Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

chiedetelo a Siri...
Eterea...
Il Pirata...
Sommerso...
Davanti al mare......
MURO ANTICO...
Vietnam anni sessant...
Orca Assassina...
Brecciame...
Sognare o arrendersi...
Errore umano...
Se mi guardi e non p...
BOSCO...
Segni indifferenti...
QUANDO TI ABBRACCIO...
ricordare...
L'amore e l'amicizia...
Ho un sogno da realu...
l'antica porta...
L’Amore che vorrei...
Infinito...
Dirti ciao...
Capitano, dove sei?....
Gioca a scacchi cont...
Luci d'Estate...
..e tirarlo a forza...
L’orticello del conv...
Cicala...
Che roba !...
Poesia è una pagina ...
Eclissi di luna...
Tempesta...
QUANDO ARRIVERÀ IL M...
Eppur m'è caro...
Riflessioni in bilic...
Lidia...
Per i bambini è faci...
La voce del vento...
Da questa battima...
Notti d'agosto...
Starseed...
Ormai come ogni nott...
La vecchierella...
Il paese fantasma...
La guerra tra animi...
Soffice balzo...
La mia vita...
Sul tetto del mondo...
La Quercia...
Ti tengo nel cuore...
Non esiste vita che ...
Donna...
L'ultimo esame...
Ti porterò con me...
Ho comprato una lett...
Lira di Dio...
La dama...
Mattino...
Visioni d'Estate 201...
I miei castelli......
mi piace stare qui...
Inadatto...
RICORDI...
Una Corsa Speciale...
Lo scorrere dell\'ac...
Dove sei?...
L'addio...
Chiudi gli occhi, fi...
Haiku Nel cielo...
Una amicizia special...
L ' ultima Thule...
Al rincasar degli sb...
Gli anni vanno via e...
POETARE...
In riva al mare...
NON FRIGNARE PIÙ...
Ho bisogno di te...
IL QUINTO ANNIVERSAR...
Nello spazio senza g...
Io e l’estate....
Giovani...
Come rugiada...
Senso di colpa...
quando il tutto sara...
Tu mi colori la vita...
HO CONOSCIUTO L'AMOR...
L'inverno nel cuore...
L'AMORE...
Sul Meeting di Rimin...
NAVIGO DENTRO UNA ...
A RISCHIO DI COTTURA...
Fiordifragola...
L’Abete...
Uno scorcio di io(C)...
Ho cercato di amarti...
Non andar via...
Le esistenze non son...
L' AMORE SUL WE...
Un ombrellone...
Amore virtuale...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

PUNTO DI VISTA

Le istruzioni sono:

Ti risvegli e scopri di aver cambiato sesso. Racconta la tua prima giornata nel tuo nuovo corpo.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



ANDROGINO NO SOLO UN INCUBO

Mi chiamo Francesca, è mattina dopo una notte molto agitata, riesco appena ad aprire gli occhi, ho la bocca impastata. In bagno mi specchio, nel vetro appannato dal vapore intravedo un bel taglio corto di capelli, non ricordo di essere stata dal parrucchiere, sulla mensola c’è un rasoio e un sapone da barba ed esclamo:- Che cavolo sempre lui che si dimentica le sue cose – Mi riferisco al mio ragazzo che ogni tanto rimane a dormire da me. Ma oggi non è venerdì come può essere, di solito è molto ordinato. Ormai la doccia è calda, mi tolgo il pigiama con gli occhi chiusi vado sotto l’acqua. Rilassata mi massaggio il corpo con un bagnoschiuma profumato al cocco, un brivido mi pervade seguito da terrore, non sento più i seni e la mia vagina s’è tramutata in un pene enorme con cui continuo a giocare…è un sogno infernale? Ma è ancora lì fra le mie gambe, mi precipito davanti allo specchio e vedo un uomo in tutti i sensi, dai peli, alla voce, alla corporatura dove sono spariti i miei organi femminili!? Cerco di stare calma, penso a cosa ho bevuto ieri sera ma niente giustifica quel cambiamento. Fra poco verrà la mia amica Nuccia, facciamo sempre colazione insieme, in fretta trovo un paio di pantaloni, una camicia e aggiusto i capelli, soddisfatta alla fine mi vedo un bell’uomo. Appena in tempo suonano alla porta è Nuccia, corro ad aprire e lei di scatto fa un salto indietro, poi timidamente si scusa:- Forse sono arrivata troppo presto!? Dov’è Francesca, tu sei il suo ragazzo vero!- Che dirle era troppo complicata la faccenda annuii dicendo che era dovuta uscire, un imprevisto…ma se voleva poteva prendere il caffè che era già pronto. Forse affascinata dai miei occhi rimase. Mi sentivo molto imbarazzata nei panni di un uomo, agivo e pensavo come un maschio, lei prese a fissarmi, mi faceva gli occhi dolci, credo cercasse di sedurmi. Bè io come donna ero uno schianto e nel nuovo corpo non ero da meno. Quello che mi indispettiva era come lei la mia migliore amica si prendesse certe libertà, con quello che doveva essere il mio ragazzo. Per dispetto approfittai della situazione le feci la corte, lei ci stava soddisfatta e felice di soffiarmi il fidanzato. Nuccia per paura che tornasse Francesca, si congedò strappandomi un appuntamento per la sera, con il più bel sorriso accettai. Sola in casa, cancellai tutte le visite, consultai enciclopedie e trattati medici a non finire per sapere cosa mi era capitato ma non trovai nulla. Mi informai anche a riguardo dei gay, ma questi ci nascono non sono dei mutanti…io ero intrappolata in un incubo senza via di uscita. Arrivò la sera mi ricordai dell’appuntamento con Nuccia, mi vestii nel modo più elegante, ero proprio figa…termine al momento non appropriato! Come in un film di fantascienza mi avviai all’appuntamento, decisa a raccontarle ciò che mi era accaduto. La sera era bellissima ad un tratto iniziai a sentire un caldo soffocante, i bottoni della giacca saltarono, una frangetta mi coprì gli occhi e i pantaloni si stringevano, le mie mani smaltate andarono a toccare le parti basse e “l’apparato idraulico” non c’era più. Ero nel pieno di una trasformazione come nel caso del dr. Jekyll e mr.Hyde. Mi svegliai in un bagno di sudore nel mio letto, la giornata era finita, ero di nuovo io. Ero stata vittima di una oscena allucinazione notturna. Suonò il campanello della porta erano le 19. Nuccia fece il suo ingresso trionfante, mi chiese scusa perché questa mattina non era potuta venire, colpa di un nuovo amore, infatti stava per andare ad un appuntamento. Pensando al sogno e a ciò che mi era successo biascicai:- Vedrai sarà l’ennesima buca che prendi!- Con un sorriso mi dette un bacio e aggiunse:- Speriamo di no!! –


Mirella Narducci




Share |


Scrittura creativa scritta il 10/02/2018 - 13:47
Da mirella narducci
Letta n.497 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Cara Mirella, meno male che sia stato un sogno...un brutto sogno...i vostri anfratti misteriosi non possono essere paragonati all' "apparato idarulico"...il profumo di Donna è anche l' estasi per gli stessi dèi, che invidiano la natura umana...

La legge di Gay-Lussac:è che la passera mi piace un sac!

(scritta sui bagni della Facoltà di Chimica di un'università).


romeo cantoni 15/02/2018 - 14:28

--------------------------------------

Ma sei fantastica
Però, Nn mi dispiacerebbe mica provare ad essere uomo per un giorno...peccato fosse solo un sogno..
E tu, sei un fenomeno...al femminile, però

laisa azzurra 11/02/2018 - 23:31

--------------------------------------

GIANCARLO,MARGHERITA, SAVINO,FRANCESCO, ENIO,ANTONIO vi ringrazio per aver letto la mia prova creativa. Mi sono attenuta alle istruzioni e ne è nato questo racconto che mi ha molto divertito mentre lo scrivevo. E' vero amici almeno una volta abbiamo pensato di scambiarci i ruoli magari solo per provare cosa si sente ad essere diversi non solo nell'aspetto ma anche nel modo di pensare. Anche se l'ho solo pensato dirò sempre:
W LE DONNE
Notte a tutti

mirella narducci 11/02/2018 - 22:03

--------------------------------------

lo trovo interessante ma solo interessante, se fossi femmina farei strage non se ne salverebbe uno per come la penso io forte

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 11/02/2018 - 18:19

--------------------------------------

Un bel racconto centrato sulla scrittura creativa... un sogno, anzi un incubo, ma hai reso perfettamente lo stato di angoscia e anche forse, il complicato mondo interiore di una trasformazione nel io più profondo. Davvero molto bello!
Buona domenica Mirella e complimenti!

Margherita Pisano 11/02/2018 - 10:10

--------------------------------------

La faziosità tende fatalmente a privilegiare il frammento e il gruppo d'appartenenza (a noi italiani così familiare), penalizzando quanto in un racconto è invece progetto, lenta costruzione dei personaggi, capacità di creare!

Savino Spina 10/02/2018 - 19:00

--------------------------------------

La voglia di cambiare
come te ci sono tante.
Crescere in una famiglia
di soli maschi chi cosa ti piglia.
Ma la natura e incerta
resta femmina e aspetta.


francesco cau 2 10/02/2018 - 17:16

--------------------------------------

i sogni son desideri
chiusi in fondo al cuor
sognando par che sian veri
che c'entra con questo l'amor
quasi decido adesso
di andare tosto a letto
e detto questo aspetto
che spunti un nuovo sesso.
Se spunterà non sbaglio
perché io non lo voglio
prenderò un bel rasoio
e giuro che me lo taglio
daje Mire', hai fatto ancora centro toh becca**********************************

enio2 orsuni 10/02/2018 - 15:24

--------------------------------------

Beh vedo che la fantasia non ti manca nonostante nel nostro io avessimo desiderato almeno una volta nella vita di cambiare sesso forse in un momento di delusione dettato dal nostro corpo che non ci soddisfava più.Mirella hai scritto un bellissimo racconto, la trasposizione di un sogno onirico che trova l'impatto nella realtà. L'ho letto molto volentieri.

Antonio Girardi 10/02/2018 - 15:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?