Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sui velieri del sole...
La Luna stasera...
Loro, robot...
L'inizio della fine....
Amore sei...
Acrostico...
Insonnia...
Cattiveria...
Ubriachiamoci, uomin...
Amnèsia...
I sorrisi del cielo...
HAIKU N. 10...
L'equivoco...
Chi è veramente ricc...
Il lato oscuro della...
DEAMICISIANA SECONDA...
Cara estate sognante...
Finche'il mondo esis...
VIVERE...
Isabel...
Parlar d'amore...
QUELLA FACCIA OSCURA...
Forse è solo fortuna...
Un giorno prenderemo...
La casa rosa...
Lontano da questa st...
Maremma...
Notte taciturna...
Che strana la vita: ...
L\'ultima...
Inopportuna...
Con te...
Peso specifico...
ad Anjia P. Ettorova...
Felicità...
...difficile...
Una Guancia...
Haiku...
Io l'anima, io il co...
I migliori possono e...
Crociata culturale (...
Ti ricordi luna?...
Il campanaccio...
Haiku T...
Caterina...
DEAMICISIANA PRIMA :...
I magnifici sette...
Notte bianca a San F...
Fragili...
HAIKU n...
Se il mio vivere......
È necessario riparar...
Inquieto pensiero...
il bisogno di te...
Piombo...
DELIRIO.......
Il Tempo Sottrae...
Vita ordinaria...
MALINCONIA...
Eppure la palla di v...
Una bimba mora deve ...
Da una gentilezza, p...
C'è sempre un vento...
La verità, quando vu...
Episodio...
Alcune volte nella n...
unto di femminicidi...
Il mio senso vive so...
Proposte particolari...
Donna Fugata...
IL GRUPPO BASE...
L'amore per la Natur...
Il sole cieco...
e poi, e poi ancora...
Il pane...
VIVERE NEL VUOTO...
L’aprimitili...
Passione di fuoco....
CONVINZIONI...
La stella cadente...
Dove il tempo...
PELLEGRINAGGIO A MON...
L'astronauta e la Lu...
POTEVO IO ESSERE RE...
IL PRIMO AMORE...
Natura...
Sono vecchio...
mondo pazzoide...
VITA SCAPIGLIATA...
Nel bagliore di una ...
CLANDESTINO...
Un figlio ti cambia ...
Enzo Jannacci...
Un'estate al sud...
Vanno gli innamorati...
Notti di luna...
Parentesi...
Il pensiero...
Gocce in cielo...
Quel sussurro...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Sulla dinastia dei lupi (lettera dal mio tempo)

Mi chiedo, in silenzio,
quale squalo
vi educò?
A cacciare pesci piccoli,
che piccoli, poi...
Arroganti,
come voi ma
più deboli.


Quale lupo,
vi crescette?
A caccia, costante,
sfrenata,
nel grembo dei vostri simili,
con essi, in essi,
per essi,
ché condannate con duri morsi,
feroci,
nel viso un costante ringhio.


Apertamente,
gelido,
mi chiedo
quale bestia insaziabile
rese sciacallo la vostra anima tanto
e fate a pezzi l'altre,
senza rispetto,
amore,
educati a sbranare,
calpestare come cavalli al trotto,
folle corsa al fine verso
versi di tomba:
qui giacette lo spirito Umano.


Quale genitore
senza riguardo,
servo v'insegnò a servire,
in ginocchio
e pronunciar bestemmie,
accontentandosi d'elemosina,
dello sporco sui piatti da lavare,
a fingere di non essere sé,
in continua lotta col perdere.


Quale coniglio
con orecchie basse
dai secoli dei secoli,
v'abituò a scappare dal peso,
dal soffrire per l'evento
d'esser uomini?


Quale gorgone
vi fece così duri?
Quale chimera
vi diede una faccia e tante facce?
Chi vi fece così,
gonfi d'odio,
ottusi e, per di più,
superbi?


Quale Pluto vi generò?
A prendersela con chi ha meno,
leccando chi ha di più.


Quale padre,
quale madre non sprofonda
nel vedervi così?
Solo avi come voi,
vigliacchi,
servi,
odiatori.


Ecco, dunque,
la vostra stirpe:
nei secoli v'annidò bestie
e come bestia veniste,
come serpe ricolma di tòsco,
utili imbelli,
utili al sistema.


Nel rosso pudico di novembre
si incammina la sera
su sentieri antichi,
distanti dalla giovinezza di luglio,
così simili,
entrambi,
a quei ragazzi un po' giovani,
un po' vecchi e,
malgrado posseggano solo vecchie
parole stanche,
riciclate,
non vogliono accettare,
né conoscere o capire
se non sopraffazione,
cuori di scaltrezza recalcitrante
ché non sanno che menzogna,
impotenti
dinnanzi ai moti dell'animo,
tuttavia,
sfoggiando abiti,
il sudore altrui li rese belli,
mostrando smartphone,
scarpe lucide,
lucidi sguardi di cupidigia
fuor di gioia o furore
rubati al mondo dei grandi o
simili e lontani
ai modelli di tv,
così come il tramonto imita l'alba
nell'unica regola del rosso.
In questo panorama, ultimo,
un tir svanisce all'angolo
tra l'ultima ditta e il nulla
e penso alle gesta di coraggio lepresco dei miei avi
come nello spegnersi del giorno,
a Pioltello,
si tengano, labili
come raggi di sole,
aleatori barlumi di speranza ferina,
la normalità di una casa,
del salario,
ottenuti pensando a sé,
senza rispetto né pietà,
calpestando, mordendo,
strappando via brani di vita
al giorno
per scoprire,
poi,
che quel dolore non finisce
nel calore d'una notte;
non peccatore, no,
né uomo,
assumo la mia colpa,
con vergogna chino il capo ma,
il pianto non serve né gli avanzi che,
generoso,
distribuisco e penso,
ancora,
al candore innocente,
veritiero,
del cuore delle madri
le cui mani stanche,
arse, unte,
han creato sguardi lacerati
e vibra odore di strage
nel perdersi,
unica mia dote,
tra gli sguardi eterni
d'un settembre
in permuta continua:
è pure mia la colpa!
Costruite mondi a debito
nel deficit orgoglioso del fallire
strade comuni,
uguali ai vostri uguali,
persino peggio dei predecessori,
nel terrore costante,
rigoglioso e magnifico,
del diverso,
dell'abbandono,
della povertà.


Nella sabbia d'un quartiere popolare,
il cornicione cade giù,
sventola un lenzuolo
e una pecora cade dal nono piano;
si sente odore d'aglio,
spezie d'Oriente,
canta il Muezzin..
È forse questo che non volete?
Il rimpianto per le nonne nei campi,
della chiesa la domenica,
quanto si stava meglio...
Già,
fosse stata epoca facile,
non bigotta e fascista,
ognuno al suo paese
grondando frasi di dialetto,
morire di febbre a sei anni.


Ricordo quando la carne,
spoglia ancora di peli,
era carne senza amore
ma carne d'affetto,
di gloria,
osservavo le vacche sognando,
avrei fatto il pastore,
avrei fatto l'amore con la vita benché
educato a sogni solitari,
volgari,
da pastori.
Eppure sgorgano sorrisi ebeti
da quei giovani:
respirano l'inverno senza conoscer neve, né sole
o grano
e rombano al suono di autoradio
con soli quattro quarti
e troppi decibel senza passione,
né controllo,
solo risultati da comprare,
educati a non volere,
colmi di stupidi desideri materiali.


Non è questo un mondo triste?
La parodia dei giorni,
il non rispetto della diffidenza,
il sospetto,
lo scappare dal senso vero della ricerca,
del ricercare il proprio senso,
del fuggire dal mondo vero negando,
blasfemi e senza razza,
se non di bestia,
i richiami d'un mondo colmo d'amore, di tristezza,
di meraviglia, di unicità
non è questo l'orrore?
Cosa resterà se ci rubano l'avvenire
e pure i sogni?
Quale notte,
infine,
vi rese così bui nell'animo,
così... Ciechi?




Share |


Racconto scritto il 10/07/2019 - 15:25
Da Filippo Di Lella
Letta n.77 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Grazie a tutti per il vostro vivo interesse e per le vostre considerazioni, è davvero un piacere.
Dice il motto "homo homini lupus"; il titolo viene da lì e nel mio piccolo è dedicata a una voce spentasi molti anni fa, una voce che poteva piacere o meno per ciò che affermava ma una voce unica e profondamente radicata alla sua epoca.
Un caro saluto

Filippo Di Lella 11/07/2019 - 23:34

--------------------------------------

FILIPPO... ho letto tutto il racconto e le tue perplessità sul genere umano, in più le somiglianze a conigli, squali, sciacalli lupi....Già qui voglio tranquillizzarti, i lupi sono animali di tutto rispetto sono intelligenti, sensibili hanno una struttura sociale invidiabile e non sono educati a sbranare. Il mondo sarà anche triste ma dal momento che ne facciamo parte cerca di trovarci qualcosa di buono!

mirella narducci 10/07/2019 - 20:38

--------------------------------------

non ho ben compreso a chi sia rivolta
credo, onestamente, che in ogni epoca, in ogni momento, siano sempre coesistiti il bene ed il male.
squali, genitori inadeguati, bestie feroci
dura, feroce, ossessiva
ma piaciuta

laisa azzurra 10/07/2019 - 20:27

--------------------------------------

Questa tua lettera racchiude purtroppo ciò che tanti di noi scriverebbero, nel tuo caso con magnifico lavoro di penna.
Mi hai ricordato "Cantico" di Ramazzotti.
Un saluto

Mirko (MastroPoeta) 10/07/2019 - 19:04

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?