Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...
I bisbigli del cuore...
SEI NELLE MIE MANCAN...
LA LOTTA DEL SOLE di...
Periferie...
Francisca...
Un dolce per te...
Mizzeca!...
Figlia mia...
NA SERA DORCE DE PER...
Due cuori e un'anima...
SHOPPING...
Una mano che mi rega...
Riflessi di seduzion...
POESIA...
L\'attimo!...
FEDELE SPECCHIO DEL ...
Poetic forms...
Suadente e nostalgic...
ACCENDI I TUOI SOGNI...
MONOLOGO A ME ...
L'oracolo...
caparbiamente sorda...
Fuggire...
Nell'orto...
Giugno......
Il pianeta dell'Amor...
LEGGENDA PERSONALE...
LI SOGNI di Enio 2...
Muri di vento...
Un folletto bizzarro...
con gli occhi chiusi...
LE ROSE ROSSE SUL SU...
amami...
Dannarsi l’anima cre...
Dolore sulla notte...
Con una stretta di m...
primaverile tempo...
Haiku A casa...
AMARTI...
Non c 'è scappatoia....
Penso al destino...
SCIARADA...
Tra le rive delle no...
Un'ambizione che spa...
Tu...
Paradiso in fiamme...
SUPERBIA......
Ciò che distingue l'...
Il Corpo di Psiche...
Perle di Luna...
IL POETA COLTIV...
Dal diario di una pr...
Prendetevi una pausa...
SOLO MARE...
Ho parlato di voi a ...
MALE INTERIORE...
Animundus...
LE BANDIERE...
Cinque minuti di cel...
Io e te per sempre...
LA MORTATELLA DE SO...
Gabbiano...
prima di buttarti vi...
RACCONTO TRA PROSA E...
Vorrei amarti ancora...
Il meglio di me...
Il riflesso...
Pensieri sparsi su G...
mi son concessa di p...
Il primo bacio...
RITORNO...
La notte che Sigfrid...
L\\\'ISOLA...
La rimembranza...
L\\\\\\\'insegnament...
Senza speranza...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il Giardino di Campolico

Quanti ricordi affiorano nella mente
la mia fanciullezza e la mia gente
Eri un immenso giardino
E nasceva dalle tue terre un ottimo vino
Cresceva grano, fieno e frutta
E pascolava la capra la pecora e la mucca
Ora questo non c’è più e mi addolora
Tutto è abbondonato e non mi consola
Raggiungerti allora era sudore
A piedi, con asini o muli dell’ore
Canti di stornelli s’intonavano per la via
Racconti di vita che sembravano poesia
In primavera era festa tutte le ore
Perché la natura era tutta in fiore
Una sinfonia di canti profumi ed odori
Ed un arcobaleno di colori
Ancora più bello era ed è guardare
In lontananza le spumeggianti onde del mare
Che da Faro punta Stilo fino a Capo Spartivento
Guardi un orizzonte senza voltar il mento
Che dire dei canti delle donne che sembravan poesie
Nel zappettar il grano intonavano le loro melodie
Canzoni melodiose e d’amor cantavano
Il bucato nel ruscel lavavano
Donne energiche e forti
Sempre in compagnia dei propri consorti
Dolce e tenero momento conviviale
E l’invitar il proprio commensale
A pranzar all’ombra di un castagno
E riposar dopo con il compagno.


Share |


Poesia scritta il 09/06/2018 - 18:57
Da ANTONIO ZOCCOLI
Letta n.54 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Bellissima lirica e la tua rima

Francesco Cau 10/06/2018 - 19:52

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?