Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sui velieri del sole...
La Luna stasera...
Loro, robot...
L'inizio della fine....
Amore sei...
Acrostico...
Insonnia...
Cattiveria...
Ubriachiamoci, uomin...
Amnèsia...
I sorrisi del cielo...
HAIKU N. 10...
L'equivoco...
Chi è veramente ricc...
Il lato oscuro della...
DEAMICISIANA SECONDA...
Cara estate sognante...
Finche'il mondo esis...
VIVERE...
Isabel...
Parlar d'amore...
QUELLA FACCIA OSCURA...
Forse è solo fortuna...
Un giorno prenderemo...
La casa rosa...
Lontano da questa st...
Maremma...
Notte taciturna...
Che strana la vita: ...
L\'ultima...
Inopportuna...
Con te...
Peso specifico...
ad Anjia P. Ettorova...
Felicità...
...difficile...
Una Guancia...
Haiku...
Io l'anima, io il co...
I migliori possono e...
Crociata culturale (...
Ti ricordi luna?...
Il campanaccio...
Haiku T...
Caterina...
DEAMICISIANA PRIMA :...
I magnifici sette...
Notte bianca a San F...
Fragili...
HAIKU n...
Se il mio vivere......
È necessario riparar...
Inquieto pensiero...
il bisogno di te...
Piombo...
DELIRIO.......
Il Tempo Sottrae...
Vita ordinaria...
MALINCONIA...
Eppure la palla di v...
Una bimba mora deve ...
Da una gentilezza, p...
C'è sempre un vento...
La verità, quando vu...
Episodio...
Alcune volte nella n...
unto di femminicidi...
Il mio senso vive so...
Proposte particolari...
Donna Fugata...
IL GRUPPO BASE...
L'amore per la Natur...
Il sole cieco...
e poi, e poi ancora...
Il pane...
VIVERE NEL VUOTO...
L’aprimitili...
Passione di fuoco....
CONVINZIONI...
La stella cadente...
Dove il tempo...
PELLEGRINAGGIO A MON...
L'astronauta e la Lu...
POTEVO IO ESSERE RE...
IL PRIMO AMORE...
Natura...
Sono vecchio...
mondo pazzoide...
VITA SCAPIGLIATA...
Nel bagliore di una ...
CLANDESTINO...
Un figlio ti cambia ...
Enzo Jannacci...
Un'estate al sud...
Vanno gli innamorati...
Notti di luna...
Parentesi...
Il pensiero...
Gocce in cielo...
Quel sussurro...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

AMNESIA

Le istruzioni sono:

scrivi un racconto in cui una persona si sveglia e non ricorda chi sia e nemmeno dove si trovi…poi arriva una telefonata di tipo sentimentale o affettivo


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



IL RISVEGLIO

Un mattino una luce scialba inondava la stanza azzurra, dove il bianco del letto e i candidi camici del personale in quel luogo, indifferenti andavano e venivano. Era l’ospedale Cristo Re, distesa in un letto aprivo gli occhi dopo tanto tempo che mi sembrava una vita, anche se della mia vita non avevo nessun ricordo. Nascevo ora, la mia mente era mutilata non sapevo neanche il mio nome. I fatti più intimi erano stati inghiottiti in un abisso profondo, il trauma subito aveva inciso il cervello, l’archivio dei miei ricordi era andato perduto insieme ai legami affettivi. Dovevo tornare alle origini, riaffermare il mio stato, ero solo una larva che si autodistruggeva nel tentativo di ricordare…Chi ero? Come mi chiamavo? Il desiderio di avere risposte mi creava ansia, rinnegando ogni possibile soluzione ero immobilizzata da fantasmi senza volto, senza storia. L’uomo è una macchina e il mio corpo reagiva come tale, ma avevo bisogno della mia entità. Nella tarda mattina un gruppetto di persone mi fecero visita, dai loro visi traspariva gioia e tristezza impacciati mi ripetevano: – Ce l’hai fatta, sei sveglia sei di nuovo fra noi.- Con lo sguardo struggente cercavo in quei volti qualcosa di familiare ma non vedevo altro che estranei. Fra loro un uomo alto dal viso buono mi prese la mano la strinse teneramente e balbetto un nome Francesca! La mia reazione fu indifferente ed infastidita, lui portava una fede e questo particolare peggiorò la situazione. Che voleva? Chi era? Lasciò scivolare la mia mano e sconsolato uscì dalla stanza. Avevo bisogno di sconfiggere la mia fragilità, combattere lo shock, tornare me stessa, ma da dove iniziare? Tranquilla mi rassicurò l’infermiera non appena sole,:- Sono i suoi parenti e il bell’uomo è suo marito. Francesca è come se tu fossi affetta da miopia, piano piano vedrai sempre più chiaro e il tuo buio si colmerà di luce e ricorderai.- Quelle parole le chiusi nel perimetro dei miei pensieri per sentirmi protetta e rassicurata. Il giorno seguente mi dissero:- Ti vengono a prendere…torni a casa! -Timore paura ma dovevo pur iniziare, forse tra gli oggetti familiari avrei saputo chi ero. Un taxi e quella che doveva essere la mia vecchia tata mi portarono a casa.Sulla porta c’era lui con gli occhi lucidi e un bel sorriso, era tutto in ordine, nel frigo la birra di lui e il tè verde che doveva essere mio. Squillò il cellulare me lo appoggiò all’orecchio e una voce squillante gridò:-Francesca sei a casa ora ti raggiungo ho una sorpresa per te-. L’attesa fu breve, la ragazza che aveva chiamato era mia sorella, la porta di casa si aprì e una furia pelosa mi travolse leccandomi il viso la testa. Billy gridai, la molla era scattata ricordai l’incidente e il corpicino pieno di sangue del cagnolino…Avevo rimosso tutto pensando di essere in paradiso con lui. Scodinzolò per tutto il giorno ed io ritrovai la mia vita, l’amore e il coraggio di lottare ancora!


Mirella Narducci




Share |


Scrittura creativa scritta il 09/07/2019 - 19:37
Da mirella narducci
Letta n.113 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


wow
piaciutissimo, Miry cara
ops, abito a cinque minuti dal Cristo Re

laisa azzurra 10/07/2019 - 20:49

--------------------------------------

Ben descritta l'angoscia e la paura di ritrovarsi in una realtà sconosciuta...il lieto fine distende l'atmosfera regalando una nuova gioia di vivere...
Sempre brava nelle tue scritture!

Grazia Giuliani 10/07/2019 - 17:33

--------------------------------------

Sì, una bella scrittura.
Ho passato tutto questo con mia madre dopo la sua malattia.
Un saluto

Loris Marcato 10/07/2019 - 14:16

--------------------------------------

REDAZIONE...Vi ringrazio per le belle parole e l'attenzione che mi dedicate. Sono sempre puntuale alle prove creative perche amo scrivere a volte mi chiedo quanto sono felice nell' istante in cui mi accingo a farlo, mi da gioia e migliora me stessa.Vi devo un grazie!

mirella narducci 10/07/2019 - 14:01

--------------------------------------

ALBERTO MIRKO in primis vi ringrazio per avermi letto. Più che il finale pensavo facesse presa l'analisi che fa una persona senza memoria, deve essere tremendo, nella mia storia tutto si è risolto bene. Ciao ragazzi alla prossima...

mirella narducci 10/07/2019 - 13:36

--------------------------------------

Davvero un bel finale, complimenti.
Un salutone

Mirko (MastroPoeta) 10/07/2019 - 12:13

--------------------------------------

mi è piaciuta la parte finale del racconto, le 3 righe finali.***** Un carissimo saluto a lei, sig.ra Mirella,

Alberto Berrone 10/07/2019 - 00:48

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?