Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

È come se...
D'autunno le foglie...
I tuoi occhi...
Mare Nostrum...
Aristocrazia nera...
UNA SANA NOTTE ...
Decisioni difficili ...
Disegno a matita...
Maionese...
In un momento...
Pe’ te pute’ vasà...
La novella arca di N...
Pinco Pallino...
Voci...
Senza fretta...
Butterflies...
Nonni....
Delicatezze...
Ogni tua parola...
ODIO BARBARICO...
Non a mare...
Watteville...
ED ANSIE COLORAI D'...
METAFORE (3)...
Il Giorno Dopo...
I giorni di un bacio...
Ultima strada...
Un bacio...
I giovani e i social...
Abbandonati al gioco...
PROFUMI...
DOVE VIVONO GLI DEI...
Brezza...
A casa...
Normalità...
Patetico Novembre...
Non attendere oltre...
Ore d'oro e di piomb...
E' NOTTE ACCENDI...
Indimenticabile rico...
Senzatetto e non sol...
Addio del vecchio po...
Riverso in versi...
Haiku 16...
Dopo una notte di li...
Se...
E le stelle ad osser...
Puzzle...
Mai più....
Tanka 12...
Un pomeriggio...
HAIKU N...
GUARDAMI...
Tony Ligabue,arte e ...
Dove batte il cuore...
il ragno e la mosca...
UNA GOCCIA...
La notte è una testa...
Gianna la matta...
Tu oltre il tempo...
e lì, dormire...
Ombra...
Simmetrie di pura me...
UN REGALO DAL CIELO....
Tana!...
QUALE REALTA’...
Old...
Il tempio...
IL TEMPO LADRO DE...
NOI NON CI CHIAMIAMO...
15 Novembre 2019...
Haiku n 9...
Nel calle brullo...
Addio...
Verso il mio infinit...
Aspetando Anna...
Sogno...
Vorrei...
AFORISMA La statu...
Ricordi sul muro...
SOLO UNA ROSA...
Nasce tutto per caso...
Gravita'...
E' BELLO...
Mia opinione su Poes...
Haiku 17...
la coscienza in vers...
Delfi...
Fogli di neve...
Addio....
Quando salivo i grad...
Eri....
Foulard...
DENTRO ME...
Essenza di un tempo ...
Un arcobaleno a nove...
Haiku 2...
Le nuvole della piog...
Reclame...
Telefonofobia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

AMNESIA

Le istruzioni sono:

scrivi un racconto in cui una persona si sveglia e non ricorda chi sia e nemmeno dove si trovi…poi arriva una telefonata di tipo sentimentale o affettivo


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Amnesia/Risveglio

Il sonno vegliava il suo volto nella dolcezza del mattino quando ancora il sole si nascondeva dietro pallide colline ai piedi del mare.
Con leggere onde mormorava melodie di pace e lentamente si apriva al nuovo giorno per incontrare la luce del sole in un'alba appena sorta.
Si rigirò nelle lenzuola colorate come il suo cuore, ancora addormentata si stiracchiò le gambe racchiuse in un abbraccio confuso e naturale come la posizione fetale.


Lei era il silenzio deciso di una donna che amava la vita e il sole anche quando il tutto sfrontatamente prendeva una piega diversa sotto lenzuola gonfiate dal vento o nella brezza di un mare in tormento.
Aprii gli occhi e rigiro lo sguardo per scoprire quel raggio di sole che filtrava dalla finestra socchiusa.


- Non riconosceva niente di quel posto, guardava sorpresa l'armadio celeste come il cielo terso, ma scopriva di non sapere nulla di quel che vedeva.
Il suo cuore batteva all'impazzata dentro il suo petto e la paura inizio a possederla come si possiede la morte nella notte più scura.
Guardava cercando di svegliarsi da quell'incubo oscuro che avvolgeva la sua mente, senza capire chi era quel corpo disteso tra lenzuola distratte e colorate di giallo.
"Martina non sapeva neppure il suo nome ... finito nell'oblio più scuro della sua mente, non ricordava niente di niente.


Si alzò tremante dal letto e poggiò i suoi piedi candidi sul pavimento di ceramica colorata in quella stanza sconosciuta.
Fece fatica a stare eretta perché la testa girava come in un baratro terribile o in un vortice violento che voleva annientarla con la paura, o meglio il terrore di essere vittima in un posto sconosciuto che non le apparteneva assolutamente.
Il telefono squillo come un diapason lento e intenso allo stesso tempo, le bucò il cervello e le fece perdere l'equilibrio.
Il letto vicino sostenne il suo corpo e si ritrovò di nuovo in posizione supina.
Quel trillo continuò per un tempo infinito a ferire le sue orecchie e dovette fare un sforzo per raggiungere il telefono e rispondere ...
Sentii la sua voce distante come se non gli appartenesse e tremò tra i suoi seni la paura viscida, come una serpe, la possedeva.
Una voce sensuale, dolce maschile la chiamava dall'altra parte del filo invisibile...


-Pronto tesoro ci sei?
Pronto, pronto continuava a sentire senza capire chi fosse quella persona che invece intuiva, la conosceva molto bene.



La chiamava Martina,oppure tesoro con molta dolcezza.
Il suo cuore fece una capriola come se con un barlume di vero riconoscesse quel suono dolce e sensuale come il vento di aprile che lei forse amava ... quando la brezza leggera sfiorava la sua pelle e la faceva vibrare dentro l'anima.


Provò a formulare una domanda, ma le sue labbra rimasero mute, serrate e in preda alla paura.
Riprovo di nuovo mentre sentiva lui che la chiamava con dolcezza ancora e ancora .
Così finalmente sentii la sua voce flebile che chiedeva
- chi è lei ?
- Martina tesoro sono io Gabriele...
chi vuoi che io sia tesoro?
Ci sei?
Che cos'hai perché sei così spaventata, dormi ancora?


Domande e punti interrogativi che non riusciva a focalizzare su di un volto, nessuna identità apparteneva a quella voce sconosciuta per la sua mente, caduta nell'oblio profondo come la notte più scura senza stelle e senza Luna.
Cercò di fare uno sforzo terribile per riconoscere quel suono, ma non ci riuscì.
Intanto lui parlava continuamente di giorni accaduti
e condivisi insieme nella passione gioiosa dell' amore.


Gabriele, Gabriele chi era?
Si chiedeva, cercando di visualizzare due occhi sorridenti come la voce che sentiva attraverso quel filo invisibile che teneva tra le mani serrate, come se fosse l'unico contatto con il mondo interno ed esterno, dove si era persa tra cunicoli e atri della sua mente lontana da lei, dal suo cuore che pulsava ferocemente nel suo petto, quasi a ricordarle che era viva pulsante e vera.
Voleva ascoltare e strinse ancora più forte quel filo che la teneva legata ad un giorno diverso, opaco dove la sua mente era scappata con tutti i ricordi.
Poi la luce invase la stanza e un barlume di vero
si conficco nelle tenebre e con fatica inizio a visualizzare i tratti di un volto sorridente e dolce che forse tanto l'amava.
Lo sentiva attraverso la nebbia opaca senza il tepore del sole.
Piano piano quel volto si riempì di due occhi scuri, un naso, una fronte superba e intelligente, aperta a lei.
Poi un sorriso completò il tutto e due labbra piene fecero il resto...
dando un'identità a quel suono di voce e un volto molto familiare che le apparteneva da sempre.
La sua mente fece un guizzo strano e finalmente ricordo tutto.


Lui parlava ancora con dolcezza e la sua voce sensuale le fece battere più forte il cuore...era innamorata e lui era...
si era l'unico amore della sua vita.
Suo marito.
Socchiuse gli occhi e scoprii di essersi svegliata in quell'istante con due braccia attorno al suo corpo che l'avvolgevano con amore.
Lui era lì nel suo letto colorato di giallo ad augurarle il suo dolcissimo risveglio.
Felice si strinse a lui, è inizio a baciarlo dolcemente.
L'alba era sorta e quel giorno pieno di sole sarebbe stato fantastico tra lei e il mare, dentro l'isola del suo amore, nel pieno risveglio!




Share |


Scrittura creativa scritta il 25/07/2019 - 12:42
Da Margherita Pisano
Letta n.287 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Sei sempre bravissima i miei complimenti

Barbara Lai 26/09/2019 - 13:00

--------------------------------------

Grazie a tutti... per aver letto e commentato a Mirko Laisa Alberto e Giivanni. Buon fine settimana

Margherita Pisano 26/07/2019 - 13:38

--------------------------------------

Un risveglio dolcissimo, l'alba ti ha tenuta per mano facendoti dimenticare il buio della notte.
Ciao Margy, quando incontro un tuo scritto non perdo l'occasione di leggerti

GIOVANNI PIGNALOSA 26/07/2019 - 10:46

--------------------------------------

un bel racconto che l'ho trovato abbastanza poetico. Piaciuto.*****

Alberto Berrone 25/07/2019 - 23:41

--------------------------------------

Mi è piaciuto molto.
Complimenti, e un salutone

Mirko (MastroPoeta) 25/07/2019 - 15:56

--------------------------------------

L'amnesia in un sogno
...e poi, il lieto fine tra quelle lenzuola giallo sole
il dolce risveglio

Molto bello Margy


laisa azzurra 25/07/2019 - 13:59

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?