Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

APPENA PRIMA......
E piove così...
RICORDI...
Le parole possono ca...
Novembre...
Cos'è per sempre? È ...
Intima...
Haiku 4...
L'amore e il tempo...
A Me....
Ricordo d'infanzia...
Nel vento di settemb...
Il miraggio di una n...
E se......
Si innamorano i poet...
Silenzio: Il silenz...
niente titolo...
Tra queste prime sti...
Libro cuore...
Foglie d'autunno...
Attimo...
Vendetta(?)...
il re lucertola...
2 cuori...
STRAZIAMI MA ...
Il peso dell’ignoto...
pensiero sul mare...
Il paese mormora Pe...
Il Vecchio Tronco...
io amo...
Il gioco del teatro...
Haiku 3...
Immaginare...
Dove muoiono i sogni...
Lo stesso profumo...
Quando ero piccolo...
GLACIALE RISCALDAMEN...
SOLO IL VENTO...
A Carl Gustav Jung...
L'Ira di Zenobia...
Buonanotte...
Quella farfalla il q...
Venere...
ali di farfalla...
Su carta è tutta un'...
Stagioni...
Eppure ci sei!...
Seduto...
Grotte Is Zuddas...
semplicemente tu...
CIO' CHE RESTA DEL T...
SPENSIERATEZZA...
Fu come un soffio ca...
Normale Follia...
Sulle onde stropicci...
Scoprire l' Amore...
HAIKU N. 14...
Nei momenti di fragi...
Dell'attesa...
L'ammartaggio...
Haiku 14...
Poeti...
L'aprés midi d'un ph...
Tanka 2...
Donna...
Vivere cosi...
Mio dolce ardire...
Alcuni buoni passagg...
Dò un cenno...
Ode alla Madre Terra...
L\'ulivo...
Scusa se cammino...
RITROVARE SE STESSI...
Ode al polacchino...
Ti conosco da appena...
Cos'è la vita ......
NON E' SEMPLICE...
Dolce settembre...
Chi sei?...
Fossili...
Follia...
- Racconti dal mare...
Padiglione 1...
Ormai la pioggia...
Fra una carezza e l'...
La voce...
STRANE FORME...
SCUSATE IL RITARDO (...
Castell'Arquato...
E ogni volta che cad...
E poi...
Troppo piccola per.....
La vecchia che fila(...
siamo come fiori,alc...
PROFEZIA DI UN ESSER...
Ti ascolto...
A settembre...
Haiku t...
Dipinto di uomo con ...
Una carezza sul viso...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

UNA LETTERA

Le istruzioni sono:

Scrivi una lettera a qualcuno o a qualcosa vero o immaginario.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Come stai

Come stai,
Solo oggi, dopo venti anni e forse più, trovo il coraggio di scriverti.
Ho sempre temuto di poter essere considerato inopportuno e invadente.
Sono stato, nel nostro comune passato, troppo presente e pressante.
Cercavo di conquistare il tuo amore offrendoti tutto il mio tempo, sogni compresi. Per te era solo fastidiosa gelosia.
Come in un romanzo di appendice, aggiungo al racconto un’altra puntata ,ultimo episodio la lettera con la quale mi comunicasti" mi dispiace, ti devo lasciare. Qualunque cosa accada sappi però che ti vorrò sempre bene. Di questo puoi essere certo. Per le tue necessità hai tutto quello che vedi ora intorno a te, ti consiglio di comprare al più presto…....".
Tra le cose lasciate c’era un giradischi sul quale più volte e per molto tempo risuonarono le note di Maledetta Primavera di Loretta Goggi e Bimba mia di Franco Califano
Forse è colpa(o merito) di una nostra canzone, ascoltata ieri per caso, se sono qui a scrivere per te e di te. Si ballava a casa di Alberto, non avevamo ancora a portata di mano i localini tipo La Mela. Il mangiadischi aveva sostituito il giradischi e c’era sempre una sorella più piccola a fare da disk jokey.
Ballavamo guancia a guancia, ti sussurravo dolcemente “solo più che mai” sulle note di Stranger in the night di Frank Sinatra. Avevo già cercato di strapparti un “si”. Tu avevi glissato rispondendo” possiamo essere molto amici”.Quella sera tentai un approccio diverso. Guardandoti con occhi umidi ed innamorati ti dissi in, un sospiro, “scemotta…”, tu , con occhi impertinenti e sorriso malizioso, mi rispondesti ( ricordi?) “ scemotto sei tu”.
Una dolce schermaglia, preludio a una storia d’amore.
Ora, però, fermiamoci qui. Facciamo una grande magia. Cancelliamo il passato,
ingrandiamo l’immagine di quella sera, rendiamola luminosa, mettiamola al centro dei nostri pensieri. Ci guardavamo sorridendo, salutandoti ti dissi: “ti telefono domani”. Tu mi rispondesti: “grazie, mi fa piacere”. Così eravamo.
Trasmettiamoci oggi un segnale di pace e di affetto.
I pensieri positivi non hanno problemi di spazio e di tempo. Si incontrano anche quando si realizzano in momenti e luoghi diversi. Qualcuno dice che è possibile leggerli nelle notti di luna piena.
Io ho trovato la strada, vivo in buona compagnia, spero anche tu.
Buona notte Anna.
Se puoi, e se vuoi, replica con
"buona notte anche a te", un sigillo prezioso sul nostro passato.
18 Maggio 2019 Roberto



Share |


Scrittura creativa scritta il 18/05/2019 - 00:43
Da GIOVANNI PIGNALOSA
Letta n.147 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Hai sistemato un conto sospeso del passato... scritta benissimo

Maria Isabel Mendez 19/05/2019 - 01:33

--------------------------------------

Lettera ben concepita. Sconosciuta la risposta di Anna per non sminuire il ruolo dell'attuale compagna di cui non era necessario l'accenno. Scritta magistralmente questa è per me un bellissimo tuffo nel passato quando si ballava in casa ben sorvegliati ma mica tanto. Complimenti Giovanni

Ernesto D'Onise 18/05/2019 - 16:38

--------------------------------------

Ecco
...a parte quel "vivo in buona compagnia" che sminuisce il tuo presente, o meglio, la tua compagna, , direi perfetta

laisa azzurra 18/05/2019 - 10:00

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?