Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
NIPOTI...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Mi hai detto... ( Po...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...
Riflesso d\'Argento...
In Questo Confuso An...
Il MIO NOME È LiBERT...
Canzone per un'amica...
Tutti siamo stati ba...
La stagione dell'amo...
Canto del vento sull...
Mio Padre...
Senza tempo...
Il silenzio della ne...
Un altro whiskey...
NE UCCIDE PIU LA LIN...
La montagna...
SERA D'OTTOBRE...
Roma...
Il nonno...
Can'e gatto...
Tutto passa...
Game over...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

IL BAMBINO DI IERI

L’odore dell’erba
appena falciata
m’inebria nel ricordo
di quando fanciullo
correvo scalzo
con la melodia dei grilli
e degli uccelli
rimiravo
i loro frulli.
Oggi
il bambino di ieri
non corre più sui prati
ma in bilico sul tempo
rubando ai giorni
il loro profilo più bello.
Con la clessidra in mano
gira le ore
come gira il vento
le pagine di un libro
scritto con la sabbia
che fugge dalle dita.
Ma non fuggono
i ricordi
quando hanno i piedi scalzi
e l’odore dei campi
da poco falciati
e nello sguardo
il volo degli uccelli.
I ricordi restano
indelebili
perché hanno scolpita
un’anima
quando
nel loro petto
batte il cuore e il tempo
del bambino
di ieri.


Share |


Poesia scritta il 23/09/2017 - 19:22
Da antonio girardi
Letta n.153 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


I ricordi volteggiano, fremono e vivono in noi e ci conducono verso la metà della vita ricordandoci che noi viviamo di essi è con essi. Emozionante poesia Antonio! Scusami se arrivo tardi e se ne ho perse tante! Un caro saluto!

Ilaria Romiti 26/09/2017 - 22:01

--------------------------------------

semplicemente stupenda
il bambino di ieri vive in noi
dovremmo ascoltarlo un pò
e perderci nella genuinità di allora
vivremmo più di bellezza e meno di dolori

laisa azzurra 24/09/2017 - 18:12

--------------------------------------

Mi ha molto colpito questa poesia già dal titolo...il bambino di ieri, che continua a vivere dell'adulto di oggi ed è così che deve essere, affinché, come scrive l'autore, si possa sempre rubare alla vita il suo profilo più bello...
Piaciuta molto

PAOLA SALZANO 24/09/2017 - 13:06

--------------------------------------

Molto piaciuta. Ci sono molte immagini che si sovrappongono, con quel bambino dai piedi scalzi che saltella tra il frinire dei grilli, all'adulto che cammina sul limitare di uno spazio, ma che rimane sempre lo stesso bambino. Giulio Soro

Giulio Soro 24/09/2017 - 12:23

--------------------------------------

Avevo fatto un commento a questa bella poesia, poi l'ho perso...sbagliato a pigiare un tasto, le stellette credo. Lo ritento... io vedrò fotografia in tutto, ma qui c'è proprio. Il fanciullo scalzo che corre nell'erba appena falciata...un buon fotografo riesce a far sentire pure l'odore, come in questa poesia. Altre immagini forti: grilli e uccelli che cantano o friniscono. L'anziano, o l'uomo maturo con la clessidra in mano...grande idea per una foto costruita mediante allegorie...un libro dalle cui pagine esce la sabbia dei ricordi...difficile invece ritrarre un ricordo col cuore che batte: una sfida. Piaciuta molto. Un saluto.

GianMaria Agosti 24/09/2017 - 10:53

--------------------------------------

Bellissima.I ricordi sono indelebili e quelli di un fanciullo rimarranno sempre freschi nella memoria. Un odore, un rumore, un'immagine, li fanno riaffiorare e, pur girando le ore nella clessidra del tempo, fanno rivivere gioie ormai andate, ma presenti nel cuore.

Teresa Peluso 24/09/2017 - 08:39

--------------------------------------

Stupenda!!!!! *****

Angela Randisi 24/09/2017 - 08:05

--------------------------------------

A volte sono i profumi a suscitare un ricordo, altre volte invece sono i ricordi a suscitare i profumi... quando le due possibilità si fondono, è inevitabile tornare indietro nel tempo fino quando si era bambini...

Ken Hutchinson 24/09/2017 - 00:13

--------------------------------------

Davvero bella, una poesia che effigia il ricordo indelebile del passato che non può tornare è tempo che fugge tra le dita. Bella 😊

Stefano Salvatore 23/09/2017 - 23:40

--------------------------------------

Davvero bella, una poesia che effigia il ricordo indelebile del passato che non può tornare è tempo che fugge tra le dita. Bella 😊

Stefano Salvatore 23/09/2017 - 23:40

--------------------------------------

Belle e struggenti immagini...
i ricordi hanno i piedi scalzi...
molto piaciuta Antonio

Grazia Giuliani 23/09/2017 - 21:51

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?