Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il cuore in uno scri...
Tabbarr...
Il ghiribizzo di ogg...
Il mio Ottobre...
Lascio nelle mie par...
Fai custodire i sent...
SAN MICHELE ARCANGEL...
La partita...
Accettando la volont...
Dove saremo...
Tramonto...
O è bianco, o è nero...
Ora che il buio avan...
Una telefonata...
Un gioco esplicativo...
Romantica...
Arrive(rà)derci Pens...
Il sorriso...
Sei sicuro di avere ...
SIAMO I POETI...
Il matto...
Come alberi in autun...
Sospeso...
Primo amore...
Irene...
Parigi, Febbraio 194...
Passegiando la matti...
Rapporti Umani...
CUORE DI PIETR...
Non trovo....
Il cucciolo...
Promessa....
SIMILI...
FRUSCIO DI FOGLIE...
Il sonetto dell'autu...
Quel momento in cui ...
Accomiato...
Il suo sorriso era c...
BELLEZZA PROVOCANTE...
E' la sera dei mirac...
PROFONDE FOLLIE...
Andiamo là...
Velate nubi...
Adieu...
L’ultima Volta...
Firmamento...
Tutto si trasforma, ...
La clessidra...
Respiro di vita...
Casuali parabole...
IL SUBACQUEO SPORTIV...
E\' stato splendido...
SonEtti...
Sogno o son desta...
Due tenere folate di...
Diavolo...
Mosè e le tavole del...
Mosca 1950...
ANCORA INSIEME...
I binari della mia v...
I ricordi nell’armad...
Placido mare...
TUTTO IN UNA PAGINA...
GIULIA pt.1...
“Oggiscrivo”...
La colazione...
IL SALE DELLE TUE PA...
Non Ti Scordar di Me...
L'ora perduta...
Davanti a me vedo du...
STREET CIRCUS...
Schegge del cuore (T...
Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
Alito di Dio...
Me ne voglio ì lunta...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

AL BUIO IN UNA CAVERNA

Le istruzioni sono:

La scena si svolge in una caverna. Il protagonista, assieme ad altre persone, si ritrova improvvisamente al buio. Quali sono i suoi pensieri e le sue preoccupazioni? La grotta ha dei pericoli. Cosa succederà? Quale sarà la conclusione? Scrivere una storia così ambientata.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



IL MISTERO DELLA GROTTA ETRUSCA

La storia degli Etruschi mi ha sempre affascinato, quale occasione più propizia di una visita alla più grande necropoli etrusca organizzata da due docenti dell'università. Dopo un appello minuzioso e le solite raccomandazioni ci divisero in gruppi. Come guida di cinque giovani scelsero me perché conoscevo quei posti. Così munita di piantina, con l'entusiasmo di sempre portai il mio sparuto gruppetto all'entrata di quella che doveva essere una casa etrusca ma somigliava ad una caverna, si doveva scendere nell'incavo di una grotta. La luce illuminò le pareti affrescate, colori stupendi disegnavano le pareti. Affascinati i giovani erano entusiasti, passavano da una stanza all'altra scoprendo dalle pitture la vita di questo popolo, anch'io ero presa da questa cultura antica. Ad un tratto mi fermai di colpo, la piantina che avevo non mi dava più le indicazioni giuste, era avvenuta qualche modifica il percorso non era più quello, si apriva davanti ai miei occhi un corridoio che andava in una direzione che non conoscevo. Provai una ritirata ma l'ambiente diventò un labirinto, non facevamo che ritrovarci allo stesso punto.Il tempo passava e nel sotterraneo si faceva sempre più buio. Tranquillizzai tutti nel dire che fuori sapevano dove eravamo e ci avrebbero trovati. I passaggi e le grotte che attraversavamo ci conducevano alle tombe della necropoli, praticamente ai cimiteri di questi popoli. Al disagio del buio si aggiungeva il timore e la paura, scavi sempre più profondi portavano in grotte strette piene di tombe, l'aria era malsana e ogni tanto qualche rumore strano faceva pensare alla presenza di animali striscianti fuoriusciti dalle nicchie sovrapposte le une sulle altre. Le ragazze erano le più coraggiose, il buontempone del gruppo smise di ridere, l'altro cercava con me di trovare l'uscita. Con la luce di una torcia si intravedevano tra i mucchi di terra reperti di suppellettili ammassati, evidentemente era un lato nuovo del cimitero etrusco in allestimento, era per questo che la mia vecchia piantina non lo contemplava. L'entusiasmo si era spento, il posto macabro e misterioso era diventato spaventoso, le fantasie più assurde diventavano probabili. I cellulari caput, non c'era campo, eravamo completamente al buio. Una ragazza iniziò a cantare piano, poi più forte, un richiamo per farsi udire e allentare la tensione, sempre camminando inciampando seguivamo dei segni, sporgenze a tentoni tastando il terreno col piede. Ero sicura che andavamo dalla parte giusta, anche se i cinque ragazzi erano stremati e impauriti. Ad un tratto un corpo peloso mi fu addosso, gridammo tutti, una luce improvvisa illumino un bellissimo Labrador che scodinzolando ci fece le feste, insieme a lui e alla sua guida specializzata si concluse la brutta avventura. Fuori era notte ma almeno potevamo vedere le stelle. I ragazzi erano felici la lezione sugli Etruschi non l'avrebbero più dimenticata, per alcuni fu la loro tesi di laurea, ottenuta a pieni voti.


Mirella Narducci




Share |


Scrittura creativa scritta il 10/10/2017 - 09:36
Da mirella narducci
Letta n.295 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Una storia nella storia... tra fascino e mistero e molta suspense, mi hai affascinato!
Il colore del cielo è bellissimo poi da vedere!!!
Complimenti Mirella splendido!

margherita pisano 11/10/2017 - 17:16

--------------------------------------

ottimo racconto col finale alla Dante: a riveder le stelle... brava Mirella

enio2 orsuni 11/10/2017 - 13:51

--------------------------------------

Cari Amici vi ringrazio per i pensieri che mi avete lasciato...Grazie anche alla redazione per il giudizio favorevole espresso nell'area privata. Lo sapete che per me è un piacere scrivere e voi mi gratificate con le vostre riflessioni.
GRAZIE cignonero

mirella narducci 10/10/2017 - 23:21

--------------------------------------

Davvero ben scritto
complimenti

Mary L 10/10/2017 - 19:52

--------------------------------------

Brava Mirella,
fantasia e ritmo!
La scrittura creativa si è mossa questo mese!

Grazia Giuliani 10/10/2017 - 19:49

--------------------------------------

Ci vuole una grande e prolifera immaginazione per inventare storie di avventure che così ben narrate riescono ad esprimere una suspense di così alto grado. Bravissima, ciao

Francesco Scolaro 10/10/2017 - 18:19

--------------------------------------

Gelida avventura dentro una tomba etrusca. Bella e ben scritta. Giulio Soro

Giulio Soro 10/10/2017 - 18:11

--------------------------------------

Una bella avventura , fortunatamente a lieto fine...ma hai creato il pathos...bravissima.

Teresa Peluso 10/10/2017 - 18:05

--------------------------------------

Prevedo una bella lotta con questo tema...brava narducci, anche docente universitaria, una bella parte in questo racconto. sapevo che eri poetessa ma scrittrice no...quindi brava due volte. 5 stelle. Un saluto

GianMaria Agosti 10/10/2017 - 16:08

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?