Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

IL PROFILO DEL TEMPO...
Il vecchio frantoio...
All’ombra delle stel...
Ho camminato cento p...
Da secoli più non mi...
Come posso capire di...
Il cerbiatto...
Nella...polvere!...
I cinque semi......
il brigante...
Maternità...
le parole non cambia...
Un tramonto sul mare...
L'ultima lacrima...
L'ultimo canto...
Strano fiore...
DESIDERI...
AMAMI...
Mani tese...
UN AMICO...
Germogli di felicità...
POETI SENZA POESIA...
Passi...
Brumoso assopirsi...
Ricordi di Taormina....
Fanciulla felicità(C...
Ogni volta che vuoi ...
DONA LA PACE...
FIGLI E… FIGLIASTRI...
L'affetto è un liqui...
Se potessi le regal...
ALUC...
Nepal...
L’AMORE È COME UN’ON...
Introspezione...
Oggi si compra tutto...
Ombre d'ametista...
Gioco dell'inganno...
Indifferenza...
Il Bacio...
Goccia nel mare...
Fuggi...
Opulenza nuda......
Dall’amore dei figli...
La Cattura...
Paradiso...
Ombre di cenere...
Agognati silenzi...
Canzone...
La casa della gente ...
GRANDE PASSIONE...
Sorgenti d\\'Amore...
Carezze di comodo...
FRAGILI FOGLIE NEL V...
Un bacio dopo l’altr...
Non so dove mi porte...
Melodia ed armonia...
IL TEMPO DEI RICORDI...
Pensieri...
L'uomo e il progress...
Riprendo la strada...
Sorrido...
Eventi...
Maschio …,Maschio???...
la divina arte di mi...
Sete di pace...
Ti porterò con me...
Ispirata dai salmi...
Ardente...
Sbagliare...
TU CHE NE SAI...
Momenti...
Naufragi...
inverno nel cuore...
Tempesta...
Lucida follia...
POMERIGGIO DI PULIZ...
Ritrovarsi...
COME CURVE DI SERPEN...
Per Leonie...
Impegnarsi ad odiare...
Se un giorno viagger...
Nei tuoi pensieri...
Non giudicarmi...
Riceverai mille vite...
AMARE PER POTER...
Il Supercomputer...
sorella lacrima...
A te!...
PREMORTEM di Enio 2...
Chi ti vuol bene no...
La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
La casa del serpente...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Vecchio

Ho visto in una stanza
uno vecchio ricurvato,
con la testa piegata sulle gambe,
seduto su una sedia
con le ruote nuove e spolverate.


Se dormisse o fosse sveglio
non si capiva.
Era come se tutti i suoi anni
si abbattessero
all’improvviso sul quel cuore che moriva.


Come se la vita per sua viltà,
si fosse
stancata di questo vecchio
malandato e sofferente senza età.


Eppure se lo teneva
lì in bella mostra,
per un suo capriccio
infame, maledetto e prepotente.


Adesso è collocato al centro del salotto,
con i capelli laidi e scombinati.
Ma se alza gli occhi
si vedono laceranti, pietosi e lacrimosi.
Si può notare
che tutti i suoi pensieri
sono per l’aldilà.


Per di qua
rimane solo, un istante, un momento,
proprio uno di volata
deciso dalla vita,
trascinato da una forza
traditrice e disgraziata.


Niente mai dice quel poveretto
pronto per il trapasso,
con nel cuore un grande, terribile, sasso.


Parla attraverso
il silenzio di quella stanza vuota,
mentre gira adesso per tutti noi
quella ruota.


(Il disegno allegato, così pure le altre immagini che accompagnano i precedenti brani, sono dello stesso autore)



Share |


Poesia scritta il 11/09/2017 - 09:03
Da Vincenzo Scuderi
Letta n.131 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


E quel sasso sul cuore...quanto è grande il dolore!
La solitudine estrema mi ferisce sempre è una spada che penetra nell'anima.
Molto vera e bella...

margherita pisano 11/09/2017 - 21:32

--------------------------------------

Complimenti molto bravo. Una realtà quotidiana, che diretti o indiretti assistiamo. 5*

donato mineccia 11/09/2017 - 19:27

--------------------------------------

molto bella bravo

GIANCARLO "LUPO" POETA DELL 11/09/2017 - 18:45

--------------------------------------

Una sola domanda: il disegno è tuo? Se non sei tu, non potresti dire il nome per rendergli giustizia: è molto bello. Ora vado a riguardare le altre tue opere, fin quando il tempo me lo consente!

Giulia Bellucci 11/09/2017 - 16:57

--------------------------------------

Una poesia a rappresentare una drammatica realtà è che ho letto con un nodo alla gola perché troppo mi sento coinvolta in questa realtà da te rappresentata. Ovviamente mi ha fatto molto piacere leggere il commento di Enio e mi ha ridato un po'di luce! Poesia che mi ha coinvolto molto!

Giulia Bellucci 11/09/2017 - 16:54

--------------------------------------

Tristissima
La solitudine della propria esistenza, anche negli ultimi istanti

laisa azzurra 11/09/2017 - 15:54

--------------------------------------

beh, almeno noi abbiamo ancora tutta una vita davanti, almeno io che ho solo 83 anni meglio ridere che pensare alla fine che accomuna tutti.
comunque 5* non te le toglie nessuno

Vincenzo

enio2 orsuni 11/09/2017 - 14:59

--------------------------------------

Ben reso in poesia il sentimento, la condizione, l'attimo, la crudeltà della vita che in certi casi si accanisce... quel vecchio su quella sedia a rotelle, con le ruote nuove e spolverate, ha scritto un romanzo in queste poche righe. ciaociao...5*

Spartaco Messina 11/09/2017 - 14:44

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?