Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
LA CAREZZA...
PROVERBI in RIMA...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...
Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Fiori

Quando ti amavo
i fiori del mio corpo
brillavano festosi
più del mio abito rosso.
La mia bocca rideva
agganciando i tuoi occhi.
Con le dita tenevo
la tua bellezza ansiosa.
Mi credevo oramai
tua padrona per sempre
anche mentre ridendo
alla mano avvolgevi
i miei capelli sciolti
e mi traevi a te,
senza garbo,
ridendo.
Mi sentivo signora
dei tuoi respiri fondi
che imploravano inermi
pace, pietà e perdono
sulla pelle più bianca.
Quando mi amavi
regnavo sull’estate,
sul cielo, sopra i campi
e sull’acqua del mare.
Anche il sole d’agosto
celebrò il mio trionfo
sospendendo per poco
il calore bruciante
perché io sola splendessi:
tenerezza di padre.


Share |


Poesia scritta il 14/02/2018 - 05:57
Da G. V.
Letta n.87 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


veramente bella..

Francesco Gentile 14/02/2018 - 22:47

--------------------------------------

Ciao, molto bella e piaciuta.
Almeno sapere il tuo nome?
saluti.

Luca Fiazza 14/02/2018 - 22:39

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?