, non ho potuto fare altrimenti.
Da giorni ho trovato rifugio in un faro funzionante, sbarrando l'entrata al meglio delle mie possibilità. “Sotto i riflettori" ovviamente i cadaveri in continuo movimento che con quei spaventosi versi sono per lo più fonte dei miei incubi talmente sconnessi da sembrare innaturali e soprattutto violenti.
Spesso durante le terrificanti visioni oniriche mi appare il volto sfigurato nonché insanguinato di Camilla, il corpo pieno di pallottole e col braccio amputato. Mai e poi le avrei fatto del male. Dio quanto l'amavo!
Immancabilmente mi risveglio strillando. Da un lato dormire è peggio che stare svegli.
Chissà, probabilmente il morso sul collo causato da uno di quei mostri mi ha procurato degli strascichi irreversibili, nonostante alcune settimane fa, in un improvvisato ospedale da campo, mi avevano somministrato in extremis un siero denominato Z-Type.
Lo Z-Type, preso in temi brevi sembra riesca a debellare il virus in corso però non mi stupirei se il liquido iniettato tramite siringa al sottoscritto non ha fatto effetto in maniera efficace. Potrei risultare zombie per un quarto o qualcosa del genere.
Lancio rabbiosamente il fucile a pompa Spas-12 sopra il tavolo, che assieme alla Beretta 92-FS tenuta in fondina, ed alcune granate di tipo Mk2 mi hanno aiutato a sopravvivere. Mi libero anche del gibernaggio carico di munizioni.
Sprofondo su una sedia e resto a pensare agli avvenimenti accaduti e alle persone care che ho perso per via dell’epidemia zombesca oppure che ho necessariamente neutralizzato per forza di causa maggiore. Tra le varie cose realizzo il mio essere smodatamente paranoico in quanto ho voluto abbandonare il precedente rifugio e di conseguenza i miei compagni per restare da solo. Non sopportavo più i loro sguardi, le loro voci e in particolar modo il finto positivismo di alcuni oltre che temere per la mia incolumità, infatti non sono rari i casi in cui inaspettatamente avvengono degli assalti all’interno dei nascondigli stessi, generati da persone che si tramutano improvvisamente in zombie per non parlare di chi perde il lume della ragione sparando all'impazzata a tutto ciò che si muove. Vivi compresi.
Mi è venuta una fame tremenda e ho troppa voglia di carne. Ho delle scatolette di Simmental ma non è la stessa cosa.
Adesso è naturale chiedermi: lì sotto i non morti desiderano banchettare con me o contro di me?



Share |


Racconto scritto il 15/06/2019 - 09:02
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.98 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Probabilmente il racconto "soffre" di deja vu e di quell'essere uno scritto se vogliamo lineare.
Nel finale comunque ho cercato di essere almeno in parte originale dando l'impressione al lettore che il protagonista aveva il virus in corso per via della sua tremenda fame e desiderio di carne.
Chissà, magari il desiderio di carne poteva essere soltanto una normalissima fame. Un po' come me quando ho una terribile voglia di pizza ovvero tutti i giorni. :D
Alla proxima!

Giuseppe Scilipoti 20/06/2019 - 13:23

--------------------------------------

Grazie Santa Maria Isabel per i vostri commenti, nello scrivere il testo ho attinto a cinema, videogames e un po' a Dylan Dog, il mio fumetto preferito.
Ormai sugli zombie, come sui vampiri è stato detto troppo, forse tutto però sono contento di averci provato e di aver dato anch'io il mio contributo riguardo questo genere, direi un quasi un action horror, sebbene "Zombie" si basa su una sorta di flashback senza particolare dinamicità.

Giuseppe Scilipoti 20/06/2019 - 13:20

--------------------------------------

Molto ma molto particolare!!! "epidemia zombesca"!!! Poi arrivata alla simmental mi hai fatto ridere!!! Sei bravo!!! Solo un'osservazione io toglierei "ironicamente" perché l'ironia è già implicita. Ma è un'opinione personale. Aspetto il prossimo, caro

Maria Isabel Mendez 15/06/2019 - 22:59

--------------------------------------

Cos'è vuoi togliere il posto ad Asimov?
I tuoi racconti viaggiano tra il fantastico e l'incubo onirico. Sei fantastico, giusto per essere in tema! Colgo ad un certo punto del racconto anche una sorta di metafora. In effetti gli zombi sono in mezzo a noi solo che a volte sono mascherati da umani e non ce ne accorgiamo! Bravo,bravissimo!! Un abbraccio!

santa scardino 15/06/2019 - 12:12

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?